Contenuto sponsorizzato

La notte elettorale del centrodestra tra risultati inaspettati, canederli, gulasch e orzetto

Dalla sede della Lega Nord in piazza Cesare Battisti a quella di Fratelli d'Italia a passaggio Zippel. Fino a mattina occhi puntati sullo spoglio 

Di Giuseppe Fin - 05 marzo 2018 - 04:48

TRENTO. “Un risultato clamoroso”, “Non ci crediamo”, “Ma cosa è successo?”, occhi sbarrati e un'espressione mista fra felicità e incredulità per il centrodestra che ieri sera a partire dalle 23 si è ritrovato nelle sedi di partito, o in qualche ristorante, per seguire passo dopo passo lo spoglio elettorale.

 

In piazza Cesare Battisti nella sede della Lega Nord le luci si sono accese poco prima della chiusura dei seggi. Presenti il consigliere comunale Gianni Festini Brosa con tanto di pc e proiettore, i candidati Giulia Zanotelli e Diego Binelli assieme ad alcuni militanti.

 

Cellulari sul tavolo in attesa di ricevere i primi risultati dalla truppa dei rappresentanti di lista all'opera nei seggi sparsi sul territorio. Il silenzio viene rotto dai primi exit-poll che premiano la Lega e la conferma dei dati positivi inizia poco dopo con l'arrivo dei primi numeri dai seggi sul territorio.

 

A Cles siamo davanti, guardate questi dati che ci mandano” grida un militante, “Avete visto? Abbiamo doppiato il centrosinistra in questo comune” afferma un altro. Tutto passa attraverso un gruppo di whatsapp “Rappresentanti di lista” dove i vari rappresentanti della lega aggiornano minuto dopo minuto la situazione.

 

Quelli che arrivano poco prima di mezzanotte sono dati che in pochi si aspettavano e la stessa candidata Giulia Zanotelli lo conferma. “Avevamo sentito facendo campagna elettorale che c'era un vento diverso. Ma vincere in questo modo a Cles che è una roccaforte di Panizza è proprio una bella sorpresa”.

 

Con il passare delle ore dai rappresentanti di lista continuano ad arrivare segnali che confermano un vero e proprio boom della Lega. L'euforia in piazza Battisti si sente e si vede. “Dobbiamo stare con i piedi per terra e aspettare la fine dello spoglio” dicono ma a poco serve. C'è già qualche militante che sottovoce si offre per gestire la segreteria dei futuri parlamentari oppure nel ruolo di autista.

 

Poco prima delle 3 tra gli applausi arriva il segretario Maurizio Fugatti. Con lui anche la consigliera Donatella Conzatti, assieme alla consigliera provinciale Manuela Bottamendi, che poco prima si trovavano al Green Tower con gli altri militanti di Forza Italia per seguire i primi risultati. “I dati sono molto positivi ma attendiamo la fine dello spoglio” spiega Fugatti prima di mettersi a fare di conto e ipotizzare due eletti per la Lega.

 

Clima di festa anche a passaggio Zippel nella sede di Fratelli d'Italia. Qui oltre a seguire i risultati si è pensato anche a riempire lo stomaco. La presidente Marika Poletti si è prodigata a portare orzetto, canederli e gulasch.

 

In sede c'è Andrea de Bertoldi. “E' un risultato grandioso, comunque vada è avvenuto un cambiamento importante” ci dice controllando i dati che attorno alle 3 lo davano davanti a Franco Panizza per un migliaio di voti. “A breve però vado a casa a dormire almeno due o tre ore per recuperare un po' di forze. Ho davanti un'altra giornata bella pesante”.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 luglio - 16:16
Il totale resta quindi a 5.495 casi e 470 vittime da inizio epidemia. Sono 4.983 i guariti da Covid-19. Sono stati analizzati 1.196 (340 letti da Apss, 584 da Cibio e 272 da Fondazione Mach) tamponi, nessun test è risultato positivo
05 luglio - 11:58

La candidata di “Si può fare” sostiene di essere la prima e unica donna in corsa per la carica di sindaca a Trento, ma non è così. Nel 2009 e nel 2015 Sinistra e Lega Nord presentarono due donne, mentre oggi c’è la candidata pentastellata: “Si vede che la mia avversaria non segue l’attività politica della città, nel M5s non abbiamo problemi con la parità di genere”

05 luglio - 10:19

Mentre a Bolzano si riparte oggi con i negozi aperti ad orario completo dopo due mesi di chiusura per il lockdown dando spinta all'economia, a Trento entra in vigore la legge di Failoni e Fugatti che stabilisce la chiusura dei punti vendita. 
E' scontro con il Comune, l'assessore Stanchina: "Ancora una volta una confusione terribile e danni economici per la città. L'Amministrazione farà di tutto per tutelare i propri commercianti"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato