Contenuto sponsorizzato

Toto-ministri, per Fraccaro ipotesi Semplificazione o Difesa. Ecco le indiscrezioni sulla futura squadra di governo

Oggi Matteo Salvini e Luigi Di Maio hanno incontrato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Come Premier è stato indicato Giuseppe Conte 

Pubblicato il - 21 maggio 2018 - 19:30

TRENTO. C'è ancora una volta il nome di Riccardo Fraccaro del M5S all'interno del toto-nomi per la futura squadra di Governo. Per il deputato cinquestelle, già questore anziano in prima linea contro i vitalizi, si è parlato sia per il ministero della Semplificazione che per la Difesa.

 

Ovviamente al momento sono solamente indiscrezioni. Oggi il segretario della Lega, Matteo Salvini, e leader del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio, hanno incontrato il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Un incontro nel quale è stato indicato il nome del futuro capo del Governo che può portare avanti il contratto che le due parti politiche hanno elaborato in questi giorni.  Il nome fatto da Salvini e Di Maio per il futuro premier è quello di Giuseppe Conte.

 

“Oggi possiamo dire che siamo di fronte a un momento storico. Abbiamo indicato il nome di Giuseppe Conte al presidente della Repubblica. Un nome che può portare avanti il contratto di governo. E sono particolarmente orgoglioso di questa scelta”. Ha affermato Luigi Di Maio.  “Giuseppe Conte sarà un premier politico di un governo politico, indicato da due forze politiche, con figure politiche al proprio interno. E soprattutto con il sostegno di due forze politiche votate. Senza cambi di casacca, senza persone che vengono dal gruppo misto e che entrano in altri gruppi. Non era questo lo spirito che volevamo dare al governo”.

 

Intanto continua incessante il toto ministri. Il leader del M5s Luigi Di Maio potrebbe essere il nuovo ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico mentre Matteo Salvini potrebbe andare ad occupare il Ministro dell'Interno.

 

Giancarlo Giorgetti è dato per il sottosegretario alla presidenza del Consiglio mentre Giampiero Massolo al Ministro degli Esteri.

 

Alfonso Bonafede, assieme con il nome di Riccardo Fraccaro, è indicato per il ministero della Difesa mentre Paolo Savona al ministero dell'Economia. Si ipotizzano poi Laura Castelli al Ministero delle Infrastrutture, Gian Marco Centinaio al Ministro del Turismo, Vincenzo Spadafora al Ministero della Cultura, alla Giustizia potrebbe andarci Alfonso Bonafede ma per lo stesso scranno c'è anche Giulia Bongiorno.

 

Per le Politiche agricole ci sarebbe Nicola Molteni mentre Armando Bartolazzi potrebbe andare alla Salute e Salvatore Giuliano al ministro dell'Istruzione. Infine Sergio Costa all'Ambiente.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 05:01

La nuova Giunta della provincia di Trento non ha mai nascosto la sua contrarietà per dei progetti ritenuti troppo ''calati dall'alto'' anche se il calo delle risorse pubbliche impone delle scelte. In Trentino, tra l'altro, ci sono poco quasi 70 Comuni con meno di 1.000 abitanti contro una quindicina in Alto Adige eppure Kompatscher ha scelto (e ottenuto di finanziare) una strada opposta a quella trentina

09 dicembre - 19:38

In una conferenza stampa altisonante, la Lega trentina ha annunciato la sua presenza in piazza in concomitanza con il resto d'Italia per spiegare alla cittadinanza le politiche fiscali del governo giallo-rosso e per dire no a nuove tasse. Peccato che la manovra provinciale finisca proprio per aumentare le imposte (taglio delle esenzioni al pagamento dell'Irpef e dei ticket sanitari per tutti), colpendo i ceti più deboli e favorendo quelli più benestanti

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato