Contenuto sponsorizzato

Rossi chiude il suo gruppo su WhatsApp. Cia: '' Ha voluto chiamare a raccolta i suoi fedelissimi''

L'aveva aperto con l'intenzione di informare su questioni amministrative e politiche ma conteneva fior fior di dirigenti provinciali e membri di cda di società partecipate dalla provincia. Il consigliere di Agire: "L'ennesima pagliacciata"

Di db - 30 aprile 2018 - 19:48

TRENTO. Il gruppo WhatsApp di Ugo Rossi, che comprendeva fior fior di dirigenti provinciali e che aveva l'intento di 'informare' su iniziative politiche e amministrative, è stato chiuso dallo stesso Rossi. Molti degli utenti inseriti 'a loro insaputa' non hanno gradito, molti hanno fatto sapere del loro imbarazzo. Alcuni hanno abbandonato.

 

A nemmeno 24 ore dall'attivazione, il governatore ha deciso di togliere una cinquantina di numeri telefonici (forse i dirigenti e i membri di cda), ma qualche ora dopo ha deciso di chiudere tutto. Gruppo cancellato. Una scelta forse dovuta anche alla pubblicazione sulla stampa dei nomi degli utenti inseriti, che un po' stonavano all'interno di un gruppo di natura politica.

 

Dirigenti provinciali, dirigenti della cooperazione, membri di cda, giornalisti Rai. Una lista di nomi che ha sollevato polemiche e attacchi. Claudio Cia, consigliere di Agire per il Trentino, è caustico: "Un tempo per assistere alle comiche si andava al cinema, oggi invece basta guardare quello che combina il presidente della nostra Provincia autonoma per farsi quattro risate allegramente".

 

"Vedendo i nomi dei partecipanti - osserva Cia - è chiaro come il sole che Ugo Rossi ha voluto chiamare a raccolta i suoi fedelissimi, o chi riteneva tali dal momento che molti di questi si sono defilati con evidente imbarazzo. L’ennesima pagliacciata di un presidente, ormai ex, in evidente difficoltà".

 

"Se da un lato quest’ultima mossa di Rossi fa abbastanza ridere - afferma Cia - dall’altro lato però inquieta che il presidente di una Provincia autonoma ritenga che determinate persone siano a sua totale disposizione, magari per mostrare il suo esercito alla maggioranza di governo, per poi spaventare il PD dal momento che solo Ugo Rossi vuole Rossi Ugo Presidente".

 

"In poche parole - prosegue il consigliere - Rossi ha voluto mostrare una sua possibile lista civica, quelli lo seguirebbero fino alla fine. Una presunzione che ha umiliato e screditato molti professionisti in posizioni apicali di servizi della pubblica amministrazione e di società partecipate della Provincia".

 

"I social e la messaggistica istantanea non si usano in questo modo - sottolinea Claudio Cia - e se Rossi vuole rilanciarsi politicamente eviti di usare le nuove tecnologie per promuovere strategie che puzzano di politica di vecchio stampo e di far sapere 'urbi et orbi' che il modus operandi che caratterizza la sua azione amministrativa è stato ed è quello di usare persone e istituzioni per le sue ambizioni di potere, senza tanti convenevoli".

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.47 del 13 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

13 dicembre - 18:58

Per Cgil, Cisl e Uil il ridimensionamento del bilancio di Agenzia del Lavoro si tradurrà in un contenimento della spesa per la formazione e la riqualificazione professionale, blocco agli incentivi alle assunzioni stabili per i disoccupati deboli, azzeramento della staffetta occupazionale, stop al reddito di attivazione. Il tutto mentre si investono 8 milioni in strategie di welfare che saranno superate dal governo nazionale

13 dicembre - 19:15

La specie in provincia è diffusa soprattutto in Valsugana. La Fem: ''E' molto resistente perché capace di creare delle nicchie ad altitudini sensibilmente maggiori rispetto alla zanzara tigre. L'estate scorsa abbiamo rilevato un caso davvero particolare, seppure isolato: la presenza di una colonia addirittura ad una altitudine di 1.500 metri''

13 dicembre - 17:52

Il gatto pare sia di casa Rifugio Predaia e dopo che gli escursionisti che lo hanno incontrato hanno postato delle foto su Facebook, in breve tempo, la storia di “Scòdega” è diventata virale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato