Contenuto sponsorizzato

''Una giunta Svp, Pd e con l'ex M5S Köllensperger'', in Alto Adige l'asse antileghista potrebbe allargarsi

Intervista all'esponente del Pd di Bolzano Juri Andriollo con uno sguardo anche in Trentino: ''Spero che si ricrei un'unità ma temo l'onda d'urto sarà importante''

Pubblicato il - 25 agosto 2018 - 20:54

BOLZANO. Mentre il centrosinistra autonomista in Trentino pare allo sbando in Alto Adige il fronte antileghista è compatto e in un gioco post elettorale potrebbe andare a contare anche sull'ex consigliere provinciale del Movimento 5 Stelle Köllensperger che ha abbandonato il partito di Di Maio per correre da solo. Lo spiega l'esponente del Pd di Bolzano Juri Andriollo ai nostri amici di Salto.bz.

 

''Il Trentino è sempre stato una fucina di idee - dice Andriollo guardando anche nella provincia vicina - e laboratorio politico, le divisioni non aiutano una comunità politica che ha bisogno di riunirsi come stiamo facendo noi in Alto Adige. L’auspicio è che si ritrovi unità. Ma ho paura che nella provincia vicina ci sarà sicuramente un’onda d’urto importante".

 

Ecco l'intervista completa per capire cosa sta succedendo in Alto Adige.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 ottobre - 20:14

Ci sono 118 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 9 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 8 in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 173 positivi a fronte dell'analisi di 3.132 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 5,5%

29 ottobre - 20:14

L'appello dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari: "Bisogna cambiare la strategia di sanità pubblica, chiunque presenti una sindrome influenzale si metta in isolamento fino ai risultati dei test"

29 ottobre - 18:45

Mentre in Alto Adige Kompatscher si è adeguato alle norme nazionali mettendo in sicurezza i suoi ristoratori ed esercenti per quanto riguarda l'accesso ai contributi (dopo aver preso atto che con meno clienti in circolazione non conveniva restare aperti con i rischi sanitari che ci sono) il Trentino continua con lo scontro con Roma: ''Alle 18.10 noi ancora non abbiamo visto nessuna atto ufficiale di impugnazione''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato