Contenuto sponsorizzato

Il Pd si affida al quadrumvirato. Accolte le dimissioni di Italo Gilmozzi da segretario provinciale

A breve sarà nominato un 'traghettatore' che porterà il partito fino alle elezioni provinciali. Per ora i dem si affidano alla guida di Borgonovo Re, Manica, Olivi e Tonini

Di db - 17 marzo 2018 - 09:27

TRENTO. Il segretario dimissionario Italo Gilmozzi è stato più vole tirato per la giacchetta: "Dai, rimani tu", gli hanno detto in molti. Per stima, ma anche perché il pericolo che molti avvertono all'interno del Partito democratico è che un congresso porterebbe ad ulteriori divisioni.

 

L'assemblea provinciale, convocata ieri, alla fine le dimissioni di Gilmozzi le ha accettate. Così come il parlamentino dell'Upt ha accettato quelle di Tiziano Mellarini. Non poteva essere diversamente. La sconfitta elettorale c'è stata, eccome, non si poteva far finta di niente. 

 

Le dimissioni di Gilmozzi sono rimaste congelate per 15 giorni, in attesa di capire cosa fare. Scartato il congresso, l'Assemblea provinciale ha deciso di nominare un quadrumvirato. Quattro 'saggi' che avranno il compito di redigere un documento politico e di rappresentare il Pd nel confronto con la coalizione.

 

Saranno Donata Borgonovo Re, presidente dell'Assemblea provinciale, Alessandro Olivi, vicepresidente della Giunta, Alessio Manica, capogruppo in Consiglio provinciale, e Giorgio Tonini, senatore uscente.

 

Per poco, però. L'intenzione è quella di nominare, a breve, un traghettatore che riesca a governare la barca democratica nelle acque agitate dell'estate e dell'autunno, fino alle elezioni provinciali. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 novembre - 04:01

I contagi all'interno delle Case di Riposo sono più diffusi rispetto la prima ondata anche se, in alcuni casi, con conseguenze meno gravi. Tra le criticità più sentite c'è la mancanza di personale. "Lo stiamo cercando anche fuori regione ma è molto difficile" spiega Francesca Parolari di Upipa. Massima attenzione anche sulle nuove strutture che da Rsa di transizione diventano Rsa Covid: "Non tutti possono offrire standard come quella di Volano soprattutto per la predisposizione dell'ossigeno"

29 novembre - 20:27

Sono 448 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 55 in alta intensità. Sono stati trovati 265 positivi a fronte dell'analisi di 3.695 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,2%

29 novembre - 17:22
Sono stati analizzati 3.695 tamponi, 265 i test risultati positivi. Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 7,2%. Altri 12 decessi, il bilancio è di 236 morti in questa seconda ondata
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato