Contenuto sponsorizzato

Addetti delle pulizie a rischio, i sindacati: "Massima disponibilità da Olivi e Stocker"

Martedì 13 le tre sigle sindacali hanno incontrato l'assessore Olivi che si è impegnato a incontrare e fare pressione con i vertici aziendali dell'Autostrada del Brennero. I sindacati: "Il lavoro resta, ma nessuno si preoccupa di chi lo farà a inizio 2017"

Di Luca Andreazza - 13 dicembre 2016 - 19:13

TRENTO. "Non possiamo accettare che A22 resti indifferente - spiega Ermanno Ferrari di Fisascat Cisl - Abbiamo ricevuto la massima disponibilità dal punto di vista politico nella figura dell'assessore Alessandro Olivi. Nell'incontro abbiamo presentato la problematica, anche se il vicepresidente provinciale era in parte a conoscenza della situazione. Si è impegnato per fare pressione affinché A22 apra un dialogo. La prossima settimana l'assessore trentino e l'assessora altoatesina Martha Stocker incontreranno i vertici dell'Autostrada per farsi carico del problema in quanto stazione appaltante. Siamo soddisfatti in quanto questa problematica è stata recepita come di rilevanza politica. Aspettiamo l'incontro e siamo fiduciosi dell'istituzione del tavolo". 

 

L’assessore trentino ha assicurato  che insieme alla collega altoatesina faranno il possibile per evitare i licenziamenti. Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltrasporti hanno ribadito la netta contrarietà all'ipotesi di lasciare a casa 116 persone, senza che nessuno si faccia carico di questa responsabilità. A determinare questa situazione, come noto, è il fatto che Autobrennero, a differenza del passato, assegnerà la gestione delle pulizie delle 22 aree di servizio direttamente alle società che hanno vinto l'appalto dell'intera area di sosta. E per questi lavoratori, oggi alle dipendenze della cooperativa B&B service di Lucca, non c'è nessuna clausola di riassunzione.

 

"La verità  – hanno ribadito Roland Caramelle e Paola Bassetti della Filcams Cgil, Lamberto Avanzo e Ermanno Ferrari della Fisascat Cisl e Francesca Vespa della Uiltrasporti - è che nel cambio appalto non è stata prevista nessuna salvaguardia per questi lavoratori. La nostra sensazione è che pur di portare a casa un servizio ad un costo più basso, si siano sacrificate 116 famiglie. E resta certo che dal 1 gennaio qualcuno dovrà comunque svolgere i servizio di pulizie. Chi lo farà? Nessuno sembra porsi il problema, quantomeno in maniera esplicita".

E sulla questione gli stessi vertici di Autobrennero, chiamati in causa dai sindacati, fino a questo momento non hanno preso posizione, rimandando lavoratori e sindacati all'indirizzo delle società che vinceranno le gare d'appalto per le aree di servizio.

 

Una situazione che ha spinto Claudio Cia di Agire a presentare una doppia interrogazione in Provincia e in Regione in quanto "Autostrada del Brennero, una società di fatto pubblica, con principali soci la Regione Trentino Alto Adige, la Provincia di Bolzano e la Provincia di Trento, ha dichiarato di non assumersi responsabilità in merito alla tutela dei lavoratori e si rifiuta di farsi parte attiva nel chiamare al tavolo le società che, di fatto, lavorano per loro, mandando oltretutto suoi dipendenti a sostituire quelli in sciopero durante le giornate di protesta. Un atteggiamento inedito in Trentino, almeno entro questo contesto sociale".

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
24 giugno - 16:42
La senatrice ha interessato  i ministeri della Salute, del Lavoro e delle politiche sociali e della Giustizia. La giovane ginecologa di 31 [...]
Cronaca
24 giugno - 14:42
E' successo la scorsa notte e tutta la scena è stata ripresa dalle telecamere del locale. Fortunatamente l'arrivo del titolare ha fatto scappare [...]
Ricerca e università
24 giugno - 15:37
Per la prima volta i ricercatori hanno usato gli organoidi realizzati in laboratorio, allo scopo di ricreare tessuto cerebrale tumorale in [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato