Contenuto sponsorizzato

Tensione in piazza Pasi, preso di mira il gazebo della Lega: ''Salvini Boia''

E' successo questa mattina attorno alle 11.30. Lega: "Grazie alle forze dell’ordine che sono intervenute per evitare che nessuno si facesse male"

Pubblicato il - 24 gennaio 2019 - 18:47

TRENTO. Momenti di tensione questa mattina in piazza Pasi a Trento dove era presente il gazebo dei militanti della Lega organizzato per promuovere il decreto sicurezza. Attorno alle 11 – 11.30 un gruppo di antagonisti si è presentato in piazza munito di alcuni volantini che riportavano messaggi contro le politiche leghiste e sono stati poi gettati addosso ai militanti presenti al gazebo.

 

Immediatamente sono intervenute le forze dell'ordine presenti sul posto che hanno formato un cordone per separare gli antagonisti dai militanti leghisti. Lo scontro, fortunatamente solo verbale, è durato pochi minuti fino a quando la situazione è tornata tranquilla.

 

“Per l’ennesima volta le forze 'democratiche' che si presentano come 'amici del buongusto' – spiega in una nota la Lega di Trento - hanno tentato di spaventarci attaccando il nostro gazebo in Piazza Pasi e urlando slogan che mostrano per l’ennesima volta il vero volto di forze che solamente a parole si presentano come democratiche. Vogliamo ringraziare le forze dell’ordine che sono intervenute per evitare che nessuno si facesse male anche se tante persone non hanno avuto la possibilità di avvicinarsi a noi per sentire quanto di buono sta facendo la Lega sia a livello nazionale sia a livello locale”.

 

I militanti si sono poi occupati anche di raccogliere i volantini che il gruppo di antagonisti aveva lanciato in piazza.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 novembre - 20:51

Sono 446 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 42 pazienti sono in terapia intensiva e 52 in alta intensità. Sono stati trovati 219 positivi a fronte dell'analisi di 3.955 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 5,5%

28 novembre - 22:40

Il conducente di 22 anni di Caderzone Terme ha improvvisamente perso il controllo del mezzo per finire contro alcuni alberi a lato strada e poi cappottarsi. Una 15enne è morta sul colpo, gravi gli occupanti dell'abitacolo

28 novembre - 20:00

A livello territoriale, attualmente non ci sono Comuni che entrano in zona rossa, mentre per Castello Tesino, Baselga di Pinè e Bedollo le stringenti limitazioni sono agli sgoccioli. Fugatti: "C'è qualche caso ma sono territori ben sotto i mille abitanti e quindi li prendiamo in considerazione perché contagio è circoscritto"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato