Contenuto sponsorizzato

Schmid si dimette da assessore, ma i “suoi” vigili del fuoco lo difendono: “Gogna mediatica sul nostro comandante”

Dopo le dimissioni per via del doppio incarico (assessore e comandante dei pompieri) Schmid incassa la solidarietà della sindaca “esagerato accanimento mediatico”, e dei “suoi” vigili del fuoco: “Onorati che abbia scelto di continuare a esercitare il suo ruolo all’interno del Corpo anche se costretto a malincuore a sacrificare il suo impegno nell’amministrazione comunale”

Di Tiziano Grottolo - 04 April 2021 - 21:26

CIVEZZANO. Alle ultime elezioni comunali Gianluca Schmid (160 voti, il più votato della sua lista) si è guadagnato un posto in Consiglio comunale, per poi essere scelto dalla sindaca Katia Fortarel nella sua squadra di assessori (peraltro una carica già ricoperta anche nella passata consiliatura). Eppure pochi giorni fa è stato costretto a dimettersi a causa delle polemiche sollevate dalla minoranza (fra cui compare anche la Lega) per via del suo doppio ruolo di assessore e comandante dei vigili del fuoco volontari di Civezzano.

 

Infatti, secondo i consiglieri di opposizione, che citano il codice deontologico dei vigili del fuoco volontari, la carica politica è incompatibile con quella di comandante dei pompieri. In tal senso va specificato che il codice non ha comunque nessun valore legale o giuridico per le amministrazioni comunali. Nonostante ciò, il passo indietro c’è stato comunque, Schmid ha scelto di continuare a guidare i pompieri di Civezzano lasciando la carica politica.

 

 

Dopo le dimissioni però, sono arrivati tanti attestati di stima sia dai concittadini di Civezzano sia dalle parti coinvolte. “La rinuncia alla carica di assessore e consigliere – afferma la sindaca in una nota – è maturata, purtroppo, a seguito di un esagerato accanimento mediatico nei confronti della sua persona avvenuto, peraltro, nelle sedi non titolate. Riteniamo, rammaricandocene, che tali questioni abbiano dato adito esclusivamente a sterili polemiche e inutili strumentalizzazioni politiche che purtroppo sono finite per ledere la reputazione ed il rispettato lavoro di una persona preziosa che da 25 anni dedica tempo vita al proprio paese”.

 

Con il comandate si sono schierati anche i “suoi” vigili del fuoco che spiegano le loro ragioni in una lunga lettera (in allegato), parlando di “un ingiustificato processo mediatico” e accusando la stessa Federazione dei vigili del fuoco di “superficialità” per come è stata trattata la questione. “Esprimiamo tutta la nostra solidarietà e vicinanza al nostro comandante sentendoci onorati dal fatto che abbia scelto di continuare a esercitare il suo ruolo all’interno del Corpo anche se costretto a malincuore a sacrificare il suo impegno nell’amministrazione comunale”.

 

I pompieri di Civezzano però non le mandano a dire nemmeno all’opposizione: “L’astensione al voto del nostro bilancio da parte del gruppo Uniti per Civezzano, peraltro senza giustificazione alcuna, ci rammarica e ci infastidisce poiché mina la certezza di un servizio gratuito e fondamentale per tutta la comunità”.

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
21 aprile - 12:49
La ministra per gli Affari Regionali contro il green-pass altoatesino: “Proprio perché non amo impugnare gli atti delle Regioni ho fatto [...]
Cronaca
21 aprile - 11:57
A Bolzano nessun decesso registrato nelle ultime 24 ore, i molecolari che sono risultati positivi al coronavirus sono stati 90, mentre i tamponi [...]
Cronaca
20 aprile - 21:47
Sono 1.278 le persone attualmente contagiate in Trentino. Sono 17 i territori con 1 persona attualmente positiva. Registrate 145 guarigioni dal [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato