Contenuto sponsorizzato

Ballottaggi, Lorenzo Miori vince nettamente e viene eletto sindaco a Vallelaghi

Il leader di Progetto Vallelaghi ha chiuso la competizione elettorale al 61,02%, mentre Federico Sommadossi si è fermato al 38,98%

Di L.A. - 04 ottobre 2020 - 21:51

VALLELAGHI. E' Lorenzo Miori il sindaco di Vallelaghi. Netto il successo al ballottaggio, una forbice che via via si è consolidata nel corso delle schede scrutinate. 

 

Il leader di Progetto Vallelaghi ha chiuso la competizione elettorale al 61,02%, mentre Federico Sommadossi si è fermato al 38,98%. 

 

Il primo turno si era chiuso in leggero vantaggio per Miori (48,94%), tallonato dalla coalizione composta da Civica Vallelaghi e 3 Insieme (47,72).

 

Solo il 3,34% per Roberto Franceschini, ex consigliere provinciale e regionale, oltre che consigliere comunale a Trento e poi del Comprensorio della Valle dell'Adige e infine consigliere comunale di Vezzano (Qui il primo turno).

 

Nelle settimane successive c'è stato un apparentamento tra Sommadossi e Franceschini per il ballottaggio, ma non sono arrivati i risultati sperati. E' Miori il primo cittadino eletto a Vallelaghi. 

 

Al ballottaggio sono state 2.727 le schede valide, 21 quelle non valide con 7 bianche per un totale di 2.748 schede scrutinate.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 gennaio - 19:26

Sono 332 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 47 pazienti sono in terapia intensiva e 46 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 4 decessi di cui 3 in ospedale

17 gennaio - 19:26

Mentre ci sono territori che vedono confermata in toto la loro fornitura il Trentino dimezza i suoi numeri. L'assessora: ''La campagna di vaccinazioni anti Covid in Trentino va avanti come previsto, per lo meno nell’immediato''. Domani il richiamo per i primi vaccinati del 27 dicembre

17 gennaio - 21:08

I sindacati intervengono dopo che la Provincia a trazione leghista è uscita nuovamente sconfitta in tribunale per quanto riguarda il criterio di almeno 10 anni di residenza per accedere alle case Itea. Grosselli, Bezzi e Alotti: "Solo una Giunta come quella trentina poteva concepire una misura così indegna. La Pat disapplichi la norma o dovranno pagare la sanzione di tasca propria"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato