Contenuto sponsorizzato

Tutti gli assessori provinciali al primo giorno di scuola. Ghezzi: ''Presenzialismo capillare, distribuiti in base ai bacini elettorali?''

Ieri la giunta si è divisa e sparpagliata per tutta la provincia per partecipare al primo giorno di scuola di diverse scuole trentine. Un fuori programma che per il consigliere di Futura apre a diverse domande, tra le varie ''quale messaggio didattico hanno portato gli esponenti della giunta nelle scuole trentine nel primo giorno di scuola''

Pubblicato il - 13 settembre 2019 - 16:51

TRENTO. ''In modo del tutto informale, sedendo in mezzo al semicerchio dei bambini come a Livo o ascoltando in classe quanto hanno imparato assieme al loro insegnante a Rumo, l'assessore provinciale all'agricoltura, foreste, caccia e pesca Giulia Zanotelli ha inaugurato il nuovo anno scolastico nelle scuole primarie dei due centri nonesi''. Sembra un post da ''Libro Cuore'' quello pubblicato dalla pagina ufficiale della Provincia di Trento eppure è solo uno dei tanti che ieri sono stati diffusi su Facebook per documentare la presenza di tutti gli assessori nelle scuola del Trentino. Un'operazione in grande stile, vista la copertura mediatica data all'evento, che un risultato l'ha sicuramente ottenuto: ribadire che la parola ''assessora'' per la giunta leghista non esiste e che quel ruolo lo si può declinare solo al maschile. 

 

Ecco quindi sette comunicati stampa (impossibili da riportare tutti a meno di non essere l'organo ufficiale della giunta leghista) dagli eloquenti titoli: Spinelli agli studenti: ''Il Trentino ha bisogno della vostra energia e delle vostre capacità''; ''Scuola dall'assessore Gottardi l'invito a coltivare impegno e partecipazione''; L'assessore Segnana all'Istituto Sacro Cuore: ''Conoscenza fondamentale per affrontare le sfide della vita''; Scuola, l'assessore Failoni: ''Lo Sport ha una grande importanza formativa''; Il vicepresidente Tonina all'Ic Giudicarie Esteriori: un inizio all'insegna dell'ambiente, dell'autonomia e del diritto allo studio; Zanotelli ai bambini di Livo e Rumo: ''Formazione e impegno per il bene di tutta la comunità''

 

E poi quello riferito all'assessore competente: ''Impegnatevi con passione e continuità'' queste le parole dell’assessore Bisesti agli studenti trentini per l’inaugurazione del nuovo anno scolastico''. Insomma frasi di circostanza e tanto presenzialismo per figure di primo dell'amministrazione provinciale che, ci si augura, ieri mattina abbiano anche trovato il tempo di lavorare per la comunità nonostante fossero tutti ''sparsi'' sul territorio a stringere mani e ricevere applausi. 

 

La cosa non è sfuggita al consigliere provinciale Ghezzi che da giornalista (è stato anche direttore dell'Adige) sa bene come funziona il mondo della comunicazione e vedere un tale dispiegamento di forze ed energie per dare come messaggio ''studiate che vi fa bene'' lo ha portato ad interrogare l'aula: ''Il presenzialismo capillare della Giunta può avere una ratio politica (“piccoli elettori crescono, nel frattempo i genitori votano”?) - comunica il consigliere di Futura - difficile invece identificarne l’intento didattico: quale messaggio hanno voluto trasmettere gli assessori provinciali in una giornata importante come il primo giorno di scuola?''. 

 

''Le letture possono essere molte - prosegue Ghezzi -. La prima: la giunta paga gli insegnanti e dunque gli assessori hanno diritto a partecipare al primo giorno di scuola? Oppure: la giunta è sempre vicina ai bambini, ai ragazzi e alle loro famiglie. Non a tutti però: la giunta è vicina solo ai veri trentini, quelli che abitano in provincia da almeno dieci anni.  Dagli altri, è un po’ distante; o ancora: la giunta protegge gli studenti dalla “confusione” che sarebbe scatenata da corsi contro l’omofobia e l’identità di genere, che hanno il malaugurato scopo di diffondere una cultura che cerca di combattere le discriminazioni, quindi è importante la sua presenza fisica nelle scuole trentine''.

 

Per questo Ghezzi interroga il presidente del consiglio provinciale per capire: ''Quali criteri abbiano guidato la distribuzione degli assessori sul territorio trentino per la loro presenza nelle scuole per l’inizio dell’anno scolastico (ad un primo sguardo sembrano infatti fare riferimento ai bacini elettorali di ogni assessore o assessora); quale messaggio didattico hanno portato gli esponenti della giunta nelle scuole trentine nel primo giorno di scuola; se il controllo giuntale nelle scuole seguirà un calendario fisso o se è da ritenersi “una tantum”, all’inizio di ogni anno scolastico; quale impatto pensano che la loro presenza abbia avuto sugli studenti''.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 ottobre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 ottobre - 20:26

Dal Centro Sociale Bruno ai sindacati di Cgil, Cisl e Uil, passando per tutto l’arco politico che va dai partiti di sinistra a quelli del centrosinistra-autonomista fino ad arrivare al movimento di Fridays for Future. È una manifestazione variegata e colorata quella andata in scena oggi a Trento in sostegno del popolo curdo

16 ottobre - 17:00

Un detto ladino che compare sulle bustine dello zucchero in val di Fassa e sul quale si trova anche il marchio della locale Azienda per il turismo. Detti che però ritornano a far discutere e diventano virali sui social per l'indignazione di diverse persone in modo trasversale

16 ottobre - 18:26

La Regione Veneto è intervenuta con un comunicato spiegando che la predazione è avvenuta perché ''l'energia erogata era assente o insufficiente, la recinzione era appoggiata al guard-rail quindi la corrente scaricava a terra, l'altezza era insufficiente (70/80 centimetri), non seguiva l'andamento del terreno, vi erano aperture di 30/40 centimetri''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato