Contenuto sponsorizzato

Se la consigliera leghista condivide una fake che crea allarme tra i cittadini e mette in pericolo l'orso e poi rettifica: ''Girava su un gruppo cittadino''

Che si tratti di ignoranza o malafede cambia poco. Che una consigliera provinciale condivida un video ambientato a Cavedago e dica che è Castel Beseno, 6 chilometri di distanza da Calliano dove qualche giorno fa è apparso l'orso che è sceso dal palazzo tramite un balcone, aggiungendo che ''inizia ad essere preoccupante la situazione'' mette in pericolo quell'animale e spaventa la popolazione. E la ''toppa'' poi è peggiore del buco

Di Luca Pianesi - 09 maggio 2020 - 10:58

TRENTO. Pronti via ed è subito allarme: ''Poco fa nella zona di Castel Beseno...(faccina che urla spaventata). Inizia ad essere preoccupante la situazione..''. Il riferimento va chiaramente all'orso acrobata che qualche giorno fa è apparso a Calliano e si è calato dai balconi di un palazzo, stupendo (e allarmando, visto che ha rotto anche la finestra di un appartamento con all'interno delle persone) la popolazione della zona.

 

Uno spettacolo incredibile che ha fatto fare il giro del mondo al paesino della Vallagarina finito sulle cronache di tutti i giornali nazionali e di molti internazionali. La Provincia ha subito spiegato, giustamente, che per quel giovane orso, che dovrebbe essere un esemplare giovane in dispersione, scatterà un ''monitoraggio ad hoc che consentirà di stabilire se si tratta di un episodio isolato o se evidenzia una precisa attitudine del plantigrado''. Il che suona come ''dobbiamo capire se è stato un caso isolato o se si tratta di un esemplare particolarmente confidente'' e in quel caso, ovviamente, sappiamo tutti che potrebbero scattare i provvedimenti che tutti conosciamo.

 

Insomma, preso (anzi ripreso) M49-Papillon, l'attenzione ora si sposta nella zona di Calliano e quale modo migliore per creare panico, aizzare la popolazione e mettere in pericolo il cucciolone che avere una consigliera provinciale di della maggioranza leghista, Katia Rossato, che diffonde un video di un orso che fruga tra i rifiuti con una certa sicurezza, vicino a delle case e a delle auto parcheggiate, in pieno giorno, specificando nel post su Facebook che è successo a 6 chilometri di distanza da Calliano con tanto di ''Inizia ad essere preoccupante la situazione''.

 

 

 

 

In realtà, come dimostra questo video che abbiamo pubblicato qualche settimana fa, il luogo ripreso è Cavedago, sul lato ovest del Trentino (e non Castel Beseno che è a oriente, invece, prendendo l'Adige come punto di riferimento), sotto la Paganella, ''terra'' di orsi e paese dove spesso i plantigradi fanno capolino. E quei bidoni, evidentemente, sono piuttosto gettonati nella zona.

 

 

 

 

Qualcuno già ieri sera ha scritto sotto il post di Rossato su Facebook, chiedendole di non diffondere fake news e lei dopo diverse ore ha corretto scaricando la colpa dell'accaduto su altri cittadini: ''Rettifica - scrive - non si tratta di un filmato girato oggi a Castel Beseno, ma pare sia stato girato qualche qualche settimana fa in un'altra zona del Trentino. È un filmato che è stato condiviso in un gruppo cittadino''. Peccato, consigliera Rossato, che lei ricopre un ruolo istituzionale e quindi che si tratti di ignoranza o malafede (quindi se il video lo abbia condiviso così tanto per fare senza pensare che potesse essere un falso o lo abbia condiviso perché ora c'è da creare agitazione in quella zona perché serve un nuovo temibile avversario da inseguire e catturare) il risultato non cambia.

 

Una figura istituzionale non può comportarsi così, deve avere gli strumenti per non farsi ''gabbare'' o ''strumentalizzare'' da un fantomatico ''gruppo cittadino''. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 23 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 ottobre - 11:55

Dopo le affermazioni di papa Francesco sulle famiglie omosessuali, il mondo cattolico si interroga, tra gli attacchi dei più conservatori e le tante attestazioni di approvazione. Don Marcello Farina: "Parole bellissime. Come cristiani non abbiamo il diritto di imporre agli altri il nostro modo di vivere. La cosa che conta di più è il rispetto per le persone"

24 ottobre - 11:31

Il bilancio resta a 296 morti, mentre i contagi salgono a 6.095 casi da inizio epidemia. Ci sono 102 pazienti ricoverati nei normali reparti ospedalieri e 31 quelli nelle strutture, mentre sono 12 le persone che ricorrono alla terapia intensiva. Sono 32 i cittadini in isolamento nella struttura di Colle Isarco

24 ottobre - 12:29
L'allerta è scattata intorno a mezzogiorno di oggi, sabato 24 ottobre, lungo la strada statale 45bis della Gardesana. In azione la macchina dei soccorsi
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato