Contenuto sponsorizzato

Lega, Mirko Bisesti è il nuovo segretario: ''Non ci ferma nessuno e a ottobre ci prendiamo la Provincia''

Al congresso che ha eletto il 29enne alla guida del Carroccio la telefonata di Salvini: "Sarà vera autonomia, al centro i problemi degli italiani e non degli immigrati". Il leader nazionale sul varo del governo pentaleghista: "Si decide nelle prossime ore, altrimenti si torna al voto"

Di db - 27 maggio 2018 - 13:03

TRENTO. Unico candidato alla carica di segretario della Lega trentina, Mirko Bisesti succede a Maurizio Fugatti alla guida del Carroccio. Giovane, 29 anni, leghista da quando ne aveva 18, ha lavorato come collaboratore a Bruxelles per Matteo Salvini.

 

Acclamato segretario dal congresso che si è svolto al Mas de la Fam di Ravina, Bisesti ha le idee chiare. Nel suo intervento ha ribadito il ruolo di leadership della Lega nel centrodestra Trentino e ha presentato Fugatti come candidato presidente per le prossime elezioni provinciali.

 

Elezioni che per la Lega sono "la battaglia della vita", il sogno che si realizza. "Non ci ferma nessuno - ha affermato per incitare la platea - e a ottobre ci prendiamo anche questa provincia". Ha spiegato che il suo non sarà un progetto personale "ma un impegno collettivo", chiedendo ai circoli di continuare con la presenza sul territorio e agli iscritti di partecipare attivamente alle "mille battaglie della Lega". 

 

Durante il corso dei lavori congressuali, dopo gli interventi di Fugatti e del coordinatore regionale, la telefonata del leader nazionale Matteo Salvini. Accolto da un fragoroso applauso, Salvini si è scusato per l'assenza: "Ma immagino capiate che sono ore impegnative".

 

"Quello che accadrà - ha affermato - accadrà nelle prossime ore. Noi abbiamo la coscienza a posto: o parte un governo con una squadra chiara oppure se ci saranno altri bastoni tra le ruote si tornerà alle urne e la parola passerà ancora agli italiani".

 

Promette che tornerà a Trento per ringraziare gli elettori "per il lavoro fatto in campagna elettorale". "Abbiamo cominciato con il piede giusto - ha sottolineato, riferendosi alla scadenza elettorale dell'autunno - e sarà una mia grande soddisfazione dare al Trentino un presidente della provincia della Lega". 

 

"Sarà autonomia vera - ha spiegato - che mette al centro i problemi degli italiani e non degli immigrati che anche a Trento vanno in giro a nostre spese. Ci sarò anch'io - ha ribadito - per accompagnare la liberazione del Trentino nelle prossime elezioni provinciali". 

Subito dopo l'elezione, avvenuta per acclamazione, il nuovo segretario si è rivolto così all'assemblea degli iscritti: "Mi state dando fiducia una fiducia vera, una fiducia alla quale intendo rispondere con tutta la mia forza". Lo sguardo è ovviamente alle elezioni: "Noi qui abbiamo una sfida maggiore, diventare il modello che poi possa essere di stimolo per altre regioni".

 

"Non è una responsabilità da poco. Il nostro modello - ha spiegato - può essere chiave di volta per il Paese intero. Bisogna ridare speranza al Trentino. La politica deve essere e stare vicina alle persone che soffrono. Gli ultimi non vanno dimenticati".

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 05:01

La nuova Giunta della provincia di Trento non ha mai nascosto la sua contrarietà per dei progetti ritenuti troppo ''calati dall'alto'' anche se il calo delle risorse pubbliche impone delle scelte. In Trentino, tra l'altro, ci sono poco quasi 70 Comuni con meno di 1.000 abitanti contro una quindicina in Alto Adige eppure Kompatscher ha scelto (e ottenuto di finanziare) una strada opposta a quella trentina

09 dicembre - 19:38

In una conferenza stampa altisonante, la Lega trentina ha annunciato la sua presenza in piazza in concomitanza con il resto d'Italia per spiegare alla cittadinanza le politiche fiscali del governo giallo-rosso e per dire no a nuove tasse. Peccato che la manovra provinciale finisca proprio per aumentare le imposte (taglio delle esenzioni al pagamento dell'Irpef e dei ticket sanitari per tutti), colpendo i ceti più deboli e favorendo quelli più benestanti

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato