Contenuto sponsorizzato

Sentenza vaccini, Sgarbi contro Lorenzin: “Parole vergognose, strappare un figlio alla madre è un atto di inaccettabile violenza”

Il tribunale di Trento ha disposto una limitazione parziale della responsabilità genitoriale nei confronti di una mamma che non voleva vaccinare il figlio. Sgarbi: “Strappare un figlio alla propria madre naturale è un atto di inaccettabile violenza, come si può affermare una simile boiata?”

Di Tiziano Grottolo - 10 August 2020 - 00:12

TRENTO. Il presidente del Mart Vittorio Sgarbi interviene a gamba tesa sulla vicenda che ha coinvolto una madre trentina che non voleva vaccinare il proprio figlio. Nei giorni scorsi infatti, il tribunale di Trento si è pronunciato limitando, parzialmente, la possibilità per la madre di decidere sull’opportunità o meno di vaccinare il figlio di soli 2 anni.

 

In questo caso il giudice ha ritenuto più importante tutelare la salute del piccolo ravvisando che fosse più pericoloso per il bambino esporsi alla possibilità di contrarre una malattie grave, piuttosto che la remota eventualità di insorgere in complicazioni. Inoltre sono state tenute in considerazione anche le ripercussioni socio-educative sul piccolo e le conseguenze negative create dal conflitto generato dai genitori (QUI articolo).

 

Se le sentenze vanno rispettare, in Italia, spesso e volentieri, si commentano: “Questa pronuncia evidenzia ancora una volta che i figli non sono proprietà dei genitori ma sono titolari di propri diritti incomprimibili e il giudice in un ordinamento moderno e avanzato tutela l’inviolabilità dei diritti in capo al bambino anche di fronte ai genitori”, ha affermato l’ex ministra della salute Beatrice Lorenzin.

 

L’irrazionale convincimento del genitore mina l’integrità e la salute del bambino – ha aggiunto Lorenzin – dobbiamo comprendere che in questa fase oltre al rischio Sars-CoV-2 rimane intatto il rischio delle altre infezioni, quelle che devono essere debellate da vaccinazione obbligatoria”.

 

Vicenda chiusa dunque? Tutt’altro, perché alle parole dell’ex ministra hanno fatto eco quelle del presidente del Mart, nonché “collega” in Parlamento, Vittorio Sgarbi: Le parole delle Lorenzin sono vergognose. Strappare un figlio alla propria madre naturale è un atto di inaccettabile violenza. Di chi sarebbero i figli se non di chi li ha concepiti? Ma come si può affermare una simile boiata?”, si è domandato il critico d’arte. Sicuramente la sentenza sta facendo discutere e si inserisce nell’ampio dibattito sviluppatosi attorno all’obbligatorietà dei vaccini.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 13 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
14 April - 15:25
In Trentino sarebbe tutto pronto per il via libera alla ristorazione. Salvini: "Ho sentito l'assessore al turismo della Provincia di Trento, mi ha [...]
Politica
14 April - 16:13
Al Governo si chiede anche di fare pressione sulle autorità egiziane per la liberazione dello studente. Maestri: “C’è anche il sì di [...]
Cronaca
14 April - 15:23
All'interno delle 21 capanne allestite in un villaggio alla periferia di Niamey, è bastato poco affinché il rogo si propagasse velocemente. I [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato