Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, i ristoratori trentini: ''Servono interventi straordinari per ripartire: abbiamo bisogno di aiuti a fondo perduto''

Un po' come gli albergatori, i ristoratori chiedono un intervento corposo e importante per fronteggiare la crisi economica innescata dalla pandemia Covid-19. Fontanari: "Non c’è più tempo da perdere. E' necessario un intervento concreto anche per poter creare le basi di una solida ripartenza"

Pubblicato il - 05 aprile 2020 - 21:10

TRENTO. "Abbiamo bisogno di aiuti a fondo perduto". Così Marco Fontanari, presidente dell'associazione ristoratori del Trentino, che aggiunge: "Per tutelare la salute, giustamente, ci è stato imposto di chiudere e questo anche a tutela nostra e dei collaboratori, anche perché il nostro lavoro è fatto di contatti e relazioni. Adesso, però, è venuto il momento di pensare alla salute delle nostre aziende".

 

Un po' come gli albergatori (Qui articolo), i ristoratori chiedono un intervento corposo e importante per fronteggiare la crisi economica innescata dalla pandemia Covid-19. "Non c’è più tempo da perdere - dice Fontanari -. E' necessario un intervento concreto anche per poter creare le basi di una solida ripartenza".

 

Nel frattempo sono stati messi in campo la moratoria dei mutui, la possibilità di aprire nuove linee di credito e alcuni interventi.

 

"Un primo aiuto - prosegue il presidente dei ristoratori -  una boccata d'ossigeno, però chiediamo che ci venga riconosciuto quanto non abbiamo potuto incassare e non incasseremo a causa della chiusura. Siamo pronti a presentare i bilanci degli anni scorsi, con gli incassi degli stessi periodi. Abbiamo bisogno quindi di aiuti a fondo perduto: la moratoria dei mutui, l’apertura di nuove linee di credito, alcuni pagamenti posticipati rischiano di essere un boomerang per molte aziende. Abbiamo invece bisogno di liquidità, di interventi tangibili e concreti, come avviene in Germania".

 

I pubblici esercizi in Trentino rappresentano 3.852 aziende con oltre 14 mila addetti. La ristorazione 1.480 con oltre 7.600 addetti. "Siamo un settore vitale che ha bisogno di sostegno - spiega il presidente - anche una volta terminata l’emergenza occorre affrontare alcuni temi cruciali, come il ritorno alla contingentazione delle licenze e ai voucher, strumento la cui flessibilità sarà indispensabile. Abbiamo bisogno di concreti abbattimenti del costo del lavoro".

 

Il settore della ristorazione naviga a vista in attesa che l'emergenza sia alle spalle. "I costi fissi rimangono e più passa il tempo e più le nostre aziende rischiano. Abbiamo anche le perdite per il deperimento dei prodotti o delle materie prime che erano presenti all'interno delle nostre attività, mentre i fornitori chiedono di essere pagati. Le limitazioni - conclude Fontanari - significano ulteriori costi e stretta nei ricavi.  Quando riapriremo vogliamo farci garanti che i nostri locali siano sicuri, quindi dovremmo provvedere alla sanificazione e altre misure, impensabile riuscire ad accollarci tutti i costi".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 maggio - 19:27
Complessivamente ci sono 5.399 casi e 461 decessi da inizio emergenza coronavirus in Trentino. I tamponi analizzati sono stati 1.694 per un rapporto contagi/tampone a 0,71%. Sono 12 i nuovi positivi, 9 con sintomi negli ultimi 5 giorni e 3 con screening
24 maggio - 18:58
I tamponi analizzati sono stati 1.694 per un rapporto contagi/tampone che resta sotto la soglia dell'1% di test positivi, a 0,71% per la precisione. Sono 4 i pazienti nei reparti di terapia intensiva. Il Trentino si porta complessivamente a 5.399 casi da inizio emergenza coronavirus
24 maggio - 17:24

Il Tweet indifendibile, se vero (che recita ''quelli con più morti siete voi lumbard e spero di vederli crescere sempre di più, schiattate merde''), è stato pubblicato il 21 maggio. Il giorno dopo l'Fbk ha dato la sua versione spiegando che il ricercatore ha affidato la questione alla polizia postale. Ieri è finito sulla pagina Facebook del leader della Lega (con circa 10.000 commenti) e, così, oggi l'assessore Spinelli si è sentito in dovere di dire la ''sua'' usando, comunque, due pesi e due misure rispetto ad altre vicende simili e più chiare

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato