Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, apertura impianti a gennaio. Failoni: ''Bene avere una data. Presto per i ristori ma richiesta 30%''. Partita la campagna promozionale

Una partita evidentemente delicata è quella legata ai ristori, si parla di almeno 135 milioni per albergatori e impiantisti. Originariamente le campagne promozionali erano state pianificate per gli inizi di ottobre, la seconda ondata ha cambiato i piani

Di Luca Andreazza - 03 dicembre 2020 - 19:25

TRENTO. "Perdere Natale è come perdere agosto in estate ma credo che oggi sia importante poter dare una prospettiva di ripartenza al comparto". Così l'assessore Roberto Failoni sulla stagione invernale. Il Dpcm è in arrivo e la previsione è quella di aprire gli impianti per gli sciatori amatoriali dopo l'Epifania, il 7 gennaio. Un'apertura legata all'approvazione dei protocolli di sicurezza da parte del Cts. 

 

"Siamo molto attenti a questa situazione. C'è anche un grandissimo problema del personale - dice l'assessore - che deve essere assunto in tempi diversi. Adesso ragioniamo sull'avvio della stagione perché una data di partenza è importante per togliere un po' di ansia e di paura al mondo imprenditoriale, così come ai lavoratori".

 

Una partita evidentemente delicata è quella legata ai ristori, si parla di almeno 135 milioni per albergatori e impiantisti. "Valutiamo nei prossimi giorni. Oggi è difficile parlare di una cifra. Tanti auspicano dei ristori della portata di Germania all'80% o Austria al 75% - evidenzia Failoni - ma penso che viste le condizioni economiche del Paese ci possiamo aggirare intorno al 30%. A oggi sono arrivati alle nostre aziende solo decimali e quella percentuale può essere considerata congrua".

 

L'assessore ritorna anche sull'ipotesi avanzata da alcune Regioni nei giorni scorsi di apertura degli impianti e delle piste da sci almeno per i residenti. Una proposta definito "Una beffa". "Era un ragionamento riferito alle Regioni vicine - aggiunge Failoni - gli abitanti della Lombardia possono andare a Bormio; quelli di Venezia, Verona o Vicenza potrebbero raggiungere le seconde case a Cortina. I lavoratori potrebbero magari andare via da Trentino, Alto Adige e val d'Aosta" (Qui articolo). 

 

Si ritorna anche sulla promozione. E' iniziata la campagna di Trentino Marketing, una prima uscita a livello nazionale, che veicola un messaggio di attesa. Un'operazione che parte concretamente da domenica 6 dicembre. "La macchina non si ferma - conclude Failoni - tutti gli attori del comparto sono stati interessati e coinvolti. E' una campagna soft e va avanti fino al 12 dicembre. Una volta approvato il protocollo di sicurezza, rafforziamo le azioni". 

 

Originariamente le campagne promozionali erano state pianificate per gli inizi di ottobre, sui mercati internazionali, e gli inizi di novembre per il mercato nazionale. L’evoluzione della pandemia Covid-19 a inizio autunno ha cambiato i piani, posticipato l'avvio e modificato i contenuti.

 

L'obiettivo in questa fase è quello di comunicare il fascino dell’ambiente Trentino senza espliciti riferimenti alla vacanza. Il messaggio "Aspettiamo, ti aspettiamo" fa leva sul valore della resistenza, come strumento per superare i momenti di difficoltà, ma si cerca di evidenziare che il Trentino si prepara per accogliere, appena possibile, gli ospiti in sicurezza.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 gennaio - 05:01

Dalle versioni contraddittorie di Pat e Apss alla conferma del Ministero della Salute che sottolinea: “Il tampone molecolare di controllo deve essere fatto nel più breve tempo possibile. Su questo non c’è dubbio. Non mettiamo un limite temporale, ma possibilmente entro 24-48 ore”. Eppure in Trentino è stato dimostrato che servono almeno 10 giorni

23 gennaio - 20:31

Sono 246 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 6 decessi, mentre sono 28 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

23 gennaio - 19:50

Oggi la conferenza Stato - Regioni, Fugatti: ''I programmi dell'arrivo dei vaccini sono saltati. Ci dobbiamo arrangiare con gli strumenti che abbiamo. Con i vaccini, purtroppo, ci vorrà molto tempo per avere un numero alto di somministrazioni nella popolazione”

 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato