Contenuto sponsorizzato

L'estate sta per finire ma (finalmente) arrivano i criteri per il bonus vacanze della Provincia. Ma tra marca da bollo e tassa di soggiorno, l'importo si abbassa ancora

La campagna "O amato Trentino. Vacanze km 0: la bellezza proprio dietro casa" per promuovere il bonus da 50 o 100 euro riservato ai residenti che decidono di trascorrere un periodo di ferie sul territorio è stata lanciata a luglio. Ma solo in agosto la piattaforma entra in funzione per una misura definita poi nel corso dell'ultimo assestamento di bilancio

Di Luca Andreazza - 21 agosto 2020 - 21:15

TRENTO. L'estate si avvicina alla conclusione e passato Ferragosto si avvia alla fase discendente. La volontà del settore, come sempre, è quella di allungare il periodo delle ferie anche a settembre e ottobre (Qui articolo), ma la stagione si dirige verso le battute finali. E la Provincia presenta (finalmente) il bonus vacanze in Trentino.

 
La campagna "O amato TrentinoVacanze km 0la bellezza proprio dietro casa" per promuovere il bonus da 50 o 100 euro riservato ai residenti che decidono di trascorrere un periodo di ferie sul territorio è stata lanciata a luglio (Qui articolo). Ma solo in agosto la piattaforma entra in funzione per una misura definita poi nel corso dell'ultimo assestamento di bilancio

 

La Provincia ha stanziato 3 milioni (che sembrano più o meno quelli a bilancio e non assegnati alle Apt) e ora, venerdì 21 agosto, sono stati presentati i criteri per poter accedere a questa misura che operativamente si attiva il 26 agosto. Meglio tardi che mai. "Crediamo che questo bonus possa dare un sostegno concreto agli operatori e quindi ai lavoratori del settore e possa, inoltre, rappresentare un’opportunità per i trentini che vogliono concedersi una vacanza, a un prezzo interessante, nella nostra splendida terra", questo il commento dell'assessore Roberto Failoni.

 

Il periodo preso in considerazione va dall'1 luglio al 30 novembre 2020. E’ quanto prevedono i criteri e le modalità di presentazione della domanda e concessione dell’incentivo approvati dalla Giunta provinciale.

 

L'importo è di 50 euro a persona pagante per un soggiorno minimo di tre notti continuative e in 100 euro per un soggiorno minimo di sette notti e non può essere comunque superiore alla spesa sostenuta. Può essere concesso anche più volte alla stessa persona.

 

La domanda viene presentata dall'intestatario della documentazione fiscale (fattura o ricevuta) rilasciata dalla struttura ricettiva dove è stato effettuato il soggiorno, anche se riguarda più persone.

 

Se una famiglia di 4 unità soggiorna in un hotel, deve essere l'intestatario del documento fiscale a presentare la domanda per tutti i componenti del nucleo. Se la richiesta di bonus viene fatta per un gruppo, chi presenta la domanda dovrà far compilare e firmare da ciascun componente del gruppo una semplice dichiarazione sostitutiva scaricabile dal portale e avere a disposizione i documenti di identità scansionati di ognuno.  

 

La richiesta del bonus avviene esclusivamente online (Qui info) e può essere presentata a partire dal 26 agosto e fino al 10 dicembre 2020. "Al contrario del bonus statale - aggiunge Failoni - noi diamo il contributo direttamente agli utenti e lo diamo a tutti. L'unico requisito è quello di essere residenti in Trentino. Volutamente, abbiamo semplificato al massimo la procedura. Terminata la vacanza basta presentare la fattura e si ottiene il contributo"

 

Il bonus vacanza è cumulabile con analoghi incentivi attivati a livello nazionale, forse perché i 50 o 100 euro sono stati considerati da più parti come una semplice mancetta. Un importo provinciale comunque destinato a venire ulteriormente rosicchiato: si paga la tassa di soggiorno (sono esentati i familiari di pazienti ricoverati nelle strutture sanitarie e ospedaliere; le forze dell'ordine e di protezione civile nell'esercizio delle loro funzioni) e serve una marca da bollo di 16 euro per inoltrare la richiesta.


A livello nazionale è l'esercente a fare domanda di rimborso allo Stato mentre per le famiglie si può arrivare a un bonus di 500 euro per i nuclei composti da tre persone, 300 euro le coppie e 150 euro per il singolo purché si abbia un reddito Isee inferiore ai 40 mila euro.

 

Un provvedimento ideato a Roma per incentivare i cittadini a recarsi in vacanza nonostante i problemi di liquidità e sostenere il mercato, mentre quello provinciale ragiona nel senso opposto e conta sulla disponibilità economica del residente che anticipa i soldi e poi effettua domanda per il rimborso e con calma, tanta calma visto che la Provincia è sembrata pronta, ma non prontissima.

 

Proprio per i ritardi di piazza Dante, la misura potrebbe sostenere in particolari quei turisti trentini che già una vacanza possono permettersela in quanto comunque il soggiorno deve essere saldato al check-out e meno invece quelle famiglie effettivamente più in difficoltà e che non hanno liquidità immediata da spendere. Non sono stati, infatti, resi noti eventuali criteri collegati al reddito di un nucleo familiare.

 

"Il turismo in Trentino è oggettivamente importante. Molti gli italiani che scelgono il territorio, non solo seconde case e campeggi, ma anche gli hotel. Occorre capire cosa succederà a settembre quando solitamente le presenze sono legate agli stranieri", conclude il presidente Maurizio Fugatti.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
21 aprile - 16:22
Dopo il video che Beppe Grillo ha caricato sul web per difendere il figlio indagato per violenza sessuale di gruppo, sono state tante le [...]
Cronaca
21 aprile - 16:18
Sono stati analizzati 2.635 tamponi tra molecolari e antigenici. Oggi 22 casi tra over 60 e 25 contagi tra giovani e ragazzi in età scolare
Ambiente
21 aprile - 15:39
Per i portavoce dei biodistretti di Trento, Gresta e Valle dei Laghi il ddl promosso dall'assessora Zanotelli è da bocciare: ''I tempi [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato