Contenuto sponsorizzato

I funzionari antincendi scrivono a Fugatti: “Ridurre i sopralluoghi mette in pericolo la sicurezza dei cittadini”

Con l’entrata in vigore del nuovo ordine i titolari delle attività potrebbero essere disincentivati al rispetto delle regole sulla prevenzione antincendi. Gli addetti ai lavori: “Il venir meno della certezza dei controlli avrà l’effetto di ridurre la tendenza alla regolarizzazione”

Di Tiziano Grottolo - 03 dicembre 2019 - 12:28

TRENTO. Il caso ormai è scoppiato: la riduzione dei sopralluoghi antincendio a seguito di una Scia preoccupa e non poco, tanto che funzionari e collaboratori antincendi, tramite una lettera, hanno deciso di fare appello direttamente al presidente della Pat Maurizio Fugatti ma anche ai dirigenti provinciali, fino ai sindacati di Cgil, Cisl, Uil e Fenalt.

 

Dopo l’interrogazione presentata dal capogruppo in consiglio provinciale del Movimento 5 Stelle Filippo Degasperi (QUI articolo) dove si accusa, senza mezzi termini, che questa scelta “metterà a rischio l’incolumità delle persone”.

 

L’ufficialità era arrivata a metà novembre quando il dirigente del servizio antincendi e della protezione civile della Pat ha firmato un ordine attraverso il quale si è disposto, che per quanto riguarda la Segnalazione Certificata di Inizio Attività (Scia) di tipo B, i sopralluoghi siano ridotti al 20% sul totale delle richieste presentate.

 

Ciò significa che, con l’entrata in vigore del nuovo ordine (dal 1 dicembre 2019), solo alcune segnalazioni saranno sorteggiate per dei controlli a campione, in particolare ad essere escluse sono state quelle di categoria B, nelle quali rientrano strutture sanitarie fino a 100 posti letto, alberghi fino a 100 posti letto, scuole fino a 300 persone presenti, asili nido, locali di pubblico spettacolo fino a 200 persone e varie tipologie di attività lavorative sia artigiane che industriali.

 

Come sottolineano funzionari e collaboratori antincendi a livello nazionale, per il 2019, “i controlli a campione riguardano le diverse attività presenti su territorio per una percentuale non inferiore all’8% con priorità per le attività di categoria B”. In trentino invece si fa il contrario, dietro la “necessità di alleggerire il carico di lavoro degli appartenenti alla carriera direttiva dei Vigili del Fuoco in ambito della prevenzione incendi per riallocare le risorse in ambiti strategici in cui il Servizio è impegnato”, si privilegia il controllo delle attività di categoria A (generalmente i bomboloni di Gpl interrati) penalizzando però scuole, alberghi e strutture sanitarie.

 

“Non bisogna dimenticare che, ad oggi, i titolari delle attività sono incentivati a rispettare disposizioni di prevenzione antincendi proprio dalla certezza che i vigili del fuoco si presenteranno a controllare – si legge nella lettera – il venir meno di questa certezza avrà, presumibilmente, l’effetto di ridurre la tendenza alla regolarizzazione”.

 

Grazie alla capillare opera di verifica sul territorio infatti, si era contribuito a diffondere una cultura della sicurezza e della prevenzione degli incendi, passi avanti che potrebbero essere vanificati da questo nuovo ordine. Ma per gli addetti ai lavori questa decisione “avrà delle ripercussioni negative sulla sicurezza dei cittadini che useranno le strutture pubbliche e anche sulla sicurezza dei turisti che pernotteranno nelle strutture ricettive trentine” e nel tempo potrebbe perfino determinare “un progressivo impoverimento della professionalità del corpo permanente dei vigili del fuoco”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 gennaio - 19:25

Siamo riusciti ad assistere alla commissione dopo l'esito di una votazione grazie all'ok di 5 consiglieri contro 2. All'interno si è parlato di Santa Chiara, di Lucio Gardin e della candidatura a sindaco di Trento di Divina. Si è parlato dei tagli delle risorse (-15%) e di feste vigiliane. Ecco cosa è successo

29 gennaio - 20:19

Francesca Businarolo esulta dopo che il governatore Zaia avrebbe chiesto di far ritirare la proposta di taglio del parco naturale addirittura del 18% della sua estensione. Una vittoria dei cittadini e delle 10.000 persone che hanno aderito alla camminata per fermare questa operazione

29 gennaio - 16:12

La decisione è arrivata ieri sera in consiglio comunale durante la discussione di una mozione presentata dal consigliere di Altra Trento a Sinistra Jacopo Zannini. Dall'ottobre del 2018 i richiedenti protezione internazionale, infatti, non possono più iscriversi all'anagrafe. Si attende anche la sentenza della Corte costituzionale 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato