Contenuto sponsorizzato

Caffetteria del Mart, la Uil chiede un incontro formale a Olivi e Mellarini

Il sindacato scrive al Vicepresidente e all'assessore per trovare una soluzione e salvaguardare i lavoratori della caffetteria del Mart. Chiesto inoltre un incontro al presidente del Unione e Commercio di Rovereto per cercare un "traghettatore" trentino

Pubblicato il - 31 ottobre 2016 - 19:10

ROVERETO. Un incontro formale con il Vicepresidente Olivi e l'assessore Mellarini. Questo chiede il sindacato Uil-Tucs per sbrogliare la matassa legata ai dipendenti della caffetteria del Mart di Rovereto. Intanto il tempo è scaduto e lunedì 31 ottobre scatta la procedura di licenziamento per i nove dipendenti della Cosmar, la cooperativa bolzanina che si era aggiudicata l'appalto per la gestione della caffetteria "Le Arti".

 

La Cosmar, unica partecipante alla gara, è in liquidazione coatta e i lavoratori non possono contare sulla cassa integrazione in quanto è in atto una sospensione. Tutto è infatti bloccato fino alla chiusura della procedura di liquidazione: "Un bando congegnato male fin dall'inizio - afferma Stefano Picchetti del sindacato Uil-TuCS -. Si chiede ora un affidamento diretto dell'appalto ad una nuova gestione che traghetti la caffetteria verso un nuovo bando migliore e sostenibile".

 

Dopo lo sciopero del personale di venerdì 28 ottobre, l'amministrazione provinciale sembra uscita dal torpore, mostrando timidi segnali di ripresa: "Condividiamo l'apertura dell'assessore - prosegue - ma i lavoratori, che hanno dimostrato responsabilità e professionalità, rischiano di perdere il posto, la paga di ottobre e il Tfr".

 

Si naviga a vista in cerca di una soluzione momentanea "Che permetta di mantenere il servizio e i posti di lavoro - continua - chiediamo inoltre al presidente Fontanari dell’Unione e Commercio di Rovereto di cercare fra gli imprenditori trentini qualcuno capace di sostenere l’attività e di gestirla al meglio

 

Un ragionamento del sindacato che però non si limita al caso della caffetteria del Mart: "Stiamo riscontrando - conclude Picchetti - su numerosi appalti come le biblioteche di Ateneo, la biblioteca “Tartarotti” di Rovereto, la biblioteca comunale di Trento, le mense e le portinerie universitarie che non è sufficiente avere clausole di salvaguardia inserite nel bando o in protocolli di intesa per garantire il lavoro, la qualità e la continuità del servizio. Sono necessari bandi in grado di premiare i progetti e non le offerte economiche più basse. Bandi capaci di guardare alla qualità e non al risparmio, che siano capaci di affidare a imprenditori competenti i servizi che l'amministrazione pubblica non sa o non vuole più fare".

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 04:01

Una ricerca dell'Ispi, l'Istituto per gli studi di politica internazionale prova a valutare dati alla mano l'ipotesi dell'isolamento per fasce d'età. Secondo una proiezione, imponendo un lockdown ai soli over 80 la mortalità da Covid verrebbe dimezzata, mentre l'isolamento per gli over 60 diminuirebbe di 10 volte la letalità del virus. Le criticità però non mancano

30 ottobre - 20:31

In Italia ci sono 11 Regioni classificate a rischio elevato, mentre Calabria, Lombardia, Piemonte e la provincia di Bolzano sono già entrate nello “scenario 4”, il peggiore. L’esperto del Ministero: “La percentuale dei positivi sui tamponi effettuati supera il 10% e non è un buon indicatore”

31 ottobre - 08:48

E' successo in centro a Rovereto, sul posto si sono portati immediatamente i vigili del fuoco che hanno spento l'incendio ma il mezzo è andato completamente distrutto. Sono in corso le verifiche da parte delle forze dell'ordine per capire la cause delle fiamme 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato