Contenuto sponsorizzato

Equitalia, sul personale sindacati pronti allo sciopero

Ad oggi nella nostra regione sono coinvolti 90 lavoratori, 40 in Trentino e 50 in Alto Adige

Pubblicato il - 24 October 2016 - 16:16

Nei giorni scorsi  è stato firmato dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il decreto fiscale contenente il subentro di Agenzia delle Entrate -Riscossione a Equitalia. Un passaggio questo che ha però fatto nascere un nodo, quello del personale, sul quale i sindacati, in maniera unitaria, sono pronti a dare battaglia.

 

Il passaggio dei dipendenti da Equitalia a Agenzia delle Entrate-Riscossione, dovrebbe essere effettuato - stando a quanto si legge - tramite «procedura di selezione e verifica delle competenze, in coerenza con i principi di trasparenza, pubblicità e imparzialità». La conseguenza più immediata sarebbe il licenziamento di coloro che non dovessero superare tale selezione.

 

“Non ci è dato ancora sapere – hanno spiegato le segreterie sindacali di Fabi, First Cisl, Cgil Fisac, Ugl e Uilca - con assoluta certezza, che cosa significhi esattamente questa frase nelle intenzioni del Governo. Ciò che sappiamo certamente è che il personale dipendente dal gruppo Equitalia è transitato dai vecchi concessionari privati alla società ad azionariato pubblico a seguito di una legge dello Stato, la n. 248 del 2 dicembre 2005. Tutte le assunzioni effettuate dalla società a partecipazione pubblica successivamente alla data di entrata in vigore di quella legge sono state fatte utilizzando procedure di selezione tempo per tempo previste dal contratto vigente e dalle procedure deliberate dai vari CdA succedutisi negli anni, ed i cui componenti sono stati decisi dagli azionisti pubblici (Agenzia delle Entrate ed Inps)”.

 

Ad oggi nella nostra regione sono coinvolti 90 lavoratori, 40 in Trentino e 50 in Alto Adige

 

I sindacati, anche a livello locale, sono decisi ad intraprendere una linea dura. “Combatteremo – hanno spiegato - con grande determinazione, in tutte le sedi e con ogni mezzo possibile affinché nessun dipendente di Equitalia possa dover superare alcuna prova per continuare serenamente ad applicare tutta la professionalità nell’ambito del suo rapporto di lavoro a causa di una scelta di modifica organizzativa e gestionale del servizio di riscossione”.

 

L'intenzione è quella di proclamare una giornata di mobilitazione nazionale e non solo. “Porremo in essere ogni possibile iniziativa di carattere sindacale, politico e giuridico con il coinvolgimento attivo di tutta la categoria. Immediatamente – è stato spiegato - viene indetto lo stato di agitazione con blocco delle prestazioni straordinarie ed applicazione rigida delle previsioni contrattuali vigenti

 

La richiesta è una modifica del testo “nel rispetto della dignità, delle professionalità delle lavoratrici e dei lavoratori del settore” e l'apertura di un tavolo per un reale confronto sindacale

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 February - 12:15

Sono svariati migliaia i tamponi processati per cercare le varianti in Alto Adige e complessivamente i casi trovati sono 630 e ''finora la mutazione sudafricana è stata trovata solo nella zona di Merano, Val Passiria e Val Venosta''

27 February - 08:42

L'ex presidente della Provincia giovedì ha lasciato il Patt e negli ultimi giorni ha ''regalato'' like e ''retweet'' in serie a Carlo Calenda, al suo movimento, ai rappresentanti provinciali Laura Scalfi e Mario Raffaelli. Intanto la certezza è l'ingresso di Isacco Corradi: ''Non ho mai aderito ad un partito prima d’ora pur collocandomi idealmente e per conciliabilità con i miei valori nel centro sinistra. In questo momento difficile per tutto il Paese ho riconosciuto una unica voce coerente''

26 February - 17:33

Il Comitato per la salvaguardia dei passi dolomitici ha parlato a nome degli operatori e residenti che non possono usufruire del Passo Sella per spostarsi, in quanto ancora chiuso. "Nessuno si è mai preoccupato di come vanno le cose sui passi. Ma le tasse per i servizi che non vengono fatti le paghiamo regolarmente"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato