Contenuto sponsorizzato

Sull'albero di Natale in piazza Duomo a Trento appare la scritta “Tra vent’anni scierete sull’acqua”

Lo striscione è apparso questa notte sul grande albero di Natale in piazza Duomo, ecco l'ultima provocazione di Fridays For Future, in vista del quarto sciopero per il clima: “Il turismo mordi e fuggi, da sci e mercatini di natale, non è sostenibile per la città e per le montagne”

Di Tiziano Grottolo - 27 novembre 2019 - 10:06

TRENTO. Dopo l’annuncio del quarto sciopero globale per il clima che si terrà questo venerdì, 29 novembre, c’è stata una nuova azione di protesta dei militanti trentini di Fridays For Future. Questa volta nel mirino dei giovani ambientalisti è finito il così detto turismo mordi e fuggi e così sull’albero di Natale in piazza Duomo è stato appeso uno striscione: “Tra vent’anni scierete sull’acqua”, lo slogan scelto per quest’occasione.

 

“Il messaggio – spigano – è molto chiaro, il turismo ‘fast’ da sci e mercatini di Natale non è sostenibile per la città e per le montagne. La risposta della politica al riscaldamento globale è costruire nuovi bacini idrici sempre più alti, per fare sciare le persone anche quando la stagione non lo consente”, l’affondo dei militanti. Questo striscione fa il paio con quello apparso alcuni giorni fa (QUI articolo) sul cavalcavia della tangenziale, nella zona del parcheggio Zuffo, che recitava “Il tempo è scaduto, blocchiamo il mondo”.

 

Il luogo infatti non è stato in maniera casuale, la rotonda rappresenta uno snodo centrale “del soffocante” traffico cittadino “che ogni giorno inquina l’aria che respiriamo”. L’obiettivo dei giovani ambientalisti è quello di occupare la stessa rotonda con l’intento di paralizzare l’intera città, proprio in concomitanza del così detto Black Friday, giornata di apoteosi del consumismo mondiale. “Il consumo sfrenato e ingiustificato – spiegano i militanti di Fridays For Future – è una delle principali cause del cambiamento climatico e della devastazione che questo porta con sé”.

 

La questione, però, non si ferma qui, il concentramento della mobilitazione si svolgerà proprio in una delle rotonde più trafficate del capoluogo, questo per denunciare una concezione “ormai insostenibile” di mobilità che pone al centro il trasporto privato. “Concezione tanto cara all’attuale amministrazione provinciale – sottolineano gli scioperanti – dal momento che ha costruito la propria campagna elettorale sulla costruzione di un’autostrada, la A31 Valdastico, che per collegare in maniera ‘rapida’ il Trentino con il Veneto distruggerebbe intere valli e montagne”.

 

Il quarto sciopero globale per il clima si terrà questo venerdì 29 novembre, il ritrovo è previsto alle 9 in via Guseppe Verdi a Trento, dopodiché si raggiungerà la rotonda vicina al parcheggio Zuffo, “Riprenderemo la città, non possiamo più permetterci di aspettare” l’appello lanciato dai manifestanti.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 gennaio - 05:01

L'assessore mostra di credere di più nella logica dei numeri e della quantità che in quella della qualità: ''Una destinazione turistica che ha meno di 1 milione di presenze non ha un peso specifico sufficiente per posizionarsi sul mercato mentre è da 3 milioni di presenze che abbiamo la forza per stare sul mercato da veri protagonisti''. Ma la strategia che si vuole perseguire qual è? Quella di una ''riminizzazione'' del territorio? E a Bolzano che hanno 76 enti invece che i 20 trentini sbagliano?

28 gennaio - 19:24

Approvata la mozione proposta da De Menech (Partito democratico) contro lo spopolamento della montagna: “Negli ultimi 20 anni varati dei provvedimenti per contrastare il fenomeno, ma non sono stati sufficienti. Vogliamo stimolare il governo ad aumentare l’impegno”. Il ministro: "Venerdì prossimo ci saranno gli Stati generali sulla Montagna, importante occasione per confrontarci e affrontare nodi ancora irrisolti"

28 gennaio - 18:57

La skiarea trentina di Pejo3000, la prima al mondo a mettere al bando i prodotti plastici, ha lanciato una campagna di comunicazione molto particolare: su piste e impianti sono stati collocati pannelli informativi con le frasi più celebri di molti “big” del passato per sensibilizzare gli sciatori ad abbandonare l'uso della plastica

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato