Contenuto sponsorizzato

Il Governo impugna il bilancio provinciale, Kompatscher decide di rivolgersi alla Corte Costituzionale

La decisione dopo che il Consiglio dei Ministri ha sollevato la questione di legittimità costituzionale. La Giunta ha deciso di difendere il bilancio di previsione 2021-2023 davanti alla Corte Costituzionale

Pubblicato il - 08 June 2021 - 16:38

BOLZANO. La Giunta provinciale di Bolzano ha deciso di costituirsi in giudizio davanti alla Corte Costituzionale per difendere il bilancio di previsione 2021-2023, che è stato impugnato dal Governo a Roma.

 

Le “Variazioni al bilancio di previsione della Provincia autonoma di Bolzano 2021-2023 e altre disposizioni” erano state pubblicate come legge provinciale 17 marzo 2021, n. 3, nel Bollettino Ufficiale della Regione il 18 marzo 2021.

In sede di controllo obbligatorio il Consiglio dei Ministri ha sollevato la questione di legittimità dell’articolo 1 della legge provinciale. In sostanza, secondo il Governo, sarebbe in contrasto con la Costituzione in materia di armonizzazione dei bilanci pubblici.

 

"La Provincia ha iscritto nel bilancio somme che le spettano in base agli accordi con lo Stato già in essere, l'Accordo di Milano del 2009 e il Patto di garanzia del 2014", ha spiegato il presidente della Provincia Arno Kompatscher nella conferenza stampa al termine della seduta di Giunta.

 

"Il Governo ha già compiuto qualche passo in avanti con il decreto Sostegni bis, iscrivendo 60 milioni da versare alla Provincia di Bolzano in base al Patto di Garanzia", ha riferito Kompatscher, che domani sarà a Roma per chiarire assieme al ministro dell'economia e delle finanze Daniele Franco i vari aspetti della questione. In base al Patto di Garanzia del 2014, lo Stato è tenuto a rimborsare alla Provincia nell'arco di 30 anni le somme che le erano state tolte, senza preventivo accordo, da parte del Governo Monti. Si tratta di un importo complessivo di oltre 600 milioni di euro, che dovranno essere restituiti in rate da 20 milioni di euro dal 2019 in avanti.

 

Non si ha nessuna notizia, invece, per quanto attiene le somme spettanti alla Provincia di Bolzano derivanti dall'Accordo di Milano del 2009, che prevede la partecipazione della Provincia ai gettiti fiscali derivanti dalle accise che lo Stato percepisce sugli oli minerali a scopo di riscaldamento e quelli riferiti ai tributi sui proventi dei giochi d'azzardo. Si parla di una somma complessiva di 450 milioni di euro.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
24 giugno - 06:01
In aula è andato in scena un duello fra Dallapiccola e il presidente Fugatti che è apparso in difficoltà nel giustificare le scelte della Giunta [...]
Cronaca
24 giugno - 09:22
La donna è stata uccisa a coltellate apparentemente senza alcun motivo da un uomo 34enne affetto da turbe psichiche. Come dimostrano i [...]
Ricerca e università
23 giugno - 17:41
Gli universitari dei 12 atenei della rete Eciu (The European Consortium of Innovative Universities) sono chiamati a mettere in pratica le [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato