Contenuto sponsorizzato

''Nuovi finanziamenti e moratoria sulle rate dei mutui''. Fugatti sollecita le banche, ''agevolare il credito per i danni del maltempo''

L'incontro tra il governatore e i 15 istituti bancari più grandi del Trentino, in vista un protocollo d'intesa. Tra le ipotesi una donazione volontaria per ogni prelievo bancomat

Pubblicato il - 12 novembre 2018 - 13:47

TRENTO. Moratoria di 12 mesi sui mutui senza costi aggiuntivi, nuove linee di finanziamento possibilmente a tasso fisso e una donazione volontaria su ogni movimentazione sul conto corrente. Questi i temi affrontati nell'incontro tra il governatore Maurizio Fugatti e i rappresentanti dei 13 istituti bancari più grandi della provincia.

 

L'obiettivo, quello di poter agevolare l'accesso al credito dei privati e delle imprese che hanno subito i danni dell'ondata del maltempo. "Crediamo che le iniziative debbano essere coordinate e quello che abbiamo richiesto agli istituti di credito è la sottoscrizione di un protocollo d'intesa".

 

Un protocollo che sappia dare risposte certe con "iniziative utili all'interno di una regia generale, dentro una cornice capace di muoversi in rete". Questa richiesta è stata avanzata fin da subito: "Fin da quando è stata fatta la prima valutazione sulle stime del danno che si aggira sui 250-300 milioni di euro. Alle banche abbiamo voluto dare uno stimolo".

 

Oltre alla richiesta della moratoria, che dovrebbe però evitare costi aggiuntivi successivi per beneficiario, e all'intesa sui termini dei nuovi finanziamenti da proporre ai clienti, l'ipotesi è quella di una sottoscrizione volontaria già sperimentata in altre occasioni. Al momento del prelievo bancomat, un messaggio propone al cliente di effettuare una donazione per la ricostruzione delle aree colpite dalla calamità.

 

Fugatti è intervenuto anche sulle priorità di spesa e sul 'congelamento' delle opere pubbliche ipotizzate dalla precedente giunta. "E' chiaro che ci siamo trovati 300 milioni di danni e per prima cosa dobbiamo rispondere alle somme urgenze avanzate dai comuni".

 

Ma non solo. "Dobbiamo anche far fronte ai 70-80 milioni di euro di danni patiti dai privati e vorremmo essere celeri nelle risposte. Questo però non significa che le opere pubbliche già ipotizzate saranno bloccate o sospese. Dobbiamo essere cauti, analizzare le spese e decidere tenendo conto della situazione generale".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 luglio - 06:01

Dopo l'Abruzzo arriva l'offerta di una casa per M49 - Papillon dal sindaco di Sagron Mis. "La mia è un'idea in un momento di emergenza visto che ci sono persone che vorrebbero uccidere l'orso. Sarebbe un fallimento politico e gestionale per tutto il territorio". Oggi i primi contatti con il ministro dell'Ambiente

23 luglio - 18:49

Paolo Ghezzi in aula con cinque esempi spiega la sua contrarietà ai provvedimenti contenuti nella manovra di assestamento: dalla storia di Maurizio di Avio che per sette anni ha vissuto in Australia a quella di Milena di Perugia che ha scelto la Val di Fiemme anche per il nuovo punto nascite, dalla tirolese Ulli che vuol mettere su famiglia con il cembrano salvinista Fabio per ripopolare le zone di montagna ai trentino tunisini Rami e Karima

23 luglio - 20:26

La donna di 84 anni è stata sbalzata a terra ed è parsa da subito in gravi condizioni. Sul posto due ambulanze, l'automedica e anche l'elicottero

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato