Contenuto sponsorizzato

Il “blitz” notturno della forestale diventa un caso politico, Degasperi: “Intervento autoritario, si poteva fare diversamente”

Dopo la liberazione dei capriolo interviene Degasperi con un’interrogazione: “Gli animali sarebbero stati liberati senza una preventiva visita veterinaria che ne accertasse la completa guarigione e non è nemmeno chiaro dove siano stati rilasciati”

Di T.G. - 23 marzo 2022 - 10:49

TRENTO. Aveva fatto molto discutere il “blitz” notturno condotto dalla forestale per liberare 3 caprioli che si trovavano in un recinto, una sorta di “centro di recupero” per ungulati feriti, adiacente alla stazione forestale di Cavedago. Come sottolineavano Michele Dallapiccola e Paola Demagri, consiglieri del Partito autonomista, per chiarire i fatti ci sarebbe la necessità di “capire cosa è successo e sapere come la Giunta intende procedere per la gestione dei selvatici feriti o debilitati”.

 

D’altra parte il sindaco di Cavedago, Corrado Viola, aveva commentato con un po’ di dispiacere l’accaduto: “Se era una questione di routine si poteva fare alla luce del sole magari avvisando per tempo i diretti interessati”. Dal canto suo Giovanni Giovannini, dirigente servizio foreste e fauna aveva tentato di smorzare le polemiche: “Gli animali vanno liberati, come da prassi, non c’è stato nulla di strano si è trattato di un’operazione di routine. Il recinto resta a disposizione per poter ospitare nuovi animali, detto questo è chiaro che i caprioli vengono liberati la mattina presto o la sera tardi per limitare i fattori di stress che si potrebbero riscontrare durante il giorno”.

 

Ora però sulla vicenda interviene anche il consigliere di Onda Civica Filippo Degasperi, che esterna tutte le sue perplessità: “La struttura, gestita a titolo gratuito da un ex forestale in pensione incaricato dalla Pat e che ospitava dallo scorso autunno in un recinto tre caprioli, sarebbe stata oggetto di un vero e proprio blitz da parte della forestale che, durante la notte, sarebbe intervenuta tranciando i lucchetti del centro per liberare gli animali”.

 

Secondo il consigliere di Onda Civica l’operazione si sarebbe potuta compiere con modalità più civili. “I caprioli – aggiunge – erano ricoverati nella struttura non per vezzo ma per applicazione del preciso disposto normativo. L’intervento, a dir poco autoritario del corpo forestale, si sarebbe potuto svolgere in modo diverso, avvisando per tempo i diretti interessati e senza procurare un danno alla struttura. Va ricordato che gli animali sarebbero stati liberati senza una preventiva visita veterinaria che ne accertasse la completa guarigione e non è nemmeno chiaro dove siano stati rilasciati”. Sul tema Degasperi ha depositato anche un’interrogazione.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 23 giugno 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
25 giugno - 18:21
Dopo la tragedia in autostrada costata la vita alla 31enne infermiera sono stati tantissimi i messaggi di cordoglio alla famiglia. Il fratello [...]
Politica
25 giugno - 17:35
Il presidente Fugatti ha detto che ''il ministro qui in Val di Non è venuto a visitare le strutture e a conoscere da vicino i progetti che le [...]
Cronaca
25 giugno - 15:46
Il bambino avrebbe ingerito qualcosa che gli sarebbe poi andato di traverso, per questo rischiava di morire soffocato: rianimato da un carabiniere [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato