Contenuto sponsorizzato

Kaswalder propone di far slittare il Consiglio per poter partecipare alle celebrazioni di Santa Barbara, patrona dei pompieri

Proposta ragionevole che non dovrebbe trovare ostacoli. All'ordine del giorno il dibattito sulle linee programmatiche del governatore, che sarà spostato al pomeriggio. Nominati i capigruppo per i 12 gruppi che compongono il Consiglio provinciale, nessuno ha scelto il 'misto'

Pubblicato il - 03 dicembre 2018 - 16:13

TRENTO. Fatto il presidente e tutto l'Ufficio di presidenza - con l'elezione della scorsa settimana - mancavano solo le nomine dei capigruppo dei partiti rappresentati in Consiglio provinciale. I nomi di ciascuno sono arrivati entro il termine indicato sulla scrivania di Walter Kaswalder che ha deciso di convocarli già domani per decidere sui lavori della seduta convocata.

 

All'ordine del giorno gli interventi sulle linee programmatiche enunciate dal governatore Maurizio Fugatti, con il dibattito in Aula e la replica dello stesso Fugatti. Ai capigruppo il nuovo presidente Kaswalder proporrà di far slittare l'inizio dei lavori nel pomeriggio per permettere alla giunta e all'intero Consiglio di recarsi alle celebrazioni di Santa Barbara - patrona dei pompieri - nella sede dei vigili del fuoco permanenti di piazza Centa.

 

Una proposta ragionevole a cui sembra che nessuno si opporrà: il governatore vorrebbe dire grazie di persona ai tanti che si sono prodigati in questa ultima calamità, e discutere delle linee programmatiche senza il presidente non avrebbe senso. Meglio rinviare. Un rinvio di poche ore, nel pomeriggio si potranno riprendere i lavori e nel caso si andasse per le lunghe i consiglieri potranno chiedere di usare anche la giornata di mercoledì per concludere i lavori.

 

Per quanti riguarda i capigruppo, nessun consigliere ha negato l'adesione al simbolo della lista con la quale era stato votato e quindi, diversamente da quanto era accaduto nella scorsa legislatura. Sono quindi nati 12 gruppi e non si è costituito il "gruppo misto", nel quale confluisce chi non intende appartenere a forze politiche partecipanti alle elezioni provinciali.

 

A questo punto, quindi, il presidente del Consiglio provinciale potrà concordare a breve con la conferenza dei capigruppo la formazione sia della Giunta delle elezioni sia delle Commissioni permanenti, organi che dovranno poi passare al vaglio dell'assemblea legislativa nella prossima seduta in aula.

 

Ecco dunque chi sono i 12 gruppi e i presidenti dei gruppi consiliari:

Claudio Cia rappresenta e presiede il gruppo "Agire per il Trentino" 

Walter Kaswalder per il gruppo "Autonomisti popolari"

Mattia Gottardi per il gruppo "Civica Trentina"

Luca Guglielmi per il gruppo ladino "Fassa"

Giorgio Leonardi per il gruppo "Forza Italia"

Paolo Ghezzi per il gruppo "Futura 2018"

Mara Dalzocchio per il gruppo "Lega Salvini Trentino"

Filippo Degasperi per il gruppo "Movimento 5 stelle"

Ugo Rossi per il gruppo "Partito autonomista trentino tirolese"

Giorgio Tonini per il gruppo "Partito democratico del Trentino"

Mario Tonina per il gruppo "Progetto Trentino"

Pietro De Godenz per il gruppo "Unione per il Trentino"

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.20 del 08 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

09 dicembre - 16:56

Tra i dati sempre più drammatici del Paese, Bolzano e Trento restano i luoghi dove le donne hanno più figli (rispettivamente 1,74 e 1,49). I maschi trentini sono quelli del nord che hanno figli più tardi (35,8 anni). I nomi più diffusi in Italia tra i neonati sono Francesco e Sofia, in Trentino e Alto Adige cambiano

09 dicembre - 18:33

Soddisfazione all'Apt per il grande afflusso di turisti e visitatori tra le 92 casette del Mercatino e le 400 bancarelle della Fiera di Santa Lucia

09 dicembre - 05:01

Giovedì sera Jacob è rimasto vittima di un atto di razzismo mentre si trovava in piazza Cesare Battisti per bere un brulè con gli amici. Saputo quello che era successo l'assessore comunale Roberto Stanchina e la direttrice dell'Apt Elda Verones, si sono immediatamente messi in contatto con il ragazzo chiedendogli scusa

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato