Contenuto sponsorizzato

Il consigliere De Godenz citato a giudizio, secondo la Procura deve restituire 570 mila euro di indennità

Le spiegazioni portate dal consigliere non hanno convinto la Procura regionale della Corte dei Conti che ha deciso di andare avanti

Pubblicato il - 19 maggio 2018 - 09:40

TRENTO. Alla Procura regionale della Corte dei Conti non sono bastate le spiegazioni date dal consigliere provinciale dell'Upt Pietro De Godenz che ha deciso ora di citarlo a giudizio.

 

La faccenda che riguarda il consigliere è scoppiata a fine marzo quando la Procura gli aveva contestato l'indebita percezione di 572 mila euro, di tutte le indennità ricevute fin dall'inizio del suo mandato nel 2013.

 

Al centro dell'approfondimento la permanenza del consigliere all'interno della società Itap spa pur essendo incompatibile con l'elezione a consigliere provinciale. L'azienda, "Incremento turistico Alpe di Pampeago" (Itap), è una società a capitale privato ma riceve fior fior di finanziamenti pubblici: la legge impone per questo l'incompatibilità.

 

De Godenz, subito dopo la conquista del seggio nel 2013, sarebbe rimasto all'interno del Cda, rinunciando solo alle deleghe gestionali, ma secondo la procura avrebbe continuato a gestire l'azienda anche se non ufficialmente. Sarebbe rimasto in Itap con un contratto part-time con il solo ruolo di promuovere le pubbliche relazioni.

 

Il consigliere era stato invitato a dedurre ma le spiegazioni portate non sembrano aver convinto la Procura regionale della Corte dei Conti che ha deciso di andare avanti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 settembre - 23:37

A livello provinciale l'affluenza alle urne si attesta a circa il 50% degli aventi diritto. Urne aperte anche lunedì 21 settembre dalle 7 alle 15 per rinnovare i consigli comunali e indicare "Sì" o "No" al referendum

20 settembre - 20:58
L'allerta è scattata intorno alle 18 di questa sera, domenica 20 settembre, quando è stato trovato un pezzo di un cadavere. A lanciare l'allarme un pescatore che ha notato una sagoma affiorare dall'acqua. Avviate le indagini da parte della scientifica e dei carabinieri. In azione anche i vigili del fuoco
20 settembre - 20:29

Sono 13 le persone che ricorrono alle cure del sistema sanitario, nessun paziente si trova in terapia intensiva ma 5 cittadini sono in alta intensità. Sono 5.318 i guariti da inizio emergenza e 568 gli attuali positivi. Nel rapporto odierno, domenica 20 settembre, si specifica che 20 sono sintomatici, compreso 1 minorenne, e 8 casi sono ascrivibili ai focolai scoppiati negli ultimi giorni sul territorio provinciale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato