Contenuto sponsorizzato

De Bertoldi contro i sindacati: "Anche loro vogliono sostituzione razziale". Poi si lamenta che non viene invitato al dibattito

All'incontro non è stata invitata Casa Pound: "Le loro posizioni sono contrarie ai nostri valori". Ma Fratelli d'Italia erano stati avvisati, Ianeselli: "Forse difetto di comunicazione". Ma il candidato del centrodestra attacca: "E' una mancanza nei confronti di tutti i cittadini"

Di Donatello Baldo - 23 February 2018 - 20:21

TRENTO. All'incontro organizzato da Cgil, Cisl e Uil con i candidati alle prossime elezioni del 4 marzo mancavano Fratelli d'Italia e Casa Pound. Entrambe le formazioni di destra si sono risentite e hanno scritto un comunicato indignato. Poi se si legge bene si capisce perché i sindacati si siano ben guardati dall'invitarle al tavolo

 

“Ancora una volta i sindacati dimostrano di essere liberi e democratici a parole - afferma Filippo Castaldini - mentre nei fatti fanno politica e soffiano sul fuoco dell’antifascismo. I sindacati dovrebbero pensare ai lavoratori che ormai hanno dimenticato perché troppo occupati a tutelare gli immigrati”.

 

"Casa Pound no - spiega il segretario della Cgil Franco Ianeselli - i loro valori sono incompatibili con i nostri. Siamo firmatari dell'appello dell'Anpi sull'antifascismo e la loro idea di dividere i lavoratori in italiani e stranieri non è proprio condivisibile. Per coerenza con i nostri valori non sono stati invitati". 

 

Ma spunta un giallo per quanto riguarda Fratelli d'Italia. "Noi l'invito l'abbiamo inviato - ammette Ianeselli - poi se abbiamo sbagliato indirizzo o se ci sono stati problemi di comunicazione non lo so". Sta di fatto che non c'erano all'incontro, "anche se so che un loro rappresentante era comunque presente", osserva Ianeselli.

 

Andrea De Bertoldi, candidato di FdI sul collegio senatoriale di Trento, è arrabbiato. "Consideriamo questa mancanza nei nostri confronti come una mancanza anche e soprattutto nei confronti dei cittadini che il 4 marzo avranno il compito di scegliere i loro rappresentanti alla Camera e al Senato".

 

"Noi di Fratelli d'Italia non ci sottraiamo mai al confronto onesto e chiaro - spiega - e quindi abbiamo partecipato, seppur con un rappresentante non politico, all'esposizione del 'documento d'intenti' firmato dalle tre sigle sindacali".

 

Questo rappresentante non politico deve aver riportato a De Bertoldi le parole di Ianeselli, visto che il candidato accusa il sindacalista di aver detto "più e più volte come l'uscente legislatura sia stata positiva". Ianeselli risponde a distanza: "Ho detto che è positivo il bilancio dei rapporti tra Stato e Autonomia - spiega - il tema dell'incontro di oggi".

 

Ma le accuse del candidato di centrodestra sono forti, e ovviamente tirano in ballo anche il tema dell'immigrazione, il ritornello di questa campagna elettorale. "La spinta chiara e decisa verso l'accoglienza dei 'profughi' (tra virgolette nel comunicato, ndr) prospetta un futuro alquanto cupo per il mondo del lavoro italiano".

 

E De Bertoldi si spiega meglio: "I sindacati per primi sembrano cercare di sostituire i lavoratori italiani, sempre meno protetti nel loro diritto al lavoro, con una manovalanza a basso costo, rappresentata da quelle persone che, per disperazione o semplice ritorno personale, decidono di emigrare in Italia, una sorta di compendio di sostituzione sociale, oltre che razziale, come vorrebbe il centrosinistra della Bonino".

 

Proprio così, i sindacati farebbero parte di chi vuole addirittura una sostituzione razziale, che detta così sembra una circonlocuzione per non dire 'pulizia etnica'. E i sindacati avrebbero fatto loro uno sgarbo a non invitarli. Forse, dal loro punto di vista, hanno fatto proprio bene.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 January - 05:01

Antonio Ferro ha spiegato che una persona dopo aver ricevuto la prima dose ha registrato delle "parestesie" poi rientrate. Il direttore: "I benefici della vaccinazione sono senz'altro più importanti e rilevanti rispetto alle controindicazioni"

19 January - 08:53

E' successo nel corso della notte e dopo la prima forte scossa ne son state registrate altre di minore intensità. Il terremoto è stato avvertito in tutto il Paese sono al lavoro i soccorsi 

19 January - 07:51

La coppia è scomparsa da ormai due settimane, il racconto fatto dal figlio non ha convinto i carabinieri. Intanto, su ordine della Procura, l'abitazione è stata posta sotto sequestro

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato