Contenuto sponsorizzato

Trentino Export aiuta le aziende a ripartire: “Dopo il lockdown accedere a un mercato internazionale può fare la differenza”

Le imprese provinciali sono chiamate a rispondere all’appello della ripartenza, in una fase che per loro sarà cruciale, conquistare nuove fette di mercato potrebbe essere determinante. Trentino Export: “È fondamentale creare delle prospettive alternative al mercato locale e italiano, i paesi di lingua tedesca si stanno mostrando molto ricettivi”

Di Tiziano Grottolo - 12 maggio 2020 - 20:16

TRENTO. Con l’avvio della Fase 2 le imprese trentine stanno attraversando un momento cruciale e molto delicato: schiacciate dal lockdown, che ne ha imposto la chiusura forzata, si trovano difronte a una serie di interrogativi e dovranno affrontare un mercato che sostanzialmente non è più lo stesso di prima. Fra chi ha provato a reinventarsi convertendo la propria produzione e chi non può ancora aprire le incognite sono molte. Eppure chiudersi a riccio non serve a nulla, anzi, come sottolinea Trentino Export, cooperativa che da 45 anni promuove l’internazionalizzazione delle piccole-medie aziende trentine, questo è il momento per aprirsi a nuovi mercati.

 

Trentino Export ha superato indenne il lockdown senza mai fermarsi: “Siamo sempre riusciti a offrire assistenza alle nostre imprese in sicurezza – spiega la presidente Barbara Fedrizzi – proseguendo la ricerca di nuovi partner e organizzando incontri sfruttando tutte le tecnologie del caso”. La cooperativa inoltre, può fare affidamento su una rete formata da più di 30 collaboratori sparsi in tutto il mondo: “In questo periodo difficile – prosegue Fedrizzi – vogliamo ulteriormente sostenere le aziende con dei progetti personalizzati guardando con particolare interesse ai mercati di lingua tedesca”.

 

Austria, Germania e Svizzera, ma anche Svezia e Polonia, rappresentato altrettante fette di mercato che si stanno dimostrando particolarmente recettive verso le esportazioni trentine “per superare le criticità imposte dal contesto è importante dare alle aziende una soluzione di mercato alternativa – osserva la presidente di Trentino Export – supportandole sia dal punto di vista economico che per la creazione di progetti ad hoc. I mercati di lingua tedesca, storicamente, sono sempre stati uno sbocco naturale per il Trentino-Alto Adige – aggiunge – proprio perché le aziende trentine hanno ripreso con entusiasmo vogliamo offrire loro prospettive alternative al mercato locale e italiano”.

 

Chi si affaccia per la prima volta a un nuovo mercato o chi deve adoperarsi per rafforzare e mantenere un canale con l’estero deve comunque affrontare una serie di difficoltà: “Uno dei primi impegni che ci prendiamo è quello di verificare che le imprese che si rivolgono a noi abbiano una struttura adeguata, come un sito internet funzionale, una brochure almeno in doppia lingua – inglese e tedesco le più richieste – dopodiché il prodotto deve essere interessante per ambire a conquistarsi uno spazio sui mercati esteri”. Ed è proprio qui che Trentino Export mette a disposizione il suo know how attivandosi come una sorta di ufficio commerciale in outsourcing.

 

“La seconda fase – continua Fedrizzi – sarà quella di cercare potenziali partner, adeguati al prodotto all’azienda che deve promuovere. Sicuramente in questo passaggio è  necessario internazionalizzarsi, questo era imprescindibile anche prima, ma ora lo sarà ancora di più. Avere accesso a un mercato estero potrebbe fare la differenza, soprattutto in questa fase che i mercati internazionali possono essere più ricettivi”. Tante aziende provinciali guardano con interesse alle prospettive offerte da Trentino Export, sono centinaia le aziende che si affidano alle consulenze della cooperativa che offre assistenza anche per servizi di interpretariato e aiuto nella compilazione delle richieste di contributo legate alla legge 6 sull'internazionalizzazione. I settori sono i più disparati e vanno dal metalmeccanico al tessile passando per l’agroalimentare, con diverse cantine che guardano con interesse ai mercati esteri nella consapevolezza che accedere a una nuova fetta di consumatori potrebbe fare le fortune dell’impresa.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 ottobre - 19:56

Sono stati, purtroppo, comunicati 3 decessi tra Trento, Baselga di Pinè e Ville d'Anaunia: 17 morti in 13 giorni e 18 vittime in questa seconda ondata di Covid-19. Il bilancio complessivo è di 7.649 casi e 488 decessi in Trentino da inizio emergenza

22 ottobre - 18:32

Il presidente della Provincia di Trento è parso ancora ottimista anche se rispetto a qualche giorno fa ha ammesso che qualche preoccupazione c'è. Ma sui ''pochi'' contagi nelle scuole (che pure in pochi giorni hanno raddoppiato le classi in quarantena) la responsabilità ha spiegato che è delle attività extrascolastiche: ''Questo è un tema. Stiamo riflettendo con l'Apss''

22 ottobre - 18:07
Sono stati analizzati 1.231 tamponi, tutti letti dal laboratorio di microbiologia dell'ospedale Santa Chiara di Trento, 153 i test positivi. Il rapporto contagi/tamponi si alza a 12,4%. E' stata sospesa l'attività di verifica tamponi ai laboratori della Fondazione Mach a causa dell'infezione che è arrivata nella struttura di San Michele
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato