Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, ok dell'Antitrust Ue agli aiuti per le funivie. Gli impiantisti: ''Ora il decreto attuativo perché molte società sono in difficoltà. In Trentino 70 milioni''

L'Antitrust dell'Unione europea ha approvato il regime italiano da 430 milioni di euro per risarcire i gestori degli impianti di risalita per i danni subiti a causa della chiusura degli impianti nell'ultima stagione invernale per fronteggiare l'epidemia Covid-19. Le risorse vengono erogate direttamente dal governo nazionale

Di Luca Andreazza - 04 agosto 2021 - 21:20

TRENTO. "E' una notizia largamente attesa e aspettata anche con ansia. E' da gennaio che lavoriamo a questa soluzione", commenta Valeria Ghezzi, presidente di Anef-associazione nazionale esercenti funiviari e delle funivie e seggiovie San Martino di Castrozza. "Siamo molto contenti, ora c'è da spingere per il decreto attuativo perché moltissime società impianti iniziano a essere realmente in difficoltà in termini di liquidità".

 

L'Antitrust dell'Unione europea ha approvato il regime italiano da 430 milioni di euro per risarcire i gestori degli impianti di risalita per i danni subiti a causa della chiusura degli impianti nell'ultima stagione invernale per fronteggiare l'epidemia Covid-19. Le risorse vengono erogate direttamente dal governo nazionale.

 

"Ringraziamo Roma e il ministero del turismo per la partita portata avanti a Bruxelles. Il passo successivo - aggiunge Ghezzi - è quello di avere un decreto attuativo in maniera veloce. Sono circa 300 le società impianti che aspettano i ristori perché le risorse non sono più molte e diventa difficile poter reggere ancora a lungo: non possiamo ricorrere alla cassa integrazione per i nostri collaboratori perché vorrebbe dire rinunciare alla prossima stagione invernale in quanto verrebbero a mancare la manutenzione e gli interventi".

 

I gestori degli impianti di risalita hanno diritto a un risarcimento sotto forma di contributi diretti per una parte delle perdite di fatturato subite. "I requisiti sono molto stringenti. Il periodo di compensazione - prosegue la numero uno di Anef - va dal 4 dicembre 2020 al 30 aprile 2021. Le perdite subite saranno esaminate attentamente per evitare una sovracompensazione, cioè questa operazione serve per coprire il danno subito. La quota destinata alle società trentine si aggira sui 70 milioni: si parla del 49% del fatturato che ammonta a 170 milioni per il periodo preso in considerazione".

 

Intanto gli impiantisti sono operativi in questa estate e si procede anche sugli interventi necessari per preparare l'inverno. "Le presenze in montagna sono cresciute del 20% negli ultimi 10 anni, ma il periodo estivo rappresenta il 5-10% del fatturato e questo non permette di rimediare alle perdite per i mesi di inattività. E' importante che queste risorse arrivino velocemente perché non introitiamo soldi da oltre un anno, zero euro da marzo 2020. Ricordo che le società impianti investono a sbalzo e i ricavi arrivano solo da dicembre, quindi i bilanci sono sempre più stretti e anche i margini di manovra".

 

I ristori sono, quindi, fondamentali. L'attenzione in materia sicurezza è poi altissima dopo la strage di Stresa-Mottarone. "Quella c'è sempre, gli impiantisti trentini sono seri e responsabili. Non parliamo di regole insufficienti o che possono essere interpretate. In Piemonte c'è stata una deliberata violazione delle norme basilari e questa è una differenza sostanziale. La manutenzione viene effettuata nel migliore dei modi", conclude Ghezzi.

 

Anche la Provincia esprime soddisfazione per il via libera a livello europeo. "Ora tocca al governo nazionale mettersi in moto per assegnare gli aiuti agli impiantisti il più celermente possibile. L'economia della montagna, di cui gli impiantisti sono elemento importante, ha sofferto molto a causa della pandemia e merita questo tipo di aiuti", dicono gli assessori Achille Spinelli e Roberto Failoni.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
26 settembre - 23:07
L'affluenza si attesta al 15,58% degli aventi diritto. Non è stato raggiunto il quorum. La partecipazione si è fermata distante dal 40% [...]
Cronaca
26 settembre - 19:52
L'allerta è scattata sulla bretella che collega Rovereto e Villa Lagarina. Il motociclista è finito a terra, scivolando per diversi metri [...]
Cronaca
26 settembre - 19:45
Trovati 16 positivi, 1 decesso nelle ultime 24 ore. Registrate 48 guarigioni. Sono 21 i pazienti in ospedale, di cui [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato