Contenuto sponsorizzato

Il Pd si affida al quadrumvirato. Accolte le dimissioni di Italo Gilmozzi da segretario provinciale

A breve sarà nominato un 'traghettatore' che porterà il partito fino alle elezioni provinciali. Per ora i dem si affidano alla guida di Borgonovo Re, Manica, Olivi e Tonini

Di db - 17 marzo 2018 - 09:27

TRENTO. Il segretario dimissionario Italo Gilmozzi è stato più vole tirato per la giacchetta: "Dai, rimani tu", gli hanno detto in molti. Per stima, ma anche perché il pericolo che molti avvertono all'interno del Partito democratico è che un congresso porterebbe ad ulteriori divisioni.

 

L'assemblea provinciale, convocata ieri, alla fine le dimissioni di Gilmozzi le ha accettate. Così come il parlamentino dell'Upt ha accettato quelle di Tiziano Mellarini. Non poteva essere diversamente. La sconfitta elettorale c'è stata, eccome, non si poteva far finta di niente. 

 

Le dimissioni di Gilmozzi sono rimaste congelate per 15 giorni, in attesa di capire cosa fare. Scartato il congresso, l'Assemblea provinciale ha deciso di nominare un quadrumvirato. Quattro 'saggi' che avranno il compito di redigere un documento politico e di rappresentare il Pd nel confronto con la coalizione.

 

Saranno Donata Borgonovo Re, presidente dell'Assemblea provinciale, Alessandro Olivi, vicepresidente della Giunta, Alessio Manica, capogruppo in Consiglio provinciale, e Giorgio Tonini, senatore uscente.

 

Per poco, però. L'intenzione è quella di nominare, a breve, un traghettatore che riesca a governare la barca democratica nelle acque agitate dell'estate e dell'autunno, fino alle elezioni provinciali. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 gennaio - 13:32

Il presidente della Provincia, assieme agli altri rappresentanti regionali leghisti, ha fatto da apripista del Capitano e ha cercato di sfoderare tre provvedimenti ''immagine'' adottati in Trentino nel primo anno di governo. Sul bonus bebè ha ricordato orgoglioso che ''non vale per tutte le famiglie'' (sia mai che si faccia una cosa per tutta la comunità) ma ha finito per esagerare sui ''limiti''

19 gennaio - 12:21

Erano all’incirca le 6e45 di mattina quando un furgoncino, parcheggiato in un garage, ha preso fuoco. Per diradare la coltre di fumo che aveva invaso il piano interrato i pompieri hanno utilizzato dei potenti ventilatori 

17 gennaio - 19:46

L’associazione cacciatori nel mirino di Filippo Degasperi: “Com’è possibile che l’ex direttore dell’Ufficio faunistico della Pat ricopra il ruolo direttore generale dell’Associazione Cacciatori Trentini, mentre si trova ancora in aspettativa?”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato