Contenuto sponsorizzato

Olivi, Ghezzi, Bisesti: ecco il podio dei più votati. La Lega fa tredici consiglieri, il Pd conferma i soliti noti

Claudio Cia entra per il rotto della cuffia, Bezzi, invece, resta escluso. Futura fa due consiglieri come Civica Trentina. Exploit di Tonina con Pt

Di Luca Pianesi - 22 ottobre 2018 - 18:12

TRENTO. Tredici eletti più Fugatti per la Lega che stravince le elezioni e ha in Bisesti il candidato più votato (con 3.380 preferenze). Il giovane segretario è quello che in tutto il centrodestra conquista più voti ma è terzo nella classifica dei mister preferenza: davanti a lui Paolo Ghezzi (con 5275 voti che dimostrano che forse l'ex presidente del Conservatorio avrebbe avuto le physique du role per fare il candidato presidente) e Alessandro Olivi (il più votato di tutti con 5.688 preferenze) che però fa meno della metà dei voti conquistati cinque anni fa (quando ne aveva presi 13.681).

 

Un crollo verticale che ha, ovviamente, coinvolto tutto il Partito democratico, che si è trovato senza anche le oltre 10.000 preferenze che aveva ottenuto nel 2013 Donata Borgonovo Re (che in queste elezioni ha preferito non candidarsi). Tra gli eletti riecco Zeni (2.936 voti, nel 2013 erano stati 4306), Sara Ferrari (4.063, nel 2013 erano stati 4.693), Alessio Manica (2001, nel 2013 erano stati 3.170). Ottimo risultato del Patt che porta dentro tre consiglieri più Rossi: i due ex Dallapiccola e Ossana e la new entry Demagri.

 

Per il centrodestra sono stati tanti i big che hanno ballato fino all'ultimo voto. Bezzi, per esempio con l'Udc, ha sfiorato l'elezione ma alla fine non ce l'ha fatta. Cia, invece, a inizio giornata sembrava restare fuori e, invece, nel finale è riuscito a centrare il seggio. Dentro anche Kaswalder, Leonardi di Forza Italia (che ha battuto gente come Bottamedi, Perego e Maffioletti), Borga e l'ex sindaco di Tione Gottardi per Civica Trentina, e Tonina. Proprio l'ex Upt, passato con Progetto trentino a pochi giorni dal voto, ha sbaragliato la concorrenza di attivisti e politici del movimento di Grisenti e si è affermato come il secondo più votato di tutta la coalizione del centrodestra e a questo punto un assessorato all'agricoltura e al turismo pare non poterglielo negare nessuno. 

 

Chiudono il semiciclo Alex Marini e Filippo Degasperi per il Movimento 5 Stelle, Lucia Coppola per Futura e Pietro De Godenz per l'Upt. 

 

 

LEGA SALVINI TRENTINO

 

BISESTI MIRKO 3.910

FAILONI ROBERTO 2.336

PACCHER ROBERTO (Pacher) 2.312

ZANOTELLI GIULIA 2.212

MORANDUZZO DEVID 2.111

SEGNANA STEFANIA 1.912

DALZOCCHIO MARA 1.567

PAOLI DENIS 1.456

CATTOI VANESSA 1.352

AMBROSI ALESSIA (Alessia) 1.318

ROSSATO KATIA 1.206

JOB IVANO 1.047

SAVOI ALESSANDRO (Cionfoli) 990

 

PROGETTO TRENTINO

TONINA MARIO 2.496

 

AGIRE PER IL TRENTINO - CLAUDIO CIA

CIA CLAUDIO (Ciola)  1.732

 

 

CIVICA TRENTINA - AUTONOMIA E LIBERTA'

GOTTARDI MATTIA 2.056

BORGA RODOLFO 1.759

 

 

FASSA

GUGLIELMI LUCA 651 (ladino)

 

 

AUTONOMISTI POPOLARI

KASWALDER WALTER (Walter) 2.010

 

 

FORZA ITALIA - BERLUSCONI CON FUGATTI

LEONARDI GIORGIO 1.031

 

PARTITO AUTONOMISTA TRENTINO TIROLESE

ALLAPICCOLA MICHELE 2.676

OSSANNA LORENZO 1.832

DEMAGRI PAOLA 1.716

 

UNIONE PER IL TRENTINO

DE GODENZ PIETRO (Piero) 1.885

 

 

FUTURA 2018 CON PAOLO GHEZZI PARTECIPAZIONE E SOLIDARIETA'

GHEZZI PAOLO 5.275

COPPOLA LUCIA 1.675

 

 

PARTITO DEMOCRATICO DEL TRENTINO

OLIVI ALESSANDRO 5.688

FERRARI SARA 4.063

ZENI LUCA 2.936

MANICA ALESSIO 2.001

 

MOVIMENTO 5 STELLE

MARINI ALEX 751

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 giugno 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 giugno - 15:21
La comitiva si sarebbe costruita una teleferica in autonomia e dopo aver ancorato i cavi agli alberi avrebbero tentato di utilizzare la loro creazione. Il gruppo di tedeschi non avrebbe fatto i conti con un albero marcio e così la teleferica ha ceduto
16 giugno - 18:26

Vendute a Dubai, Mumbai, Miami ma nate e prodotte ad Arco dalla Vetrogiardini hanno portato Sandro Santoni e Luca Degara a Roma per la Festa della Repubblica sono state inserite fra i 32 oggetti di design che rappresentano il genio e l’eccellenza italiana

16 giugno - 17:14

E' il 2 ottobre 1922 e le squadracce fasciste invadono le aule del municipio di Bolzano apponendo nella sala consiliare il busto di Vittorio Emanuele III re d’Italia. Per il Trentino s’apre un’epoca di insofferenza verso la mancata autonomia, l’Alto Adige finisce per trasformarsi in un ''laboratorio d’Italia''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato