Contenuto sponsorizzato

Dallapiccola: ''Quale piano di investimenti per il turismo con Trentino Sviluppo per il 2020/22?''. Failoni: ''Non c'è: tutto ancora in corso di definizione''

L'interrogazione dell'ex assessore era arrivata all'indomani dell'investimento della Provincia a Bolbeno. La richiesta però non ha ottenuto una risposta: "Non è possibile evadere il quesito". Dallapiccola: "I tagli del nastro ai quali presenziano sono il risultato di opere programmate e finanziate dalla precedente legislatura. Ora ci sono solo una serie di annunci che generano illusione nei territori"

Di Luca Andreazza - 06 febbraio 2020 - 21:19

TRENTO. "Non è possibile evadere il quesito in quanto il piano triennale 2020/2022 - Fondo per lo sviluppo dell'economia trentina - per quanto riguarda gli investimenti di Trentino Sviluppo nell'ambito turistico è in corso di definizione". E' tutta qui la risposta dell'assessore Roberto Failoni all'interrogazione di Michele Dallapiccola, consigliere provinciale in quota Patt.

 

L'interrogazione dell'ex assessore era arrivata all'indomani dell'investimento della Provincia a Bolbeno. "Un intervento che ci può stare - aggiunge il consigliere del Patt - ma che si è rivelato particolarmente goffo per i tempi e i modi che amplificano la percezione del problema. Il tutto è avvenuto, infatti, dopo una manovra finanziaria provinciale dove siamo stati richiamati all'austerità e alla ristrettezze economiche. Così una scelta a favore di una realtà locale meritevole è stata calata nel momento più sbagliato. Gli amministratori e i volontari di Borgo Lares, che come unica colpa hanno avuto quella di aver semplicemente portato avanti il loro compito, vengono messi in imbarazzo".

 

Da lì la richiesta dell'ex assessore anche le indicazioni del piano di investimenti del comparto sciistico della giunta provinciale per il prossimo triennio 2020/22 con l’elenco delle opere finanziabili, le priorità politiche della giunta provinciale sui singoli investimenti e la loro tempistica di realizzazione tenuto conto delle disponibilità economiche e della complessità della singola opera in programma.

 

"E' molto preoccupante che nel pieno del secondo anno amministrativo - commenta Dallapiccola - la Giunta leghista sia ancora in alto mare nella pianificazione del settore impiantistico. I tagli del nastro ai quali presenziano sono il risultato di opere programmate e finanziate dalla precedente legislatura. Ora ci sono solo una serie di annunci e si dice 'Sì' a tutto senza rendersi conto che così confondono l'ottimismo che infondono al mercato e il generare illusioni nei territori. In questo modo creano aspettativa, ma anche investimenti in termini di progetti e dinamiche che hanno implicazioni sociali".

 

Dopo oltre un anno di governo non c'è ancora un quadro pronto, un piano di intervento della Provincia in quanto "in corso di definizione", si naviga a vista. Una risposta che arriva dopo quella fornita a Lucia Coppola (Futura) sempre sull'investimento di Bolbeno. Un intervento dell'assessore considerato insoddisfacente: "Nessuna attenzione all'ambiente" (Qui articolo).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 04:01

È stato lo stesso Fugatti ad ammettere “che non è esclusa l’impugnazione del Governo” e ancora una volta il Trentino ha scelto la via più facile, ma meno sicura, per arrivare allo scontro con il Governo. Se per impugnare l’ordinanza dell’Alto Adige (appoggiata da una legge) servirebbe un lungo e complicato ricorso, per disinnescare quella trentina basta una pronuncia del Tar

26 ottobre - 19:32

Ci sono 86 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 5 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 10 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 113 positivi a fronte dell'analisi di 983 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,5%

26 ottobre - 18:58

I nuovi dati forniti dalla Provincia e dall'Azienda sanitaria dimostrano come l'allerta nelle Rsa rimane alta. Il direttore dell'Apss "Il focolaio maggiore è nella struttura di Malè" e accanto all'emergenza sanitaria c'è anche quella del personale  

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato