Contenuto sponsorizzato

La Lega in Veneto propone il ritorno della leva obbligatoria. I 5 Stelle: "Può far maturare i ragazzi''

La proposta è stata fatta dall'assessore alla protezione civile della Regione Veneto e vorrebbe essere una legge statale di iniziativa regionale. Pensare che oggi i giovani fanno i viaggi studio all'estero e gli Erasmus

Di Luca Pianesi - 26 maggio 2018 - 20:45

VENEZIA. Mentre oggi le nuove generazioni studiano all'estero, fanno l'anno fuori famiglia, conoscono altri paesi e altre culture, imparano lingua diverse, in Veneto c'è chi propone di ripristinare il servizio di leva obbligatoria per uomini e donne, per la durata di otto mesi. La proposta (una progetto di legge statale di iniziativa regionale) è arrivata dall'assessore leghista alla protezione civile della Regione Veneto Gianpaolo Bottacin ed è stata discussa dall'assemblea regionale con placet del Movimento 5 Stelle. Per "rinsaldare quel desiderio di appartenenza al gruppo che in molti ricordano conseguente al periodo vissuto con i commilitoni durante la leva", ha detto Bottacin; "Il servizio militare può essere utile per far maturare i ragazzi, che al giorno d'oggi ne hanno bisogno", ha aggiunto Erika Baldin dell'M5S.

 

Si ok, ne siamo sicuri, in tanti diranno, ''era ora'', ''bravi'', ''così i giovani imparano qualcosa come facevamo noi'' come se il problema di questo paese fossero gli under 30, che ormai sono rimasti quattro gatti, che spesso sono costretti a emigrare in altri Paesi per trovare un lavoro, che si confrontano da un decennio con una disoccupazione giovanile da uno su due e vivono nel presente senza troppe speranze nel futuro. 

 

Viviamo in una fase di ritorno al passato, altro che di cambiamento e rivoluzione, tra antiabortisti, proibizionisti, sovranisti e pubblicità nostalgiche della lira. E quindi, eccola servita, anche la proposta dei vicini veneti che, siamo sicuri, verrà ripresa anche in altre regioni. Il vintage, in Italia, è sempre di moda, il "come stavamo bene'' e il "ti ricordi'' sono sempre stati una certezza per questo Paese che quando c'è da fare un passo avanti guarda sempre indietro. D'altronde quel che si conosce non spaventa ed è più facile rifarsi al passato che scervellarsi per trovare nuove soluzioni. Solo che intanto il mondo corre e chi si ferma, o torna indietro, di strada non ne percorre tanta.

 

La proposta, però, è sul piatto e tra Lega e M5S sembra avere il suo peso politico, nel vicino Veneto. L'innovazione sarebbe quella di estendere la leva anche alle donne. Il tutto da assolversi nel periodo di tempo tra i 18 anni e il compimento dei 28 anni. Il servizio civile o militare sarà svolto nel territorio della propria regione quindi non servirà nemmeno a scoprire un'altra parte d'Italia. Dai viaggi studio all'estero al servizio di leva a casa propria. Della serie: il passo del gambero

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 07 agosto 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 agosto - 18:59

L’ex ministra alla salute commenta la sentenza del tribunale di Trento: “L’irrazionale convincimento del genitore mina l’integrità e la salute del bambino, i figli sono titolari di propri diritti incomprimibili e il giudice ha fatto bene a tutelari”

08 agosto - 19:15

Il candidato sindaco si smarca da Fugatti: “Voglio avere un buon rapporto con la Provincia, ma ognuno governa a casa propria”. Al centro della proposta ci saranno le famiglie. La sicurezza? “Non sarà una delle priorità ma non l’unica, inaccettabile che ci siano luoghi dove si spaccia alla luce del sole”

08 agosto - 19:38

Gunther Mair, ex portiere di Trento, Rovereto e Arco è stato punto da alcune vespe mentre era a passeggio, ora si trova ricoverato in rianimazione. L’Us Levico Terme: “Non mollare, siamo certi che vincerai anche questa battaglia”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato