Contenuto sponsorizzato

Da "impresentabile" per Fraccaro a sottosegretario alla Salute, Fugatti tra Roma e la corsa alla Provincia

Il pentastellato e il leghista si trovano a lavorare per l'esecutivo. Le elezioni in Valsugana erano terminate nella nettissima affermazione di Fugatti e Fraccaro ripescato tramite il proporzionale. Ora l'esponente M5s è ministro e il leader della Lega "solo" sottosegretariato

Di Luca Andreazza - 13 giugno 2018 - 11:06

TRENTO. C'è anche Maurizio Fugatti tra i sottosegretari del governo a trazione Lega e Movimento 5 stelle, che ha nominato in totale sei vice-ministri e 39 sottosegretari.

 

Il parlamentare trentino è sottosegretario alla Salute e tra i temi forti in agenda del carroccio ci sono i punti nascita, come quello di Cavalese, e i vaccini. "Ora - dice Fugatti - aspetto le deleghe per capire meglio il raggio d'azione e le competenze".

 

Una nomina che potrebbe cambiare qualche posizione all'interno del centrodestra in ottica elezioni provinciali: Maurizio Fugatti resta il nome caldo come candidato, in cima alla lista, per sedere sul massimo scranno di piazza Dante, ma questo prima del sottosegretariato.

 

"Non cambia nulla - evidenzia il parlamentare - la coalizione è in fase di formazione e le decisioni non sono ancora state prese. La richiesta della Lega è chiara e sono a disposizione degli alleati. Prima mettiamo a punto il programma e solo successivamente troveremo la convergenza sul candidato presidente".

 

A livello nazionale, la luna di miele tra pentastellati e leghisti è ancora agli inizi e quindi regge, mentre qui le porte restano chiuse. Il perimetro sembra mantenere paletti ben precisi. E Fugatti ribadisce il concetto.

 

"Il sistema trentino è maggioritario e l'alleanza non cambia - spiega l'onorevole - si resta nel confine del centrodestra, in caso allargato alle civiche. A Roma si agisce nella contingenza del momento e per il bene del Paese, ma qui le dinamiche sono diverse e la strada non cambia".

 

Restano anche le strane alchimie della politica. Nei social intanto impazza il tweet di Riccardo Fraccaro. "Dobbiamo informare il più possibile i cittadini sul programma M5s per migliorare la qualità della vita. Né Pd né Fi e Lega possono dare una prospettiva stabile al Paese. Stasera mi confronterò con 2 impresentabili di questi schieramenti, Dellai e Fugatti".

Elezioni in Valsugana che sono terminate nella nettissima affermazione di Maurizio Fugatti al 44,56%, un pieno elettorale a doppiare Lorenzo Dellai (26,71%) e Riccardo Fraccaro (22,97%), quest'ultimo ripescato tramite il proporzionale. 

 

Ora si trovano spalla e spalla a lavorare nello stesso esecutivo: il pentastellato ha preso i gradi di ministro e il leader della Lega "solo" sottosegretario alla Salute.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 05:01

La nuova Giunta della provincia di Trento non ha mai nascosto la sua contrarietà per dei progetti ritenuti troppo ''calati dall'alto'' anche se il calo delle risorse pubbliche impone delle scelte. In Trentino, tra l'altro, ci sono poco quasi 70 Comuni con meno di 1.000 abitanti contro una quindicina in Alto Adige eppure Kompatscher ha scelto (e ottenuto di finanziare) una strada opposta a quella trentina

09 dicembre - 19:38

In una conferenza stampa altisonante, la Lega trentina ha annunciato la sua presenza in piazza in concomitanza con il resto d'Italia per spiegare alla cittadinanza le politiche fiscali del governo giallo-rosso e per dire no a nuove tasse. Peccato che la manovra provinciale finisca proprio per aumentare le imposte (taglio delle esenzioni al pagamento dell'Irpef e dei ticket sanitari per tutti), colpendo i ceti più deboli e favorendo quelli più benestanti

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato