Contenuto sponsorizzato

Aumenta il numero delle imprese, ma rimane elevato anche quello dei fallimenti. Ecco la situazione in Trentino

Mauro Leveghi, segretario della Camera di Commercio: "Anche il Trentino ha la forza e le capacità per reagire alla peggiore crisi dal dopoguerra"

Pubblicato il - 21 February 2017 - 18:34

TRENTO. Partendo dal Registro delle imprese, "una vera e propria anagrafe delle attività imprenditoriali", è stato possibile delineare la struttura del sistema imprenditoriale della provincia di Trento e la sua evoluzione dal 2005 alla fine dello scorso anno. Il lavoro analitico svolto dalla Camera di Commercio di Trento, si basa dunque sui registri presenti in tutti gli Enti camerali: "In tutta Italia censisce quasi 6.073.000 imprese e permette l’elaborazione di interessanti indicatori di sviluppo economico".

 

La crisi economica che dal 2008-2009 ha colpito, seppur con modalità e impatti diversi, anche la nostra provincia, ha causato fino al 2014 una riduzione consistente del numero di imprese registrate e attive presso il Registro Imprese della Camera di Commercio di Trento.

 

Se nel 2006 è stato toccato il valore massimo con 53.868 unità, a fine 2014 si rilevava un calo di quasi 2.800 imprese. Questo andamento negativo ha però subito un’inversione di tendenza due anni fa e ha fatto registrare, al 31 dicembre 2016, 51.749 imprese registrate per un saldo positivo pari a 220 unità in più rispetto all’anno precedente.

 

Anche le imprese attive, seppur non con le stesse percentuali di crescita, hanno segnato un aumento rispetto al dato di fine 2015: 47.035 con un incremento di 124 unità.

"Nonostante sia prematuro parlare di una tendenza consolidata - spiega la nota -  è evidente che, almeno per il biennio 2015-2016, si è interrotto quel processo durante il quale, per otto anni consecutivi, a causa della crisi economica, era stato eroso circa il 5% delle imprese presenti sul territorio provinciale".

 

Ulteriori elementi positivi rilevati dall'indagine curata dall'Ufficio studi e ricerche della Camera di Commercio di Trento riguardano la particolare vocazione del nostro territorio a realizzare nuove iniziative imprenditoriali nell'ambito dell’innovazione tecnologica e dei servizi avanzati (la nostra provincia è la prima in Italia per rapporto tra start-up innovative e totale imprese tra le province italiane) e il processo di graduale passaggio delle imprese verso forme giuridiche più complesse e strutturate, come la società a responsabilità limitata, a scapito di forme giuridiche più semplici.

“Pur in un contesto di perdurante difficoltà – ha commentato Mauro Leveghi, Segretario generale della Camera di Commercio di Trento – il sistema imprenditoriale provinciale non subisce passivamente la situazione. Vengono realizzate nuove iniziative d’impresa, crescono le aziende innovative, aumenta l’incidenza dei comparti di più recente sviluppo a scapito di quelli tradizionali. La mancanza di dinamicità dell’imprenditoria locale, che in passato era sempre stata ravvisata come uno degli elementi più penalizzanti dell’economia provinciale, pare ora essere meno rilevante; segno che anche il Trentino ha la forza e le capacità per reagire ai postumi di quella che, senza enfasi, può essere considerata la peggiore crisi dal dopoguerra”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 13 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
14 aprile - 15:25
In Trentino sarebbe tutto pronto per il via libera alla ristorazione. Salvini: "Ho sentito l'assessore al turismo della Provincia di Trento, mi ha [...]
Politica
14 aprile - 16:13
Al Governo si chiede anche di fare pressione sulle autorità egiziane per la liberazione dello studente. Maestri: “C’è anche il sì di [...]
Cronaca
14 aprile - 15:23
All'interno delle 21 capanne allestite in un villaggio alla periferia di Niamey, è bastato poco affinché il rogo si propagasse velocemente. I [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato