Contenuto sponsorizzato

Il militante leghista posta il video di una signora che cade in bici, non la soccorre, la prende in giro sui social e lancia misteriose teorie del complotto

Daniele Demattè, marito della consigliera provinciale Rossato, attivissimo sui social tra informazione fai da te e servizi in stile Striscia la Notizia, oggi ha fatto questo post. Qualcuno adesso lo sta segnalando ai vigili di Rovereto per il mancato soccorso alla signora 

A sinistra il post di Demattè e a destra una delle segnalazioni inviate ai vigili
Di Luca Pianesi - 05 giugno 2019 - 17:03

ROVERETO. E' un mix di orrori il post lanciato sui social da Daniele Demattè, storico militante della Lega e marito della consigliera provinciale Katia Rossato. Lui che filma mentre sfila in macchina, per le vie di Rovereto vede una persona che cade in bicicletta, e commenta così sul suo post: ''Questa mattina....Potrebbe sembrare una banalità, qualcosa su cui riderci sopra e che trasmetterebbero sicuramente a Paperissima, ma la signora africana (presumibilmente...), che sbanda senza motivo e si schianta contro ad una serranda mi da da pensare...E se fosse caduta in mezzo alla strada?? Cominciano ad essere davvero tanti i casi di #stravaganze in bicicletta da parte dei soliti noti...''.

 

 

Il militante con la passione per i ''servizio scandalo'' in stile ''Striscia la Notizia'', che adesso inscena anche finti telegiornali e si infila giacca e camicia per sembrare più credibile, in un post solo è riuscito a collezionare una serie infinita di tristi considerazioni. E per qualcuno in questo video si configurerebbero anche dei reati tanto che sono partite delle segnalazioni alla polizia locale di Rovereto: da un lato, infatti, sembrerebbe che le riprese siano state realizzate dal lato guidare, (anche se potrebbe trattarsi di una dash cam) dall'altro ci sarebbe l'omissione di soccorso. Demattè, infatti, mostra a tutti che non si pone nemmeno il problema di aiutare la persona in difficoltà che, per qualcuno, sarebbe caduta proprio per l'arrivo della sua macchina.

 

 

 

 

Ma al netto delle segnalazioni resta l'idea di caricare su Facebook il tutto, decidere, quindi, di bollare la signora come africana (presumibilmente), definire la vicenda come una cosa ''da riderci sopra'' addirittura che trasmetterebbero ''sicuramente a Paperissima'' e poi, tra un dà senza accento e tanti puntini di sospensione, di lanciarsi in teorie del complotto non ben comprensibili. Cosa vorrà dire? Che non ci sono più le biciclette di una volta? Che ci sono troppi casi di persone che al suo passaggio si gettano a terra? Che è ora di finirla con questi soliti noti troppo stravaganti che poi gli danno da pensare? Il mistero si infittisce con tanto di dubbio amletico: ''E se fosse caduta in mezzo alla strada?''.

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'8 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
10 maggio - 06:01
La campagna vaccinale sta proseguendo e oggi entrerà in funzione il nuovo centro vaccinale a Cles. La dottoressa Maria Grazia Zuccali è [...]
Cronaca
09 maggio - 20:00
Trovati 57 positivi, non sono stati comunicati decessi nelle ultime 24 ore, sesto giorno consecutivo senza vittime legate all'epidemia. Sono [...]
Cronaca
09 maggio - 16:26
L'allerta è scattata poco dopo mezzogiorno all'altezza del centro abitato di Castello sul territorio comunale di Terragnolo. In azione la macchina [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato