Contenuto sponsorizzato

Tim, 350 lavoratori trentini preoccupati per il proprio futuro

Ieri il presidio sindacale in via Zambra mentre il 13 dicembre ci sarà un'intera  giornata di sciopero

Pubblicato il - 30 novembre 2016 - 10:34

TRENTO. “Siamo di fronte al tentativo della dirigenza di far fallire la più grande azienda di telecomunicazioni del Paese per la loro ingordigia per le speculazioni finanziare che portano guadagno solo a pochi”. E’ stata ampia ieri pomeriggio la partecipazione dei lavoratori Tim e Tim.it alla protesta indetta unitariamente da Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil del Trentino contro la disdetta unilaterale del contratto integrativo e l’assenza di un piano industriale che dia prospettive di sviluppo futuro.

 

In totale i lavoratori Tim in Trentino sono 350 e in molti ieri si sono radunati sotto la sede di via Zambra a Trento.

 

Per le tre sigle sindacali “dopo un contratto scaduto da due anni adesso il management aziendale ha deciso di disdettare anche l'integrativo di secondo livello. Dopo sei anni di solidarietà e ampio recupero di produttività interna i risultati economici ottenuti sono stati ridistribuiti solo tra i dirigenti”.

 

I lavoratori chiedono invece un’azienda che “garantisca qualità nel servizio che investe in innovazione ricerca e sviluppo, un’azienda che abbia un futuro e che garantisca un lavoro e un salario che permetta una vita dignitosa a tutti.”

Cgil Cisl e Uil puntano il dito contro l'assenza di un piano industriale e le esternalizzazioni dei servizi e definiscono “pessima” l'organizzazione del lavoro che influisce negativamente sulla qualità del servizio ai clienti. Chiedono che si punti su internalizzazione di lavoro e formazione.

 

“Non c'è nessuna intenzione – hanno spiegato - di investire concretamente sull'innovazione visto che i lavoratori che fanno ricerca, in collaborazione con l'Università di Trento e Fondazione Fbk sono abbandonati totalmente e non hanno nessuna certezza che i progetti di innovazione e ricerca che stanno portando avanti avranno futuro”.

 

La mobilitazione dei lavoratori, in atto in tutta Italia, andrà avanti: il 13 dicembre è già stato proclamato sciopero per l’intera giornata.

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 novembre - 17:22
Sono stati analizzati 3.695 tamponi, 265 i test risultati positivi. Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 7,2%. Altri 12 decessi, il bilancio è di 236 morti in questa seconda ondata
29 novembre - 15:10

Dai primi fastidi alle settimane rinchiusa in casa. Ilaria, residente a Egna, racconta il suo viaggio nella lotta contro il Covid. Tra i più grandi ostacoli spiccano quelli mentali: "Mi sentivo psicologicamente demoralizzata perché credetemi, questa bestia prende tutto, pure la mente. Spero che la mia storia sia di aiuto a chi si trova nella mia stessa situazione"

29 novembre - 17:00

Una persona estratta dalla lamiere dell’auto con le pinze idrauliche. Il ferito trasportato in codice rosso all’ospedale. Sul posto sanitari vigili del fuoco e forze dell’ordine

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato