Contenuto sponsorizzato

La finanza 2.0 parte dal Trentino, il crowdfunding per investire nel mercato immobiliare d'alto profilo. E la prima casa cofinanziata si farà a Trento

La prima piattaforma italiana inizia a muovere i primi passi in Trentino: la proposta è di Walliance, realtà nata in Provincia per intuizione di Giacomo e Gianluca Bertoldi e l'ex dirigente di banca Marco Mongera: "Tutti i progetti vengono analizzati, quindi il potenziale investitore trova tutto in modo trasparente: dalle visure alle planimetrie, dal business plan a tutta la documentazione"

Di Luca Andreazza - 19 settembre 2017 - 13:12

TRENTO. La rivoluzione del mercato immobiliare in Italia inizia dal Trentino. La nuova frontiera della finanza è targata Walliance, una startup trentina che nasce dalla visione del Gruppo Bertoldi. La fintech, la finanza 2.0, parte proprio dal capoluogo e cerca di radicare la 'disintermediazione', cioè un controllo diretto dal proprio computer di casa e attraverso piattaforme accessibili degli investimenti.

 

Walliance è la prima piattaforma tutta italiana di equity crowdfunding appositamente dedicata al Real Estate e la mission è quella di sviluppare una innovativa tipologia di raccolta fondi. Questa realtà scaturisce dall'idea di due fratelli e un co-founder.

Da un lato Giacomo e Gianluca Bertoldi, giovani imprenditori della famiglia nota per il marchio Orvea, e dall'altro Marco Mongera, ex dirigente di banca con esperienza venticinquennale, oggi consulente finanziario e immobiliare. 

 

"Walliance - spiega Giacomo Bertoldi - prende le mosse nel 2013, quando iniziamo a studiare i nuovi fenomeni di crowd-economy e l'equity crowdfunding, un protocollo normato ed esteso anche a quelle società che non sono necessariamente delle start-up. La scintilla è scoccata in particolare dopo l'incontro con Claudio Bedino, guru del crowdfunding e amministratore delegato di Starteed. La nostra azienda opera solo nel settore immobiliare di un certo prestigio, il cosiddetto Real Estate, per incentivare gli investimenti diretti".

 

Il mercato globale si sta muovendo in questa direzione ormai da diversi anni e Walliance rappresenta la prima società italiana che cerca di dare la possibilità ai risparmiatori di investire concretamente nel settore immobiliare: "L'azienda - aggiunge il 26enne - sviluppa una filosofia diversa di investimento fatta di condivisione di idee, rischi e opportunità: il tutto però nella massima trasparenza".  

 

Le quote di capitale partono da 500 euro. "Esiste già - prosegue il titolare - la possibilità di puntare sul Real Estate, ma attraverso forme di prestito: l'innovazione risiede dall'affrancamento dell'intermediazione e in ritorni di investimento complessivo maggiore. I crowdfunders beneficiano in media di un ritorno tra il 10% e il 20%, nel progetto specifico di Mak nella misura del 16,74%, se si investe 500 euro si ottengono 583,70 euro. Il primo progetto è di tipo residenziale, un immobile localizzato proprio a Trento per una raccolta di 500 mila euro " (Qui info). 

 

Il progetto di Trento è sviluppato dal Gruppo Mak di Lavis e prevede la trasformazione di un ex edificio scolastico in 25 appartamenti per un intervento di oltre 10 milioni di euro e 8.562 cubi. "Abbiamo - dice - altri progetti pronti a sbarcare sulla piattaforma, come investimenti a Venezia, Milano e Firenze".

 

Lanciata nel marzo scorso, la piattaforma è autorizzata dalla Consob, l’Autorità italiana che regolamenta e vigila sui mercati finanziari, per investimenti garantiti in crowdfunding, mentre i progetti sono presentati in forma trasparente per poter valutare l'interesse nell'acquisire le eventuali quote sociali. "A monte - evidenzia Bertoldi - c'è un'attenta e approfondita analisi da parte nostra e diamo una prima valutazione al progetto che viene proposto dall'azienda sulla nostre piattaforma". 

 

Walliance cerca così di ampliare la possibilità di partecipare alla crescita in quegli asset tradizionalmente riservati agli investitori più abbienti. In questo momento storico di ripresa del mercato immobiliare italiano, che il Cbre, tra le più importanti agenzie mondiali di consulting e d’investimento nel settore, ha quantificato in un +110% per il secondo trimestre 2017 per un totale di 5,8 miliardi di euro raccolti nel primo semestre dell’anno.  

 

"Nello step successivo - sottolinea - mettiamo a disposizione visure camerali, planimetrie, business plan e tutta la documentazione necessaria per permettere al potenziale investitore di valutare l'interesse a partecipare al crowfunding. L'azienda quindi apre un conto e queste risorse non possono essere utilizzate fino a quando non si raggiunge la cifra prefissata. La nostra piattaforma inoltre non trattiene nulla dei soldi versati, nessuna intermediazione. Walliance fornisce strumenti più snelli per l’approvvigionamento di capitali".

 

Una piattaforma quindi che cerca di scardinare un'economia e capitali immobilizzati a causa anche della sfiducia nei mercati. "I cantieri esistono - conclude Bertoldi - i lavori verificabili e questi investimenti si configurano in modo molto più concreto e trasparente di un titolo in borsa, ma soprattutto anche il piccolo investitore può diventare partner in progetti immobiliari di un certo calibro".

 

Il real estate crowdfunding è pronto a partire, anche in Italia: un mercato che nel mondo vale il 4,3 miliardi di dollari.

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.10 del 17 Novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 novembre - 12:40

Dura condanna da parte del vice presidente dell'associazione Rinascita Torre Vanga, Paolo Frizzi; "Atteggiamento da stigmatizzare, si facciano rispettare le regole di Polizia urbana"

18 novembre - 05:01

Il registro elettronico ha cambiato completamente il rapporto tra insegnanti e famiglie che oggi sono bombardate di notifiche e messaggi che descrivono giorno per giorno l'attività dei loro figli. Un Grande Fratello in salsa scolastica che trasforma la nostra società

17 novembre - 20:01

"Hanno remato contro facendoci perdere voti". Il governatore, all'incontro azzurro con Maria Stella Gelmini, auspica una candidatura di coalizione per le elezioni suppletive dei collegi di Trento e Valsugana: "Ma non dipende da noi". Decide Roma

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato