Contenuto sponsorizzato

Se le piante comunicano e ci comunicano

Debutta oggi, 24 febbraio, alle 18 a Sanbapolis lo spettacolo "Alberi" con Giacomo Anderle direttto da Andrea Brunello. E' una chicca del festival "Teatro della meraviglia" che per la prima si rivolge ad un pubblico di ragazzi dagli 8 anni in su. Nel taglio la metafora della vita e un percorso dentro i segreti del bosco

Pubblicato il - 24 febbraio 2018 - 08:20

TRENTO. Prosegue oggi, 24 febbraio, il Festival Teatro della Meraviglia al teatro Sanbàpolis di Trento con un debutto davvero speciale. Eccezionalmente in doppia replica alle ore 11.00 ed alle ore 18.00 andrà in scena Alberi, una nuova produzione della Compagnia Arditodesìo – Jet Propulsion Theatre che per la prima volta porta sul palco uno spettacolo dedicato anche al pubblico più giovane, in particolare, destinato anche alla fruizione di bambini dagli 8 anni in su.

Lo spettacolo, ispirato al libro “La vita segreta degli alberi” di Peter Wohlleben, vede quale protagonista l’attore Giacomo Anderle diretto da Andrea Brunello. Le musiche originali sono del musicista e compositore Enrico Merlin e le scenografie di Nadejda Simeonova. Lo spettacolo ci racconta di come gli alberi comunichino tra loro, una storia sorprendente che molto ha da insegnarci.

 

Dalle note di regia si legge: “Un uomo viene mandato nel bosco a tagliare l’albero più bello e antico. Ma gli manca il coraggio di farlo. Quindi viene trasformato dalla decisione che deve prendere, cioè se tagliarlo o no.
 ALBERI è il viaggio iniziatico di un uomo che nell’incontro con un albero riflette sulla sua esistenza, sulla sua storia, sulle sue origini e scopre la libertà di decidere della propria vita al di la’ delle convenzioni. ALBERI è anche un percorso di scoperta dentro i segreti e le meraviglie del bosco per permetterci di tornare in contatto con una delle presenze più silenziose ma allo stesso più importanti del nostro pianeta Terra.”

 

Al termine dello spettacolo Alberi programmato alle ore 18.00 si terrà l’incontro con l’autore Pietro Maroè. Arboricoltore e Istruttore di Treeclimbing professionale, studente di ingegneria meccanica, ha lavorato presso varie imprese boschive, vivai e ditte di arboricoltura. Appassionato di equitazione e sportivo per diletto, pubblica nel 2017 il suo primo libro, caso editoriale, dal titolo "La timidezza delle chiome".

 

 

Il calendario completo di Teatro della Meraviglia

 

-Oggi, ore 18: Alberi (spettacolo)

- domenica 25 febbraio, ore 21: Noi, Robot (spettacolo)

- giovedì 1 marzo, ore 21: Fatti di numeri (spettacolo)

- venerdì 2 marzo, ore 18: Parla come mangi: la fisica al ristorante (augmented lecture)

- venerdì 2 marzo, ore 21: Il cosmonauta Dante alle origini dell'Universo (augmented lecture)

- sabato 3 marzo, ore 21: Sotto un'altra luce (spettacolo)

- domenica 4 marzo, ore 21: Cose dell'Anti-Mondo (augmented lecture).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

02 dicembre - 15:17

La denuncia della referente case di riposo, Piersanti: ''La struttura ha solo 10 posti letto accreditati come posti di sollievo a minore intensità assistenziale, gli altri sono sul libero mercato. Quindi solo per i 10 va rispettato il parametro assistenziale con le regole delle Rsa pubbliche''. A Mori si sono negativizzati 6 dei 14 ospiti positivi prima di venerdì

02 dicembre - 15:42

La Protezione civile dell'Alto Adige ha comunicato che tra venerdì 4 dicembre e lunedì 7 la provincia sarà interessata da abbondanti e diffuse precipitazioni. Per questo, visto il rischio valanghe alto, i possibili disagi al traffico e altri scenari di emergenza, è stata diramata l'allerta al grado Alfa

02 dicembre - 13:31

L'ordine degli Infermieri ha scritto una lettera al presidente Fugatti e all'assessora Segnana chiedendo interventi concreti "Per mettere nelle condizioni giuridiche e deontologiche di poter continuare a garantire l’assistenza nel miglior interesse del cittadino e per valorizzare le competenze degli infermieri". Anche negli scorsi mesi l'Opi ha scritto alla Provincia sottolineando alcune preoccupazioni. Non è però mai arrivata una risposta

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato