Contenuto sponsorizzato

Vini, finisce 17 a 6 per l'Alto Adige il confronto sul Trentino

Le cantine Ferrari, Gaierhof, San Leonardo, Foradori, Letrari, Maso Poli e Marco Donati tengono alta la bandiera gialloblù. Ben 17 vini altoatesini invece fra i migliori 300 nella Guida l'Espresso

Di Luca Andreazza - 30 ottobre 2016 - 13:55

TRENTO. La Guida l'Espresso 2017 non ha premiato solo i ristoranti, dove l'Alto Adige ha stravinto il confronto sul Trentino per ben 21 ristoranti a 7 che si traduce in 29 cappelli a 9 in favore dei cugini altoatesini. 

 

La storia si ripete anche fra i vini, la Guida ha infatti selezionato in tre categorie i migliori vini, raccontati nella pubblicazione presentata nella cornice della Stazione Leopolda di Firenze. Anche in questo caso l'Alto Adige fa la voce grossa sul Trentino per 17 a 6.

 

Si inizia con i "100 vini da bere subito", vini importanti ed eccellenti, quindi spazio ai "100 vini da conservare", cioè quelli destinati ad affinarsi e migliorare nel tempo, per finire con i "100 vini da comprare" per l'ottimo rapporto fra la qualità intrinseca e il prezzo sul mercato.

 

Le prime tre posizioni della classifica "100 vini da bere subito" sono appannaggio del terzetto Barbaresco Crichot Paje 2007, Grico Tufo Pietra Rosa 2013 e Franciacorta Extra Brut Vittorio Moretti Riserva Meraviglioso.

 

La prima bottiglia regionale è però poco distante e basta scorrere la graduatoria fino al quinto posto: Alto Adige Pinot Bianco Pattenriegl 2015 (Girlan), il Trentino risponde con il San Leonardo 2011 della Cantina San Leonardo, quindi i produttori di terlano piazzano al settimo posto l'Alto Adige Terlano Riserva Terlaner Nova Domus 2013

 

Si scende al diciannovesimo posto per trovare l'Alto Adige Extra Brut Riserva 2010 (Arunda), mentre il Trento Brut 2013 della Cantina Letrari spezza l'egemonia alto atesina. Poco sotto (29 posto) si scorge invece il Trento Brut Riserva 2010 di Maso Poli

 

La Provincia di Bolzano para il colpo e risponde con la tripletta Alto Adige Pinot Bianco Sirmian 2015 (Nals Margreid), Alto Adige Santa Maddalena Classico Huck am Bach 2015 (Cantina di Bolzano) e l'Alto Adige Schiava Gschleier Alte Reben 2014 (Girlan)

 

Anche il Nosiola 2015 della Cantina Pisoni entra in classifica, prima dell'acuto finale di Alto Adige Gewurztraminer Nussbaumer 2014 dei Produttori di Termeno.

 

Taurasi Polipheno 2012 di Luigi Tecce si aggiudica la classifica i "100 vini da conservare". In questo caso il primo vino trentino è targato Trento Extra Brut Riserva del Fondatore Giulio Ferrari 2005 delle Cantine Ferrari in diciottesima posizione.

 

L'Alto Adige si riscatta subito piazzando in classifica fra la ventisettesima e la quarantunesima posizione l'Alto Adige Terlano Riserva Vorberg 2013 (Cantina Terlano), l'Alto Adige Brut Riserva Hausmannhof 2006 (Heiderburg) e l'Alto Adige Val Venosta Riesling Castel Juval 2015 (Unterortl Aurich - Castel Juval).

 

Prima di lasciare spazio agli altoatesini, il Trentino batte un colpo con il Pinot Grigio Fuoripista 2014 della Cantina Foradori e il Teroldego Rotaliano Marco Donati 2015 (Marco Donati). Il trittico Alto Adige Valle Isarco Riesling Kaiton 2015 (Kuenhof), Alto Adige Lagrein Riserva 2013 (Mayr Josephus - Unterganzner) e Alto Adige Sauvignon Voglar 2014 di Peter Dipoli.

 

Il Brunello di Montalcino 2011 di Ridolfi è il primo fra i "100 vini da comprare". La solitudine del Teroldego Rotaliano 2014 della Cantina Gaierhof tiene alto l'orgoglio trentino. Il resto è una marea bianca, rossa e rosè altoatesina con Alto Adige Brut Rosè Atheis Kettmeir, Alto Adige Valle Isarco Kerner Praepontus 2015 (Abbazia di Novacella), Alto Adige Schiava Vecchie Vigne 2015 (Glogglhof), Alto Adige Lagrein 2015 (Muri-Griess) e la Schiava Mediaevum 2015 (Gumphof - Prickwieser Markus). 

 

I "100 VINI DA BERE SUBITO"

05. Alto Adige Pinot Bianco Pattenriegl 2015 - Girlan

06. San Leonardo 2011 - San Leonardo

07. Alto Adige Terlano Riserva Terlaner Nova Domus 2013 - Produttori Terlano

19. Alto Adige Extra Brut Riserva 2010 - Arunda

21. Trento Brut 2013 - Letrari

29. Trento Brut Riserva 2010 - Maso Poli. 

36. Alto Adige Pinot Bianco Sirmian 2015 - Nals Margreid

64. Alto Adige Santa Maddalena Classico Huck am Bach 2015 - Cantina di Bolzano

76. Alto Adige Schiava Gschleier Alte Reben 2014 - Girlan

87. Nosiola 2015 - Cantina Pisoni

97. Alto Adige Gewurztraminer Nussbaumer 2014 - Produttori di Termeno

 

I "100 VINI DA CONSERVARE"

18. Trento Extra Brut Riserva del Fondatore Giulio Ferrari 2005 - Ferrari

27. Alto Adige Terlano Riserva Vorberg 2013 - Cantina Terlano

33. l'Alto Adige Brut Riserva Hausmannhof 2006 - Heiderburg

41. Alto Adige Val Venosta Riesling Castel Juval 2015 - Unterortl Aurich - Castel Juval

48. Pinot Grigio Fuoripista 2014 - Foradori

63. Teroldego Rotaliano Marco Donati 2015 - Marco Donati

72. Valle Isarco Riesling Kaiton 2015 - Kuenhof

82. Alto Adige Lagrein Riserva 2013 - Mayr Josephus - Unterganzner

88. Alto Adige Sauvignon Voglar 2014 - Peter Dipoli

 

I "100 VINI DA COMPRARE"

20. Alto Adige Brut Rosè Atheis - Kettmeir

42. Alto Adige Valle Isarco Kerner Praepontus 2015 - Abbazia di Novacella

73. Teroldego Rotaliano 2014 - Cantina Gaierhof
76. Alto Adige Schiava Vecchie Vigne 2015 -Glogglhof

86. Alto Adige Lagrein 2015 - Muri-Griess

92. Schiava Mediaevum 2015 Gumphof - Prickwieser Markus

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 19:39

Ci sono 5.412 casi e 465 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 703 (tutti letti da Apss) per un rapporto contagi/tampone a 1,70%. Ci sono 4 nuovi positivi a Trento, 1 a Novella

26 maggio - 19:37

Per il Tirolo il problema per la riapertura dei confini è la Lombardia? La replica di Fugatti: “Non capiamo perché i tedeschi possano arrivare attraverso il corridoio austriaco ma non possano arrivare gli austriaci, questo è difficile da spiegare al mondo economico trentino”

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato