Contenuto sponsorizzato

ChiantiBanca aderisce al progetto "trentino" di Cassa Centrale Banca

L'istituto toscano (la terza Bcc italiana) ha votato per l'adesione. Lorenzo Bini Smaghi: "Insieme costruiremo un gruppo solido, efficiente e dinamico". Fracalossi: "Abbiamo l'ok di quasi 100 banche. Adesso l'assemblea e poi il piano da presentare a Banca d'Italia e Bce"

Di Luca Pianesi - 18 dicembre 2016 - 20:06

SAN CASCIANO IN VAL PESA. E anche ChiantiBanca con il suo presidente, Lorenzo Bini Smaghi, e i suoi soci (per l'esattezza 3822 su 3826) hanno detto sì. Continua a crescere il numero di banche che stanno aderendo al progetto di Cassa Centrale Banca per creare una grande holding nazionale e l'ok dell'istituto toscano è un bel colpo per Fracalossi in vista dell'assemblea di martedì "nella quale non sarà più tanto il tempo di decidere sé e cosa fare - ci spiega il presidente di Cassa Centrale Banca - perché ormai è chiaro che ci saranno due gruppi, uno di Iccrea e uno di Cassa Centrale. Sarà invece un momento molto importante per dare il via alla strutturazione del progetto da presentare, poi, a Banca d'Italia e Bce. Un progetto che dovrà essere ben costruito perché diventeremo uno dei più grossi gruppi d'Italia. Ad oggi, infatti sono 97 le banche che hanno già formalizzato la loro adesione al gruppo e ho l'impressione che martedì potrebbero arrivarne altre".

 

Intanto ecco ChiantiBanca che conferirà al futuro gruppo 52 sportelli e 176 dipendenti in sei province toscane. Un soggetto molto importante che con la raccolta di 3,1 miliardi di euro e crediti verso i clienti per 2,6 miliardi (di cui 150 milioni alle imprese toscane nei primi undici mesi del 2016) è la terza Bcc italiana, con un common equity al 13,3%. Per effetto dell’ingresso di ChiantiBanca, la holding trentina si candida a diventare il sesto gruppo creditizio italiano, con requisiti patrimoniali allineati alle migliori banche europee (20% di Cet1 ratio).

 

L’assemblea dei Soci di ChiantiBanca, ha deciso la strada "trentina" questa mattina a San Casciano Val di Pesa in sede ordinaria e straordinaria, approvando a larga maggioranza il progetto di adesione dell’istituto alla holding coordinata da Cassa Centrale Banca. La relativa delibera è stata approvata con 3.822 voti favorevoli, due contrari e due astenuti. "Abbiamo scelto di aderire al progetto alternativo di Cassa Centrale Banca – dichiara il presidente di ChiantiBanca, Lorenzo Bini Smaghi, ex membro del comitato esecutivo della Banca centrale europea – perché ci consente di realizzare la strategia di crescita in Toscana delineata negli anni passati e al contempo di mantenere le nostre radici nella tradizione cooperativa. Il legame con Cassa centrale banca è forte e di reciproca stima e fiducia, e si è consolidato negli anni, anche personalmente con il presidente Giorgio Fracalossi. Insieme costruiremo un gruppo solido, efficiente e dinamico".

 

"I vantaggi dell’aggregazione con la holding trentina – aggiunge il direttore generale dell’istituto, Andrea Bianchi – sono numerosi ed evidenti: ChiantiBanca potrà dare continuità al piano industriale; valorizzare il ruolo della banca, che sarà l’istituto più importante sotto il profilo dimensionale fra i partecipanti alla holding. E potremo sfruttare le sinergie che derivano dalla condivisione dello stesso sistema informativo". "Già da tempo ChiantiBanca si affida al nostro sistema informatico Phoenix - completa Fracalossi - e con loro siamo in ottimi rapporti. A questo punto il progetto prosegue con ancora maggiore forza e lavoreremo tutti per arrivare alla data che ci siamo prefissati, il primo gennaio 2018 per essere operativi con il nuovo gruppo". 

 

E i dipendenti? "Diventando più grandi le esigenze aumenteranno non diminuiranno - conclude il presidente di Cassa Centrale Banca - quindi non ci saranno riduzioni di organico. Semmai dovremo pensare a ringiovanire il personale con politiche di accompagnamento alla pensione e ad apertirci al mercato del lavoro per inserire anche nuove energie in questo nuovo progetto".

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 12 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
16 giugno - 19:24
Il riferimento del primo cittadino va alle risposte date dall'allora assessore regionale competente, Noggler, a Claudio Cia e che, [...]
Cronaca
16 giugno - 16:53
La Pat oggi ha promosso un incontro con i sindaci per fare il punto sulla campagna e per condividere le strategie per aumentare la copertura troppo [...]
Cronaca
16 giugno - 18:38
Sul posto si sono portati i vigili del fuoco, i soccorsi sanitari e le forze dell'ordine. L'auto è finita anche contro un palo dell'illuminazione [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato