Contenuto sponsorizzato

Violenza sulle donne, Conzatti: ''L'obiettivo: in Italia l'approccio integrato del Trentino. Introdurremo per legge corsi di formazione anti-violenza nelle scuole''

Presentate le linee programmatiche della Commissione parlamentare d'inchiesta sul femminicidio. La senatrice trentina: ''Sui media immagini del femminile non aderenti alla realtà creano idee distorte nelle nuove generazioni''

Pubblicato il - 05 aprile 2019 - 06:01

TRENTO. Un "ragionamento a 360 gradi", interventi a tutto tondo per sconfiggere le violenze sulle donne e introdurre un cambiamento culturale in tutta Italia. Lo farà la Commissione parlamentare d'inchiesta sul femminicidio, il cui "sogno", annunciato giovedì mattina, è "una legge quadro sulla violenza di genere". Dell'organo parlamentare con poteri speciali è vicepresidente la senatrice trentina di Forza Italia Donatella Conzatti (qui e qui articoli). "Lavoreremo perché la rappresentazione della figura femminile dei media e delle pubblicità sia corrispondente alla donna reale. L'obiettivo è una legge nazionale che introduca corsi di formazione contro la violenza a scuola e all'università" anticipa.

 

"Il tema è strutturale. Una donna su tre in Italia tra i 16 e i 70 anni ha subito una qualche forma di violenza. Parliamo di segregazione fisica o economica, di violenza, di maltrattamenti, di femminicidio, di un fenomeno grave e diffuso. Ed è ancora più grave, come ha sottolineato la Convenzione di Istanbul, perché i maltrattanti nel 80% dei casi sono partner, l'ex partner, un fidanzato, un familiare. Un fenomeno molto vicino alle donne che le accompagna con moltissimo dolore tutti i giorni della loro vita". Così Conzatti alla presentazione, fatta assieme alla presidente Valeria Valente (Pd) e alla collega vicepresidente Cinzia Leone (M5s) in Sala Nassirya al Senato, delle linee programmatiche di lavoro della Commissione.

 

"Affronteremo il tema con la massima serietà - ha detto ancora la senatrice trentina durante il suo intervento - cercando di partire da ciò che funziona bene già oggi in Italia e Europa. Ci ispiriamo alle reti di protezione, al sistema integrato suggerito dalla Convenzione di Istanbul, al metodo Scotland. Non guarderemo solo alle vittime, ma anche a coloro che hanno comportamenti violenti. Siamo convinte che il fenomeno della violenza scomparirà solo quando ci sarà una ferma presa di coscienza degli uomini che quel modello culturale non è attuabile, è sbagliato, perseguibile penalmente ed è un modello culturale che va abolito da un Paese civile e democratico come l'Italia".

I lavori della Commissione saranno strutturati su specifici gruppi di lavoro che rientrano nel quadro delle linee della Convenzione di Istanbul e delle cosiddette "4P", "protezione, prevenzione, procedimento contro i colpevoli e politiche integrate".

 

Alla presidente spetterà il coordinamento del gruppo che si occuperà della "punizione" ("Le priorità - ha detto - sono il raccordo tra procedimento penale e civile, il lavoro delle Ctu nei tribunali, il bilanciamento di attenuanti e aggravanti"). Conzatti coordinerà il gruppo sulla rieducazione e riabilitazione degli uomini con comportamenti violenti, con l'obiettivo di "riuscire a rendere obbligatoria la frequenza di corsi di rieducazione per i maltrattanti" e lavorerà per implementare in Italia l’approccio integrato alla presa in carico delle vittime e dei loro figli, prendendo spunto dalle migliori pratiche europee e italiane, "come quella della Provincia autonoma di Trento". 

 

La senatrice trentina ha espresso un plauso al "lavoro fatto davvero bene in Trentino, che è quello richiesto dalla Convenzione di Istanbul", da cui si prenderà spunto, e ricorda che "la battaglia contro la violenza sulle donne si vince assieme agli uomini".

 

A Cinzia Leone, che ha evidenziato la "mercificazione del corpo femminile nella pubblicità" come un rischio e si adopererà per la costruzione di una cultura del rispetto.

 

"In collaborazione con l'Agcom e la Commissione di vigilanza della Rai lavoreremo per la prevenzione con le testate giornalistiche nazionali - chiarisce, raggiunta poi al telefono, Conzatti - per far passare il concetto che pure le immagini creano la realtà. È tempo che venga data un'immagine della donna corrispondente alla realtà, che non è quella di una velina, ma di una donna reale. Lavoreremo perché si dia alla società un'immagine aderente a quella reale, perché le donne non sono oggetti".

 

Anche una campagna pubblicitaria, ad esempio dalle modelle troppo magre è una forma di violenza? "Rappresentare la donna in maniera diversa dalle donne reali è violenza, crea un'idea distorta per le nuove generazioni. Ci spenderemo perché crescano con un'idea di donna più aderente alla realtà. Alcune aziende di nicchia già stanno iniziando a farsi rappresentare nell'immagine da donne reali" risponde Conzatti.

 

Che ricorda un altro obiettivo della Commissione: "Ragioneremo a 360 gradi. L'obiettivo sarebbe arrivare a una legge nazionale che introduca corsi di formazione non solo per la scuola, ma anche all'università". Proprio nel momento in cui in Trentino sono stati sospesi i corsi sull'educazione di genere? ""Corsi liberi dalle violenze" li chiameremo così" risponde ironica Conzatti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 novembre - 18:26

Sono 143 i positivi e 14 i decessi. Stabile il rapporto contagi/tamponi che resta sotto la soglia del 10%. Aumenta il numero dei ricoveri nei normali reparti e cala quello in terapia intensiva, 176 i guariti nelle ultime 24 ore, un dato che anche oggi supera quello dei nuovi infetti

24 novembre - 17:31
Sono stati analizzati 2.235 tamponi, 143 i test risultati positivi. Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 6,4%. Il bilancio è di 194 morti in questa seconda ondata
24 novembre - 17:42

Dall’inizio del mese di novembre sono più di 12 mila le persone morte a causa di Covid-19. Sono 23.232 i nuovi positivi che sono stati registrati, i dati sono stati comunicati dal direttore generale della Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato