Contenuto sponsorizzato

Referendum costituzionale 2020, Marini per il ''Sì'': ''La rappresentatività è regolata dalla legge elettorale e non dal numero di deputati e senatori''

Se dovesse passare il referendum, il taglio andrebbe a toccare entrambi i rami delle camere per una diminuzione totale di 345 rappresentanti. Il parlamento italiano vedrebbe una riduzione del 36,5% dei componenti dei due rami: la Camera passerebbe dagli attuali 630 a 400 deputati e si scenderebbe da 315 a 200 senatori. Ovviamente Alex Marini (Movimento 5 stelle) è un sostenitore del "Sì"

Di Luca Andreazza - 16 settembre 2020 - 20:32

TRENTO. Non solo le elezioni comunali, domenica 20 e lunedì 21 settembre la cittadinanza è chiamata a esprimersi anche sulla modifica degli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione: il taglio dei parlamentari. Un cavallo di battaglia del Movimento 5 stelle

 

Se dovesse passare il referendum, il taglio andrebbe a toccare entrambi i rami delle camere per una diminuzione totale di 345 rappresentanti tra 115 senatori e 230 deputati. Ovviamente Alex Marini è un sostenitore del "". "Il parlamento - spiega il consigliere provinciale pentastellato - diventerebbe più efficiente e fluido. Questa riduzione è ormai necessaria perché ci sono numerosi spazi di rappresentanza che potrebbero essere rafforzati nel solco di quanto pensato dai costituenti".

 

Il parlamento italiano vedrebbe una riduzione del 36,5% dei componenti dei due rami: la Camera passerebbe dagli attuali 630 a 400 deputati e si scenderebbe da 315 a 200 senatori (in questo caso si devono aggiungere poi i 5 senatori a vita).

 

"I luoghi di rappresentanza rispetto al 1948 e 1963 sono notevolmente aumentati - aggiunge Marini - come il parlamento europeo che è passato da coinvolgere 6 Stati alle attuali 28 Nazioni. Ci sono poi i parlamenti e consigli regionali, che possono essere ulteriormente rafforzati. A questo si aggiungono le tante autorità per controllare il corretto funzionamento della macchina pubblica. Nel frattempo la Corte costituzionale è diventata più efficiente e puntuale. Questa riforma è ormai diventata necessaria". 

 

In sostanza ogni deputato rappresenterebbe in media 153.685 cittadini e ogni senatore 301.223 persone, sempre neonati compresi. Il risparmio annuo per l'Italia si attesta a 0,007%, frutto di una minore spesa di 81,6 milioni l’anno per le indennità non più dovute. Per esempio la legge di bilancio del 2020 prevede una spesa complessiva di 662 miliardi. E il Trentino Alto Adige passerebbe da 11 a 7 deputati e da 7 a 6 senatori

 

"Non c'è però nessun rischio per la rappresentatività e per la democrazia. Il pluralismo non è il numero di parlamentari tra Camera e Senato ma viene regolato dalla legge elettorale. Il Movimento 5 stelle propone da sempre una base proporzionale con le preferenze. In questo momento manca quest'ultimo punto per trovare un accordo con il Partito democratico, ma i meccanismi per le elezioni possono essere definiti successivamente attraverso una legge ordinaria. C'è tutto il tempo per pensare e valutare questi aspetti", conclude Marini.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 settembre - 23:37

A livello provinciale l'affluenza alle urne si attesta a circa il 50% degli aventi diritto. Urne aperte anche lunedì 21 settembre dalle 7 alle 15 per rinnovare i consigli comunali e indicare "Sì" o "No" al referendum

20 settembre - 20:58
L'allerta è scattata intorno alle 18 di questa sera, domenica 20 settembre, quando è stato trovato un pezzo di un cadavere. A lanciare l'allarme un pescatore che ha notato una sagoma affiorare dall'acqua. Avviate le indagini da parte della scientifica e dei carabinieri. In azione anche i vigili del fuoco
20 settembre - 20:29

Sono 13 le persone che ricorrono alle cure del sistema sanitario, nessun paziente si trova in terapia intensiva ma 5 cittadini sono in alta intensità. Sono 5.318 i guariti da inizio emergenza e 568 gli attuali positivi. Nel rapporto odierno, domenica 20 settembre, si specifica che 20 sono sintomatici, compreso 1 minorenne, e 8 casi sono ascrivibili ai focolai scoppiati negli ultimi giorni sul territorio provinciale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato