Contenuto sponsorizzato

''La vicepresidenza del Consiglio provinciale sia data ad una donna''. L'unica candidata sarebbe Manuela Bottamedi

E' lei l'unica donna all'opposizione e la carica spetta ad un esponente della minoranza. La proposta arriva dal Comitato non ultimi "per un riequilibrio di genere all'interno di un Ufficio di presidenza tutto al maschile"

Di Donatello Baldo - 09 dicembre 2017 - 13:16

TRENTO. Forte della vittoria sulla doppia preferenza di genere, il Comitato non ultimi continua la sua battaglia in favore delle donne in politica e lancia una nuova proposta: "La vicepresidenza del Consiglio provinciale sia data ad una donna". 

 

Il posto è vacante, lasciato libero da Walter Viola che è passato alla maggioranza, perché la carica della vicepresidenza spetta alle minoranze. E tra le minoranze l'unica donna è Manuela Bottamedi, quindi la richiesta è implicita: "Quel posto sia dato a lei"

 

"Fino ad oggi tale Ufficio è composto solo da consiglieri appartenenti al genere maschile - dicono le donne del Comitato in una lettera inviata al presidente Bruno Dorigatti - e tale composizione lede il principio costituzionale declinato dall'art.51".

 

E l'articolo indicato è questo: "Tutti i cittadini dell'uno o dell'altro sesso possono accedere agli uffici pubblici e alle cariche elettive in condizioni di eguaglianza (...)". Dunque se l'Ufficio di Presidenza è paragonabile ad un ufficio pubblico, secondo il Comitato non ultimi "deve attenersi al rispetto della norma costituzionale e nominare una donna all'interno dell'ufficio stesso, ponendo fine ad una composizione illegittima di tale organo".

 

La diretta interessata si dice onorata di questa attenzione. "Capisco anche le regioni del Comitato - afferma - perché in effetti spetterebbe a una donna quel posto, è vero, per un riequilibrio di genere che ora effettivamente è negato".

 

"Ma da parte mia - dice la consigliera - non c'è nessuna auto-candidatura. Si tratta di una carica istituzionale importante - ammette Bottamedi - e se fosse ricoperta da una donna sarebbe un segnale importante. Però dobbiamo tener conto che queste cariche ingessano l'iniziativa politica di chi le ricopre, e vorrei invece spendere quest'ultima parte di legislatura per continuare le mie battaglie".

 

"E in particolare vorrei impegnarmi soprattutto nella battaglia culturale - spiega - per dare corpo e sostanza alla mia legge appena approvata dal Consiglio provinciale. Nei pochi mesi che ci separano dalle elezioni del prossimo autunno - conclude - è proprio questo che voglio fare". 

 

La minoranza, però, si è un po' risentita di questa 'ingerenza'. Per Giacomo Bezzi si tratta di "un'invasione di campo". Perché, "è chiaro che la proposta arriva dalle donne del centrosinistra e questo significa che la maggioranza cerca di condizionare una decisione che spetta alle minoranze". 

 

Anche Cia rispedisce al mittente la proposta: "Perché non hanno eletto una presidente donna al posto di Dorigatti? Questa scelta spetta alla minoranza e non capisco perché il Comitato non ultimi deve dettare la nostra agenda".

 

Cia ricorda che la scelta della vicepresidenza è determinata anche da altri fattori: "Sarebbe opportuno che a quella carica andasse qualcuno che ha già esperienza, perché in pochi mesi è difficile partire da zero e imparare tutto il regolamento".  

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 ottobre - 18:32

Il presidente della Provincia di Trento è parso ancora ottimista anche se rispetto a qualche giorno fa ha ammesso che qualche preoccupazione c'è. Ma sui ''pochi'' contagi nelle scuole (che pure in pochi giorni hanno raddoppiato le classi in quarantena) la responsabilità ha spiegato che è delle attività extrascolastiche: ''Questo è un tema. Stiamo riflettendo con l'Apss''

22 ottobre - 18:07
Sono stati analizzati 1.231 tamponi, tutti letti dal laboratorio di microbiologia dell'ospedale Santa Chiara di Trento, 153 i test positivi. Il rapporto contagi/tamponi si alza a 12,4%. E' stata sospesa l'attività di verifica tamponi ai laboratori della Fondazione Mach a causa dell'infezione che è arrivata nella struttura di San Michele
22 ottobre - 16:03

Si tratta di una coppia, tutti i colleghi sono stati sottoposti a tampone al laboratorio dell'Azienda sanitaria e sono risultati negativi. La Mach: ''E' la dimostrazione dell’efficacia dei protocolli antiCovid 19 adottati" ed interviene anche il direttore dell'Apss che ha precisato come il contagio non possa essere avvenuto all’interno dei luoghi di lavoro

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato