Contenuto sponsorizzato

''Sindacalista della Cisl candidato per Casa Pound''. Il sindacato: ''Non ci rappresenta e a breve si risolverà il rapporto di lavoro''

L'Osservatorio contro i fascismi: "Si tratta di Andrea Cipolla". Il segretario della Fai-Cisl: "Distanti anni luce dalle sue idee. Con lui è in corso una causa di lavoro e in questi giorni si arriverà alla risoluzione del contratto"

Di Luca Pianesi - 24 gennaio 2018 - 06:01

TRENTO. "Un sindacalista della Cisl candidato per Casa Pound". La denuncia è stata lanciata dall'Osservatorio contro i fascismi e ha iniziato a viaggiare sul web: "Si tratta di Andrea Cipolla sindacalista della Fai Cisl del Trentino ed ex presidente dell’Ente Bilaterale Ortofrutta Trentino".

 

"Accanto ai soliti Bonazza, Castaldini e all'allegra combriccola nota in regione e in tutta Italia per pestaggi, aggressioni notturne e spedizioni punitive - continua la nota dell'Osservatorio -  scopriamo un nuovo camerata tentare la scalata a qualche improbabile poltrona come candidato al Senato nel collegio di Trento".

 

"Considerata l'ideologia nazi-fascista di Casa Pound - si legge nel post pubblicato sulla pagina Facebook - ci chiediamo se la Cisl sia a conoscenza dell'ideologia antidemocratica di questo loro funzionario".

 

"No - risponde indirettamente il segretario provinciale della Fai-Cisl Fulvio Bastinai - lo veniamo a sapere oggi, lo apprendo da lei in questo momento. Cipolla non ha comunicato nulla, e già di per sé questa è una cosa grave". 

 

"Il nostro statuto - spiega il segretario - sospende automaticamente chiunque intenda candidare per qualsiasi partito politico. Quindi Cipolla è di fatto sospeso". Ma l'Osservatorio contro i fascismi non si limita a chiedere spiegazioni 'tecniche'.

 

Qui le argomentazioni sono eminentemente politiche. "Andrea Cipolla riveste anche un ruolo dirigenziale - scrive infatti il gruppo antifascista - e ci domandiamo se questo sindacato si sente rappresentato da un nazi-fascista". 

 

"I valori di Casa Pound sono distanti anni luce dai valori della Cisl - sottolinea con forza Bastiani - e sono distanti anche nella pratica. Gran parte dei lavoratori del comparto ortofrutta sono stranieri - spiega - e difendiamo i loro diritti con impegno e dedizione, senza differenze con gli italiani". 

 

Questo, secondo Bastiani, a dimostrazione che le politiche neofasciste e discriminatorie non hanno a che fare con la sua organizzazione sindacale. Un'organizzazione che però ha al suo interno un sindacalista che si definisce 'fascista del Terzo millennio' e si candida per un partito dell'estrema destra.

 

"Cipolla non ricopre nessuna carica politica, non è nemmeno all'interno del Consiglio generale della federazione, non rappresenta questo sindacato in alcun modo. Andrea Cipolla risulta ancora come dipendente, assunto direttamente dal sindacato.

 

"Ma è in corso la risoluzione del contratto di lavoro, a brevissimo ci sarà un incontro con gli avvocati per chiudere il rapporto che ci lega a Cipolla". E' infatti aperta una causa di lavoro tra la Cisl e Andrea Cipolla "e non è più in servizio dall'aprile del 2017".

 

Il segretario non si sbilancia, il fatto che sia ancora aperta la vertenza con il dipendente lo porta a pesare le parole. "Posso dire una cosa - dice Bastinai - posso dire che se il contratto si risolve a breve sono contento. Una volta per tutte, il suo nome non potrà più essere associato al nostro sindacato".

 

Il segretario generale della Cisl del Trentino Lorenzo Pomini è sulla stessa lunghezza d'onda: "Nemmeno sto a dirlo - si limita a commentare - con Casa Pound, con quei valori, con quelle politiche, la Cisl non ha nulla a che fare. Le distanze sono abissali". 

 

"Le polemiche di oggi sono veramente assurde, ridicole e antidemocratiche - si difende Andrea Cipolla - ho deciso di candidarmi in un movimento legalmente riconosciuto che si presenta alle elezioni per governare, mediante un diritto sancito e garantito dalla Costituzione italiana che la stessa Cisl, per statuto, difende".

 

"La Cisl che dovrebbe essere un sindacato apolitico da statuto - continua Cipolla attraverso un comunicato - si erge invece a censore antidemocratico cercando di negare la parola a chi, come CasaPound, difende i lavoratori italiani".

 

"Se il sindacato vorrà continuare su questa strada antidemocratica, tracciata peraltro con un dossier dell’antifascismo militante, dovrà prendersi le sue responsabilità anche a livello legale".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 07 dicembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 dicembre - 19:17

Sono stati pubblicati i dati Istat relativi ai nomi più gettonati. Si confermano (ancora una volta) quelli più tradizionali, con qualche singolare novità. Ecco tutti i dati, regione per regione

08 dicembre - 12:24

I forestali hanno riferito di segnalazioni di lupo pervenute anche questo autunno principalmente dalla porzione orientale dei territorio provinciale. Si sono registrati anche alcuni danni, per lo più su bestiame non protetto con recinzioni elettrificate

08 dicembre - 11:22

E' successo la scorsa mattina nel bresciano. L'autista è stato poi aiutato nella retromarcia dai vigili del fuoco e dai carabinieri 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato