Contenuto sponsorizzato

George Floyd, al Parlamento Europeo Lega e FdI votano contro la risoluzione che condanna razzismo e violenza

Ieri è stata approvata, con 493 voti favorevoli, una risoluzione che condanna razzismo, violenza e xenofobia e prende una dura posizione contro l'amministrazione statunitense. Il capodelegazione di Fratelli d'Italia, Fidanza: "Testo che le sinistre hanno infarcito di ideologia, attacchi all'amministrazione Trump, pregiudizi contro le forze dell'ordine e spinte immigrazioniste". Zingaretti: "Che vergogna! C'è chi soffia sull'odio"

Di Arianna Viesi - 20 giugno 2020 - 13:14

BRUXELLES. Ieri, venerdì 19 giugno, il Parlamento Europeo ha votato una risoluzione che condanna razzismo e violenza e sostiene il movimento "Black Lives Matter". La risoluzione è stata approvata con 493 voti favorevoli, 67 astenuti e 104 contrari: tra quest'ultimi vanno annoverati anche i voti degli eurodeputati di Lega e Fratelli d'Italia che hanno votato contro.

 

Già mercoledì 17 giugno sugli scranni di Bruxelles si era discusso del caso Floyd. "Il razzismo - si legge in una nota - non può trovare spazio in Europa". Durante il dibattito si sono toccate varie questioni, ancora aperte, della vicenda di Floyd (e dei movimenti di protesta che la sua morte ha generato in tutto il mondo): razzismo, discriminazione, abuso di potere da parte della polizia.

 

All'inizio della sessione plenaria, è stato osservato anche un minuto di silenzio per Floyd, cui è seguita la testimonianza di Pierrette Herzberger-Fofana, membro del Parlamento Europeo, che ha raccontato la propria esperienza: lei stessa, infatti, ha dovuto fare i conti con la "brutalità" della polizia belga mentre stava cercando di fotografare due agenti durante un intervento con due giovani ragazzi alla Stazione Nord di Bruxelles (QUI testo). 

 

"Penso - ha detto Pierrette Herzberger-Fofana - che sia necessario prendere serie misure per proteggere molte persone che non sono qui e che non riescono a sottrarsi alla violenza della polizia". 

 

Nella giornata di ieri, venerdì 19 giugno, il dibattito è poi continuato in aula e i membri del Parlamento hanno chiesto all'Europa tutta di prendere una dura posizione contro razzismo, violenza e ingiustizia. Nella risoluzione, approvata con 493 voti, il Parlamento "condanna duramente la terribile morte di George Floyd" negli Stati Uniti, così come altre uccisioni analoghe in tutto il mondo. I deputati chiedono alle autorità statunitensi di affrontare in maniera compiuta il problema del razzismo e le disuguaglianzecondannano duramente le repressioni perpetrate dalla polizia ai danni di manifestanti pacifici e giornalisti nonché la minaccia del presidente Trump di schierare l'esercito e la sua retorica (QUI testo).  

 

Non solo Stati Uniti. Il testo si rivolge anche ai Paesi europei chiamati a combattere qualsiasi forma di discriminazione, razzismo, xenofobia, disuguaglianza. 

 

Per l'Italia hanno votato a favore della risoluzione gli eurodeputati di Pd, M5S, Forza Italia e Italia Viva. Voto contrario, invece, di Lega e Fratelli d'Italia. Il capodelegazione di Fratelli d'Italia, Carlo Fidanza, con un post e un video su Facebook, ha così motivato la loro presa di posizione: "Nel ribadire la ferma condanna per l'uccisione di George Floyd, siamo stati costretti a votare contro un testo che le sinistre hanno infarcito di ideologia, attacchi all'amministrazione Trump, pregiudizi contro le forze dell'ordine e spinte immigrazioniste giustificate dai sensi di colpa storici che dovrebbero avere gli europei".

 

"Nessuna ferma condanna delle violenze e dei saccheggi perpetrati durante le proteste - continua -, nessuna seria presa di distanza dalle assurde campagne talebane contro i monumenti della nostra storia. Un testo invotabile".

 

 

Dura reazione del segretario del Pd, Nicola Zingaretti, che twitta:  "Al Parlamento Europeo Lega e Fratelli d'Italia votano no alla risoluzione contro il razzismo in seguito alla morte di George Floyd. Che vergogna! C'è chi soffia sull'odio e c'è chi, come noi, lo combatterà sempre. Per una comunità più unita". 

 

 

Così anche Martia Elena Boschi: "Lega e Fdl in Europa hanno votato contro la risoluzione su razzismo e violenza dopo il caso Floyd. Ci divide il giudizio su populismo e globalizzazione. Ma soprattutto abbiamo un'idea diversa sui valori e sulla politica. Siamo diversi da che non condanna razzismo e violenza"

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
18 giugno - 19:10
Vertice tra Provincia, Upipa e Spes per l’analisi delle richieste che sono arrivate dal mondo delle case di riposo. L'assessora Stefania [...]
Cronaca
18 giugno - 18:58
Il sindacato dei giornalisti del Trentino Alto Adige incassa una vittoria (''parziale'') sul fronte della condotta antisindacale da parte della [...]
Cronaca
18 giugno - 16:15
Lo ha annunciato il ministero per la Salute prolungando anche le misure di ingresso da India Bangladesh e Sri Lanka
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato