Contenuto sponsorizzato

L'allarme di Dallapiccola: ''Gli allevatori sono preoccupati: troppe incertezze e poche risorse. Sono pazienti ma non in eterno''

L'ex assessore Michele Dallapiccola si è recato alla feste di primavera per capire e ascoltare le sensazioni del comparto in merito alla gestione della zootecnica in ambito provinciale. Sarebbero emerse diverse problematiche che attanagliano gli allevatori trentini

Di Luca Andreazza - 08 aprile 2019 - 18:39

TRENTO. "Gli allevatori sono scoraggiati e si respira già rassegnazione a fronte di questo inizio di legislatura", questo il commento dell'ex assessore Michele Dallapiccola, che si è recato alla feste di primavera per capire e ascoltare le sensazioni del comparto in merito alla gestione della zootecnica in ambito provinciale. "L'atmosfera non è buona - aggiunge l'ex consigliere provinciale - tutto sembra da ricostruire, gli allevatori reputano di dover ripartire da zero". 

 

Sarebbero diverse le incertezze che attanagliano gli allevatori. "Non è stato ancora superato - prosegue Dallapiccola - il disagio determinato dai ritardi nei pagamenti e girano voci su un possibile quanto inutile ricorso a Cooperfidi. Procedure macchinose e poco utilizzate dagli allevatori, che posso confermare per esperienza diretta".

 

Un altro tema è quello dei grandi carnivori. "Un argomento complesso che non riceve la dovuta attenzione, soprattutto sul fronte degli aiuti pratici in termini di stanziamenti per opere di prevenzione. La Provincia - evidenzia il consigliere provinciale del Patt - non deve essere a favore o contro orsi e lupi, ma saper governare questa criticità. Invece si continua a promettere soluzioni radicali e interessamenti di alto livello, senza nei fatti riscontro pratici: un esempio è il provvedimento sugli abbattimenti. Si ipotizza una decimazione dei predatoriovviamente e legalmente impraticabile, che non sortirebbe alcun effetto. Anzi le ricadute sarebbero potenzialmente negative per il disgregarsi dei branchi di lupi".

 

Nel mirino anche la promozione del latte e l'ulteriore sviluppo del marchio "qualità Trentino". "La nuova giunta - dice Dallapiccola - non è riuscita a ideare nessun piano straordinario per sostenere il settore. Manifestazioni e eventi, come Latte in festa, risultano a forte rischio e tante iniziative potrebbero non trovare conferma nei prossimi anni. Il marchio invece langue, specialmente lato programmazione di nuove attività di promozione e espansione. A questo si può aggiungere il rimpallo tra assessorati: Zanotelli e Failoni rivendicano la competenza, ma intanto tutto resta fermo". 

 

Emergerebbero anche problematiche sul coinvolgimento delle nuove leve. "Il premio insediamento giovani e la misura investimenti in agricoltura, finanziati a metà, hanno lasciato molti scontenti sul campo e non si hanno notizie di ulteriori stanziamenti straordinari nel breve periodo, mentre la Pac è ancora in discussione. I presagi - spiega l'ex assessore - non sono buoni e la rimodulazione dei pagamenti diretti e dei Psr potrebbero non comprendere le zone di montagna".

 

Tante le incognite anche legate ai finanziamenti. "Diverse le decurtazioni di risorse per reperire i fondi necessari per compensare i danni da maltempo - conclude Dallapiccola - non ci sono tracce di compensazioni per rifondere i capitoli e idee per trovare ulteriori risorse. La fortuna di questa giunta è che gli allevatori hanno molta pazienza, ma serve un cambio di passo, non possono aspettare risposte e risultati in eterno". 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 novembre - 20:27

Sono 448 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 55 in alta intensità. Sono stati trovati 265 positivi a fronte dell'analisi di 3.695 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,2%

29 novembre - 17:22
Sono stati analizzati 3.695 tamponi, 265 i test risultati positivi. Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 7,2%. Altri 12 decessi, il bilancio è di 236 morti in questa seconda ondata
29 novembre - 19:22

L'allerta è scattata alle 16.30 di oggi lungo la strada statale 237 all'altezza del centro abitato di Ponte Arche. In azione la macchina dei soccorsi tra ambulanze, elicottero, vigili del fuoco di Lomaso e polizia delle Giudicarie

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato