Contenuto sponsorizzato

Movimento 5 stelle seconda forza in Regione e +5% rispetto al 2013, Fraccaro: "Un risultato straordinario"

I dati nazionali lanciano i pentastellati che gonfiano il petto: "Pronti a governare". La Svp-Patt davanti al 25% in Trentino Alto Adige, Lega dietro al Movimento 5 stelle per un soffio

Di Luca Andreazza - 05 marzo 2018 - 16:00

TRENTO. "Abbiamo lavorato tanto per dare un futuro al Paese: ce l'abbiamo fatta", queste le parole di Riccardo Fraccaro (Movimento 5 stelle) in queste ore di tornata elettorale a Roma, nella roccaforte pentastellata, e nella lista dei ministri che formeranno l'ipotetico governo Di Maio.

 

QUI RISULTATI COLLEGIO TRENTO

QUI RISULTATI COLLEGIO VALSUGANA
QUI RISULTATI COLLEGIO ROVERETO

QUI ANALISI

 

Ai nazionali il Movimento 5 stelle gonfia il petto. "Nessuno - aggiunge - potrà governare senza di noi e solo un Governo 5 stelle potrà dare un vero programma all'Italia: siamo il baricentro del Parlamento. Ci assumeremo la responsabilità di farlo, parlando di contenuti. Noi siamo pronti".

 

I collegi sono tutti appannaggio della coalizione di centrodestra, ma il Movimento 5 stelle si colloca complessivamente al secondo posto su base regionale. Un risultato passato in sordina, ma i pentastellati si attestano al 19,28% in Trentino Alto Adige (circa cinque punti percentuali in più rispetto al 2013) alle spalle del Svp-Patt, che chiude al 25,09% e davanti per un soffio alla Lega (19,19%). Al quarto posto il Partito democratico con 14,66%. 

 

"Un risultato straordinario - conferma Fraccaro - non solo a livello nazionale".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 gennaio - 05:28

In Calabria partita facile per Jole Santelli di Forza Italia che è stata eletta governatrice. Zingaretti: "Un immenso grazie al movimento delle Sardine che sono riuscite a dare una scossa democratica importante respingendo l'aggressività della destra estremista e la cultura dell'odio"

26 gennaio - 20:04

Mentre il Giorno della memoria s'avvicina, il Comune di Verona ha ben pensato di conferire la cittadinanza onoraria a Liliana Segre e di dedicare contemporaneamente una via a Giorgio Almirante, storico leader dell'Msi e capo redazione de "La difesa della razza". Antisemita, razzista e collaborazionista, fu figura di raccordo tra l'estrema destra eversiva e le istituzioni deviate durante lo stragismo. Impedirne l'ingresso nell'odonomastica è un dovere civico

26 gennaio - 20:14

La "forza gentile" degli ambientalisti, in Lessinia sfilano oltre 10mila persone, ma il firmatario del ddl Valdegamberi accusa: “Atto di arroganza pubblica del peggiore ambientalismo da salotto”. La consigliera regionale Guarda: “Abbiamo mandato un messaggio forte, ora le istituzioni dovranno tenerne conto, da parte nostra chiediamo il ritiro di questa proposta di legge”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato