Contenuto sponsorizzato

Femminicidi, interviene la senatrice Conzatti: “Servono corsi di rieducazione per uomini maltrattanti”

Sono già 40 i casi di femminicidio avvenuti nei primi sei mesi dell’anno, un numero che non accenna a calare e perfettamente in linea con gli anni scorsi, dopo l’ennesimo caso interviene anche la senatrice trentina Conzatti

Di Tiziano Grottolo - 16 luglio 2019 - 10:47

ROMA. L’ultimo caso a Savona dove un uomo ha sparato alla ex compagna durante una serata in spiaggia, ferendo anche altre due donne e una bambina di 3 anni. Nei primi 6 mesi dell’anno il numero delle vittime di femminicidio è salito a 40.

 

Debora, la vittima di Savona, aveva denunciato 19 volte quello che poi è diventato il suo carnefice a margine del caso è intervenuta anche la senatrice trentina Donatella Conzatti.

 

“L’ennesimo caso di femminicidio e denunce della vittima per avere misure di protezione, non sono bastati per evitare un’altra morte – attacca la senatrice – sarebbe il caso di istituire l’obbligo di frequentare corsi per la rieducazione degli uomini maltrattanti da affiancare alle misure cautelari”. È questa la proposta presentata in aula da Conzatti da sempre in prima linea nella lotta contro la violenza sulle donne.

 

“L’uomo che agisce con comportamento violento e che è intriso di cultura di dominio tale da poter considerare la donna oggetto va certamente denunciato, ma contemporaneamente – continua Conzatti – va psicologicamente rieducato”. 

 

La senatrice spiega come il gruppo di Forza Italia abbia depositato una serie di emendamenti al disegno di legge sul cosiddetto ‘Codice Rosso’, da oggi all’esame dell’Aula del Senato, in cui si chiede di far rientrare i corsi per la rieducazione dei maltrattanti tra le misure di protezione della donna. Il disegno di legge in discussione prevede per i reati contro le donne una 'corsia preferenziale' che tradotto significa indagini più veloci. Previste inoltre, pene più pesanti per i casi di violenza sessuale e stalking, introdotti anche nuovi i reati di revenge porn e sfregi al viso oltre allo stop ai matrimoni forzati. 

 

La Vicepresidente della Commissione sul femminicidio affonda poi sulla maggioranza giallo-verde: “Sul Codice Rosso, sta passando un messaggio di chiusura, secondo noi il provvedimento potrebbe essere migliorato con le nostre proposte di modifica ma la maggioranza ha deciso di blindare la proposta. Siamo ancora ancora in tempo per fare un passo nella direzione più giusta – conclude la parlamentare azzurra – quella delle donne, che chiedono l’aiuto di tutte le forze politiche”.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 23 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 ottobre - 05:01

Sono arrivati nel bel mezzo della pandemia, quando gli ospedali cercavano disperatamente personale, ma i loro contratti durano solo pochi mesi: “Crediamo di aver dato tanto e ci aspettavamo un trattamento diverso, ora ho deciso di guardare altrove”. Così Apss perde i professionisti della prima linea contro il Covid

24 ottobre - 08:12

Complice il manto stradale bagnato la donna ha perso il controllo del mezzo finendo per ribaltarsi. Sul posto si sono portati i vigili del fuoco di Dro, i soccorsi sanitari e le forze dell'ordine

23 ottobre - 18:47

I risultati dello studio condotto dagli esperti dell’Agenzia provinciale per l’ambiente e la tutela del clima. I test sono stati condotti su diversi tipi di dispositivi di copertura naso-bocca: la mascherina artigianale, chirurgica, FFP2 o KN95, la visiera e le fasce di stoffa. Nello specifico, la percentuale di CO2 espirata ad essere re-inalata con la visiera è del 3%, mentre il 14% con quella artigianale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato