Contenuto sponsorizzato

Patt e Onda Civica intervengono sulle Rsa: “Ascoltare il disagio di parenti e ospiti, l’assessorato intervenga”

Onda Civica che il Partito autonomista chiedono all’assessorato di intervenire venendo incontro alle richieste dei parenti degli anziani ospitati in Rsa che vorrebbero rivedere le norme che impediscono il contatto con i propri cari: “​Trascorsi cinque mesi non è ancora cambiato nulla”

Di Tiziano Grottolo - 11 August 2020 - 16:06

TRENTO. In questi giorni si è tornati a parlare di Rsa (articoli QUI e QUI), da un lato ci sono i parenti degli anziani ospitati che chiedono di poter avere maggiori contatti con i loro cari, dall’altro c’è la necessità di impedire lo scoppio di nuovi focolai.

 

Ora, anche la politica spinge affinché l’assessorato alla salute presieduto da Stefania Segnana intervenga: “È chiaro che le prime misure restrittive ed urgenti erano una risposta decisa al dilagare della pandemia data da Covid-9 – osserva Paola Demagri del Patt – trascorsi cinque mesi non è ancora cambiato nulla. È trascorso troppo tempo senza che l’assessorato si attivasse per intraprendere un percorso di riavvicinamento alla normalità”.

 

Secondo l’autonomista la chiusura totale non può essere l’unica soluzione percorribile “perché è deleteria per gli anziani che hanno bisogno di contatti umani con i propri cari”. In altre parole va trovata un’altra soluzione che garantisca sia la sicurezza che la serenità dei residenti e dei familiari. Il disagio dei parenti degli ospiti va ascoltato – conclude Demagri – l’assessorato Pat si impegni a trovare le soluzioni. Dobbiamo ricordare che dal punto di vista clinico il distacco dai familiari, le paure e la mancanza di normalità possono provocare nell’anziano dei danni importanti sia al corpo che alla mente”.

 

Sulla stessa lunghezza d’onda anche Filippo Degasperi e Andrea Maschio che chiedono di accogliere le richieste avanzate dai rappresentanti dei famigliari ospiti nelle case di riposo:Servono soluzioni immediate, con nuove modalità di riavvicinamento tra parente e ospite ed una collaborazione tra Provincia e comitati dei familiari, utile e necessaria per tutte le parti coinvolte, al fine di sostenere un’interazione di cui tutti dovrebbero beneficiare”.

 

A differenza di Demagri i due esponenti di Onda Civica puntano il dito contro la presidente di Upipa Francesca Parolari: “Rispetti i ruoli istituzionali lasciando parlare chi di dovere prima di intervenire in modo inappropriato”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

02 December - 07:38

Modifiche alle linee guida anche per quanto riguarda gli operatori: screening una volta in settimana e se non ci sono sintomi non servono test al personale che ha già contratto Covid-19 nei mesi scorsi. Francesca Parolari, presidente di Upipa: "Se aspettiamo l'insorgenza dei sintomi o aspettiamo la positività accertata di un operatore, rischiamo di non contenere il contagio. Dobbiamo agire su entrambi i fronti"

01 December - 18:30

Il Trentino chiede date certe al Governo e ribadisce la sua volontà di aprire gli impianti, ovviamente ai turisti prima che ai residenti. Intanto però oggi si contano altri 8 morti e il totale della seconda ondata sale a 257 mentre le persone in terapia intensiva restano 44 

01 December - 19:16

Da oggi tutti i pazienti oncologici che hanno la necessità di sottoporsi alle sedute di chemioterapia, ma anche di ricevere supporto psicologico, devono recarsi al Santa Chiara. "Il tema sanità è sempre stato cavalcato delle varie forze politiche di governo e quando nel 2018 sentivo parlare di cambiamento mi chiedevo a che cosa si alludesse. Ora l’ho capito: cambiamento per la Giunta significa togliere servizi, significa risparmiare, significa tagliare, significa sanità Trento-centrica"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato