Contenuto sponsorizzato

Dopo il ''Sudici Sudisti'' è il presidente Piccoli a ''salvare'' Merler: "Bisogna guardare avanti'' e lancia una riforma del consiglio. Maschio: ''Vicepresidenza depotenziata''

Le voci di indignazione non sono bastate e le prese di posizione della maggioranza sembrano essere servite ben poco. La soluzione del caso l'avrebbe trovata il presidente Piccoli creando una commissione per la riforma del regolamento del Consiglio Comunale. Onda Civica: ''Merler per rimanere al suo posto deve accettare suo malgrado tutto"

Di Giuseppe Fin - 14 gennaio 2021 - 12:56

TRENTO. Una commissione paritetica per un nuovo regolamento del Consiglio comunale capace di rilanciarne anche il ruolo. E' questa, in poche parole, la "soluzione" che il presidente del Consiglio comunale di Trento Paolo Piccoli assieme al vicepresidente Andrea Merler, hanno trovato per uscire dal blocco che si era creato nei giorni scorsi a causa delle dichiarazioni fatte su Facebook da quest'ultimo. (QUI L'ARTICOLO) (QUI IL BLOG DI CARMINE RAGOZZINO)

 

Per qualcuno “un intervento da notaio” per altri semplicemente “politica”. Fatto sta che il polverone che si è creato all'inizio di gennaio quando il consigliere ed ex candidato sindaco Andrea Merler in un post su Facebook aveva scritto: “Siamo cittadini e non sudditi di sudici sudisti” parlando anche di “Un governo meridionalista e sudista, in salsa Pd e 5Stelle, a trazione foggio-salernitana (con cultura del debito)”, ora si sta tentando di arginarlo in qualche modo. 

 

Come? Spiegando che questo episodio ha creato una frattura nel Consiglio comunale, un deficit di fiducia nell'istituzione che deve essere risolto rilanciandola. “Bisogna uscire dalle secche e guardare avanti perché si rischia di andare a sbattere” ha spiegato il presidente del Consiglio, Paolo Piccoli, in una conferenza stampa nel suo ufficio a palazzo Thun affiancato da Merler.

Bisogna ricucire – ha proseguito - non facendo accordi ma semplicemente chiedendoci, come rilanciare il ruolo del Consiglio? Insieme dobbiamo fare qualcosa. Se la crisi riguarda l'Istituzione noi dobbiamo rilanciarla e solo in questo modo si verifica ripresa dalla fiducia”. E le richieste arrivate nei giorni scorsi da parte della maggioranza di un passo indietro di Merler e le ipotesi di una mozione di sfiducia ? “Non è questione di fare passi indietro ma dobbiamo tutti andare avanti assieme” spiega Piccoli sottolineando che i “giudizi rimangono in sospeso”.

 

Andrea Merler dal canto suo ha spiegato della “volontà di voler lavorare tutti assieme” di “superare” il blocco che si è creato “per il bene comune” oltre gli errori.

 

Forse la penserebbero in maniera diversa le tante persone che hanno condannato in maniera forte le parole scritte da Merler dimostrandosi indignati. Ma c'è anche chi parla di imbarazzo nel vedere un vicepresidente ora “depotenziato”. “Ci saranno dei cambiamenti importanti nel regolamento che andranno anche ad indebolire in maniera forte le parti che facevano dell'ostruzionismo la loro forza” spiega Andrea Maschio di Onda Civica.

 

“Rivendichiamo di essere stati noi ad aver proposto una mozione di sfiducia e rimane comunque la perplessità e l'imbarazzo di vedere un vicepresidente che è depotenziato a questo livello. Per rimanere al suo posto deve accettare suo malgrado tutto. Non si capisce come possa essere di valore una vicepresidenza come questa” conclude Maschio.

 

Il presidente Piccoli e il vicepresidente Merler hanno quindi convenuto, assieme alle altre forze politiche, di istituire a breve, forse già entro la fine di gennaio, una commissione che sarà proposta dai Capigruppo per una riforma del regolamento imperniata sullo snellimento dei lavori e di tempi certi per l'approvazione degli atti più importanti. Nel ruolo di presidente della commissione, come garante, potrebbe essere nominato proprio Paolo Piccoli.

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 gennaio - 17:45

Nelle ultime 24 ore analizzati 708 tamponi. Sono stati comunicati altri 14 decessi a causa di Covid-19. Trovati 56 positivi tra tamponi molecolari e test antigenici, confermate 57 positività riscontrate nei giorni scorsi. Sono 107 le guarigioni

18 gennaio - 16:18

L'ex senatore prende il posto di Monica Morandini che dopo due mandati ha lasciato l'incarico

18 gennaio - 13:19

Cristina Corcho è una dei tanti volontari che in questi giorni aiutano i rifugiati o i migranti rimasti bloccati nel gelido inverno bosniaco. Con l'associazione spagnola No Name Kitchen distribuisce cibo e vestiti ai tanti che rimangono fuori dai campi profughi, riparandosi in tende improvvisate, casupole e fabbriche dismesse. "In molti attendono condizioni migliori. Chi si imbatte nella polizia croata viene malmenato e privato dei vestiti"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato