Contenuto sponsorizzato

Equitalia, sul personale sindacati pronti allo sciopero

Ad oggi nella nostra regione sono coinvolti 90 lavoratori, 40 in Trentino e 50 in Alto Adige

Pubblicato il - 24 ottobre 2016 - 16:16

Nei giorni scorsi  è stato firmato dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il decreto fiscale contenente il subentro di Agenzia delle Entrate -Riscossione a Equitalia. Un passaggio questo che ha però fatto nascere un nodo, quello del personale, sul quale i sindacati, in maniera unitaria, sono pronti a dare battaglia.

 

Il passaggio dei dipendenti da Equitalia a Agenzia delle Entrate-Riscossione, dovrebbe essere effettuato - stando a quanto si legge - tramite «procedura di selezione e verifica delle competenze, in coerenza con i principi di trasparenza, pubblicità e imparzialità». La conseguenza più immediata sarebbe il licenziamento di coloro che non dovessero superare tale selezione.

 

“Non ci è dato ancora sapere – hanno spiegato le segreterie sindacali di Fabi, First Cisl, Cgil Fisac, Ugl e Uilca - con assoluta certezza, che cosa significhi esattamente questa frase nelle intenzioni del Governo. Ciò che sappiamo certamente è che il personale dipendente dal gruppo Equitalia è transitato dai vecchi concessionari privati alla società ad azionariato pubblico a seguito di una legge dello Stato, la n. 248 del 2 dicembre 2005. Tutte le assunzioni effettuate dalla società a partecipazione pubblica successivamente alla data di entrata in vigore di quella legge sono state fatte utilizzando procedure di selezione tempo per tempo previste dal contratto vigente e dalle procedure deliberate dai vari CdA succedutisi negli anni, ed i cui componenti sono stati decisi dagli azionisti pubblici (Agenzia delle Entrate ed Inps)”.

 

Ad oggi nella nostra regione sono coinvolti 90 lavoratori, 40 in Trentino e 50 in Alto Adige

 

I sindacati, anche a livello locale, sono decisi ad intraprendere una linea dura. “Combatteremo – hanno spiegato - con grande determinazione, in tutte le sedi e con ogni mezzo possibile affinché nessun dipendente di Equitalia possa dover superare alcuna prova per continuare serenamente ad applicare tutta la professionalità nell’ambito del suo rapporto di lavoro a causa di una scelta di modifica organizzativa e gestionale del servizio di riscossione”.

 

L'intenzione è quella di proclamare una giornata di mobilitazione nazionale e non solo. “Porremo in essere ogni possibile iniziativa di carattere sindacale, politico e giuridico con il coinvolgimento attivo di tutta la categoria. Immediatamente – è stato spiegato - viene indetto lo stato di agitazione con blocco delle prestazioni straordinarie ed applicazione rigida delle previsioni contrattuali vigenti

 

La richiesta è una modifica del testo “nel rispetto della dignità, delle professionalità delle lavoratrici e dei lavoratori del settore” e l'apertura di un tavolo per un reale confronto sindacale

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 05:01

La nuova Giunta della provincia di Trento non ha mai nascosto la sua contrarietà per dei progetti ritenuti troppo ''calati dall'alto'' anche se il calo delle risorse pubbliche impone delle scelte. In Trentino, tra l'altro, ci sono poco quasi 70 Comuni con meno di 1.000 abitanti contro una quindicina in Alto Adige eppure Kompatscher ha scelto (e ottenuto di finanziare) una strada opposta a quella trentina

09 dicembre - 19:38

In una conferenza stampa altisonante, la Lega trentina ha annunciato la sua presenza in piazza in concomitanza con il resto d'Italia per spiegare alla cittadinanza le politiche fiscali del governo giallo-rosso e per dire no a nuove tasse. Peccato che la manovra provinciale finisca proprio per aumentare le imposte (taglio delle esenzioni al pagamento dell'Irpef e dei ticket sanitari per tutti), colpendo i ceti più deboli e favorendo quelli più benestanti

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato