Contenuto sponsorizzato

Contratto metalmeccanici: 50 euro in più al mese per i 4.000 lavoratori

Storico rinnovo del contratto (non accadeva dal 2001) dei contratto collettivo provinciale. De Laurentis: "Abbiamo sotto mano l'andamento economico delle imprese. Agli utili devono partecipare anche i dipendenti e finalmente ci saranno più di 600 euro all'anno in busta paga"

Di Luca Pianesi - 20 settembre 2016 - 15:54

TRENTO. Era dal 2001 che non veniva ritoccato, ma da oggi per 4.000 persone ci saranno almeno 50 euro al mese in più nelle loro buste paga. Stiamo parlando dei lavoratori delle imprese artigiane metalmeccaniche il cui contratto collettivo provinciale finalmente, dopo 15 anni, è stato rinnovato.

 

Un procedimento che ha visto l'associazione artigiani in prima linea come spiega il presidente Roberto De Laurentis: "Siamo riusciti a ripetere l'operazione fatta con il mondo del legno e dei lapidei. Come artigiani, infatti, abbiamo sotto controllo la contabilità di oltre 3.000 aziende del settore metalmeccanico del quale conosciamo l'andamento economico e quindi utili e perdite. Abbiamo quindi realizzato una serie di studi. Se ci sono utili riteniamo che anche il lavoratore abbia diritto a parteciparvi. Ecco quindi che in questa fase, che il mercato del metalmeccanico funziona, visto che soprattutto nell'automotive  e in quello delle subforniture di precisione, tutto ciò che è artigiano sta tornando a salire, è diventato prioritario per noi artigiani riuscire a far partecipare agli utili delle aziende anche i dipendenti". Ed ecco quindi più di 600 euro all'anno in busta paga e un ritocco del contratto collettivo provinciale che, dopo 15 anni, è davvero di grande importanza.    

 

"Riguarda quasi 4000 persone - scrive su Facebook Franco Ianeselli segretario della Cgil - . Incremento minimo di 50 euro al mese che possono aumentare sulla base della redditività di settore, pagamento dei primi tre giorni di malattia per gli operai, due giorni aggiuntivi di permesso retribuito, regolazione intelligente della flessibilità in azienda. L'ultimo contratto provinciale era stato firmato nel 2001. Orgoglioso di un sindacato che, riconoscendo i propri ritardi, si impegna per tutelare anche i lavoratori delle microimprese".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 marzo - 16:45

A 12 anni ha lasciato la sua casa in Afghanistan, passando per Iran e Turchia è arrivato in Grecia dopo un viaggio durato anni, lì è rimasto coinvolto nell’incendio che lo scorso settembre ha devastato il campo profughi di Moria: ora grazie alla Comunità Papa Giovanni XXIII l'incredibile storia di N.A. (che chiameremo Nico) ha trovato a Rovereto il suo lieto fine

07 marzo - 19:24

Sono 236 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi 2 decessi. Sono 72 i Comuni con almeno un caso di positività

07 marzo - 18:26

L'amministrazione comunale continua a respingere la semplicissima proposta volta a sensibilizzare la comunità sul rispetto delle donne e contro la violenza. Vardon Inant: ''La Giunta provinciale in questi giorni ha deciso di aderire al progetto nazionale 'Panchina rossa' coinvolgendo anche, come parte attiva, i Comuni. Torniamo a chiederla per Mazzin e a tal proposito abbiamo deciso di interpellare direttamente la Provincia''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato